laRegione
scherwey-lascia-la-nazionale-lo-devo-al-mio-corpo
Keystone
‘Credevo fosse un problema di materiale, e invece...’
24.05.22 - 21:00

Scherwey lascia la Nazionale. ‘Lo devo al mio corpo’

Il club gli avrebbe concesso di restare, ma l’attaccante del Berna decide di tornare a casa per operarsi. ‘A un certo punto non sentivo più il piede’

Protagonista sfortunato di questo Mondiale, vittima della frattura della caviglia domenica sera contro la Francia, Tristan Scherwey alla fine decide di fare ritorno in Patria. «A un certo punto non sentivo più il piede: credevo fosse un problema di materiale, poi ho tolto pattino e calza e ho capito... E dire che non è stato nulla di che: volevo solo fare un check, ho cercato il contatto, poi tutto è andato così veloce». Per il trentunenne attaccante bernese il verdetto è arrivato poco dopo. «Mi hanno fatto una risonanza magnetica qui in pista, poi sono andato all’ospedale, accompagnato dalla mia ragazza, per farmi ingessare il piede. Quando sono rientrato, mi sono bevuto una birretta in albergo aspettando che i compagni tornassero dalla partita».

A quel punto Scherwey si è visto costretto a mettere in mostra le sue doti di attore. «Non volevo mostrare alla squadra tutta la mia delusione, non volevo influenzare negativamente i compagni. Ieri ho vissuto una giornata di totale relax e ho riflettuto sul da farsi: il Berna mi aveva dato il permesso di restare qui sino a fine Mondiali, ma dopo averci pensato ho deciso di tornare a casa così da potermi operare il prima possibile. Già domani o venerdì, credo. Lo devo al mio corpo. Poi non riesco a immaginarmi di restare qui a non fare nulla per quasi una settimana, caricando inutilmente un piede già menomato: prima si opera, meglio è. Supporterò la Nazionale da casa, anche se ovviamente fa malissimo dover rinunciare a quest’avventura. Il mio cuore piange, ma è così e non si può far nulla per cambiare le cose».

Per Scherwey c’è almeno una buona notizia. «Non conosco tutti i dettagli, ma gli specialisti a Berna hanno ricevuto tutte le radiografie, e a quanto pare è una rottura ‘buona’, per così dire. Sarebbe potuta andare molto peggio. In questo senso dovrei essere nuovamente arruolabile per l’inizio del campionato, senza contare che il ferimento non ha nulla a che vedere con l’ultimo: il piede in questione era il sinistro».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
iihf wc 2022 mondiali finlandia nazionale sc bern tristan scherwey
Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
CICLISMO
42 min
Comincia il Tour fra sospetti e Covid
Timori vecchi e nuovi attorno alla corsa più famosa al mondo che scatta oggi a Copenaghen
ATLETICA
7 ore
Duplantis vola a 6,16 metri, nuovo record del mondo
A Stoccolma, il pupillo di casa ha strabiliato ancora una volta. Bene Mujinga Kambundji nei 200 e la 4x100 con Ajla Del Ponte
CALCIO
10 ore
‘A due settimane dal via, siamo sulla strada giusta’
Mattia Croci-Torti soddisfatto del campo d’allenamento di Malles Venosta, nonostante la sconfitta in amichevole con l’Ingolstadt
Formula 1
11 ore
Hamilton: togliere spazio alle voci del passato
Continua la polemica fra il britannico e Nelson Piquet
TENNIS
12 ore
Wimbledon indigesto alla Svizzera, anche Golubic a casa
La zurighese, unica elvetica a raggiungere il secondo turno, è stata superata in due set dalla ceca Barbora Krejcikova
Calcio
13 ore
Siebatcheu lascia lo Young Boys
Il capocannoniere dello scorso campionato va all’Union Berlino
Hockey
13 ore
‘Ho la sensazione di poter ricevere un buon minutaggio’
Prime pattinate ad Ambrì per il giovane Valentin Hofer, in arrivo dallo Zugo: ‘Fisico, pattinaggio e tiro sono le mie principali qualità’
Hockey
17 ore
Kevin Fiala firma con i Los Angeles Kings
L’attaccante svizzero, scambiato dai Minnesota Wild, giocherà in California le prossime sette stagioni
Calcio
18 ore
Torna Shaqiri e Chicago ritrova il successo
Buona prova dello svizzero dopo l’infortunio alla coscia
calcio
1 gior
‘L’entusiasmo del pubblico può essere la marcia in più’
L’esperienza di Gaetano Berardi al servizio della difesa del Bellinzona. ‘È anche una scelta familiare’.
© Regiopress, All rights reserved