laRegione
FRITZ T. (USA)
1
NADAL R. (ESP)
1
3 set
(6-3 : 5-7 : 2-1)
timo-meier-la-fondue-appenzellese-mi-da-energia-per-segnare
Suo il 3-2 contro la Slovacchia
20.05.22 - 18:08

Timo Meier: ‘La fondue appenzellese? Mi dà energia per segnare’

Incontro con la star di Nhl. La delusione per la finale di Coppa persa dal San Gallo di un ragazzo profondamente attaccato alle sue radici

«Mi sento bene e l’inizio di questo Mondiale, con quattro vittorie consecutive, è ovviamente ideale», afferma Timo Meier. La stella dei San José Sharks è reduce da una stagione strepitosa condita da 35 reti e 41 assist, cifre da capogiro che lo hanno catapultato definitivamente in un’altra dimensione. «È una bella sensazione, per me è importante riuscire a migliorare stagione dopo stagione ed evidentemente non voglio fermarmi qui. Il mio obiettivo è di alzare sempre l’asticella e in questo senso anche questi Mondiali fanno parte del processo di progressione». L’apice della stagione è stato quella partita epica contro i Los Angeles Kings. L’appenzellese realizzò lo scorso 18 gennaio 5 reti diventando il primo giocatore nella storia della franchigia a realizzare una manita. «A volte hai tante occasioni e non segni, e poi ci sono quei match dove ogni disco entra, ecco, era una di quelle serate, me la sono goduta».

Timo, a differenza di tanti colleghi impegnati in Nordamerica, trascorre le estati in Svizzera. «Ho un rapporto molto stretto con la mia famiglia e i miei amici di Herisau e dintorni. Sono cresciuto lì, ci sto sempre volentieri e non riesco a immaginarmi di trascorrere l’estate lontano da casa, o perlomeno non ancora. In quei luoghi riesco a ricaricare le batterie e mettere tanta benzina in corpo al fine di affrontare la nuova stagione, anche grazie al mio allenatore personale, figura fondamentale durante la pausa estiva». Ormai in California il 25enne è una star, ma riesce comunque a vivere senza troppo stress. «San José ha sì tanti tifosi, ma ci sono tanti altri sport in questa regione e quindi il tutto si dilata un po’ e quindi la situazione non è così estrema, non c’è nessuno che ti pedina ad esempio, la gente spesso mi riconosce, ma è molto rispettosa».

Questa Nazionale sinora sta facendo molto bene, è la migliore di sempre? «È difficile fornire una risposta, anche negli ultimi anni il team era forte. L’atmosfera è come sempre ottima, vedremo ora cosa accadrà nelle partite che davvero conteranno. Sarà interessante vedere se nei momenti importanti, come nei quarti di finale, saremo pronti a sfoderare la prestazione necessaria al fine di andare avanti nel torneo».

‘Quando smetto voglio dare un contributo alla regione e alla comunità’

Meier è un tifoso incallito del San Gallo, da bambino andava sempre all’Espenmoos in curva a sostenere i verdi e in estate continua tuttora a recarsi allo stadio a seguire la sua squadra del cuore. Negli ultimi giorni evidentemente non ha passato momenti felici e oltretutto praticamente tutti i media ticinesi presenti a Helsinki lo hanno interpellato a tal proposito. «Certo, ho guardato la finale di Coppa Svizzera – afferma con un sorriso –, si svolgeva prima della partita contro la Danimarca. Dopo 70’, con il punteggio ormai già compromesso, ho dovuto spegnere al fine di calmarmi e concentrarmi in vista dell’impegno di qualche ora dopo con i danesi». L’attaccante potrebbe immaginarsi tra una quindicina d’anni un futuro nel sodalizio sangallese? «Magari come giocatore, potrei iniziare una seconda carriera da calciatore – risponde Meier in tono scherzoso –. Seriamente, quando smetterò, cercherò di dare un contributo maggiore alla regione e alla comunità, organizzando campi di hockey e altre cose. L’Fc San Gallo è ovviamente la colonna portante della zona, è praticamente un’istituzione, organizza tante attività, raccoglie soldi per i più bisognosi, i suoi giocatori visitano i malati all’ospedale. Queste sono le cose che mi rendono più fiero, quelle organizzate al di fuori del rettangolo verde. Sono ancora giovane, vedremo cosa succederà, ma in ogni caso io vorrò dare il mio aiuto».

Un’altra società sangallese, il Rapperswil, si sta ritagliando una fetta importante di notorietà dopo diversi anni e risultati degni di nota. «È bello vedere i progressi, ammirarli nei playoff e nelle parti alte della classifica. Ho giocato nelle giovanili dei Lakers e in estate ogni tanto scendo sul ghiaccio con loro, ho dunque parecchi rapporti con questa società».

A un appenzellese doc, l’ultima domanda non può non essere dedicata alla fondue (a modesto parere del sottoscritto la migliore). «A Natale mia sorella è venuta a trovarmi in California e ne ha portato una, è stato magnifico, me la sono proprio gustata, ho l’impressione che una fondue appenzellese mi dia sempre la carica e l’energia per segnare tanto».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fondue appenzellese iihf wc 2022 san jose sharks svizzera timo meier
Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
BOCCE
1 ora
Il campionato ticinese sorride ancora a Laura Riso
Quarto oro cantonale per l’esponente della Gerla, che in finale al bocciodromo di Lugano ha prevalso sulla locarnese Rosaria Cadei
AUTOMOBILISMO
2 ore
Dopo Misano Alex e Ivan restano in lotta per il titolo
I due piloti ticinesi in lizza nelle Gt4 European series sono al giro di boa della loro stagione, sempre con in linea di mira il successo in classe Pro-Am
Calcio
3 ore
Liga, il quarantenne Joaquin prolunga fino al 2023
Ennesima stagione da professionista per il capitano del Betis
Hockey
5 ore
Draft Nhl, Lian Bichsel sarà chiamato al primo turno?
Da qualche anno nessuno svizzero viene più scelto fra i migliori
Calcio
5 ore
Beloko dallo Xamax al Lucerna
Per il centrocampista contratto fino al 2025
salary cap
12 ore
Fiala e Jokic: stessa nazione, due mondi diversi
Sull’esempio dell’hockeista svizzero e del cestista serbo, ecco una piccola panoramica delle differenze salariali negli sport a stelle e strisce
TENNIS
23 ore
A Sinner non basta il 2-0, Djokovic si impone in cinque set
Il serbo in semifinale per la 43ª volta, l’11ª a Wimbledon. In campo femminile la sorpresa si chiama Tatjana Maria, Wta 103, alla sua prima semifinale
Hockey
1 gior
Un Peltonen a Kloten
Si tratta di Jasper, figlio di Ville, ex giocatore del Lugano
CALCIO FEMMINILE
1 gior
Euro di grandi numeri, la Svizzera punta ai quarti di finale
Inizia domani la fase finale della rassegna continentale. Attesi stadi esauriti (anche Old Trafford e Wembley per la finale). Premi raddoppiati
PALLANUOTO
1 gior
Nuovo coach per gli Sharks
Si tratta di Jonathan Del Galdo, proveniente dalla Serie A1 italiana
© Regiopress, All rights reserved