laRegione
HOCKEY
laR
 
16.05.22 - 21:32
Aggiornamento: 22:12

Dario Simion e il formato Nhl. ‘Ma adesso la mia testa è qui’

Il ticinese si gode il momento in un finale di stagione travolgente, oltre alla stima di Patrick Fischer. ‘A Zugo Dan Tangnes non mi dava pace’.

dario-simion-e-il-formato-nhl-ma-adesso-la-mia-testa-e-qui
Keystone
Il velo del ventisettenne valmaggese per il 2-0 in Svizzera-Danimarca

Un grave infortunio al piede in ottobre, tanto che era dovuto finire sotto i ferri per sistemare quel brutto taglio causato dalla lama del pattino di un avversario, e che gli era costato una pausa di oltre due mesi. Poi la disavventura ai Giochi di Pechino, con l’interminabile quarantena a causa del Covid. Tutto ciò, però, non ha impedito a Dario Simion di finire la stagione alla grande, con un epilogo da protagonista in campionato, con le sue reti pesantissime che hanno spianato allo Zugo la strada verso una clamorosa rimonta in finale con conseguente trionfo. E ora che è arrivata ai Mondiali, il ventisettenne ticinese è uno dei cardini della Nazionale. «È stata davvero una stagione molto particolare, piena di alti e bassi – racconta l’ala valmaggese –. Io ho cercato di restare sempre concentrato sul presente, e così sono riuscito a ottenere la convocazione per le Olimpiadi nonostante l’infortunio, e nei playoff ho vissuto in finale in crescendo. Sono davvero contento di aver convinto Patrick Fischer a selezionarmi anche per i Mondiali». Già, anche perché a differenza di Pechino, qui ci sono parecchie stelle della Nhl, quindi far parte della Nazionale è ancora più difficile. «Sono orgoglioso. C’è tantissima competizione, e per venir convocati bisogna dimostrare ogni giorno di meritarsi la chiamata».

E Simion se l’è meritata al punto che due giorni fa, di fronte ai giornalisti, Patrick Fischer ha dichiarato che il ticinese ora ha il formato per poter giocare in Nhl. Parole forti, forse il complimento più bello che si possa ricevere dal proprio allenatore. «Fanno molto piacere – commenta il ticinese –, in fin dei conti giocare in Nhl è il sogno di ogni giocatore. Io però ora voglio focalizzare la mia concentrazione solo sul Mondiale, e non devo lasciarmi influenzare da nient’altro». In ogni caso, negli ultimi due anni Simion ha avuto una crescita esponenziale. «Sono tanti gli elementi hanno contribuito a questa progressione – spiega –. Uno di questi è sicuramente è il mio coach a Zugo, Dan Tangnes: sempre creduto in me e mi ha sempre spinto. Il primo anno non mi ha lasciato in pace un secondo: diceva che avevo le potenzialità e che avrei dovuto fare di più. Poi ci sono i miei compagni di linea, gente del calibro di Kovar, Hofmann, Klingberg: tutti grandi giocatori, mi hanno aiutato molto. Anche l’aspetto mentale ha avuto la sua importanza: tre anni or sono iniziato un percorso con un mental coach e continuo a lavorare in quel senso da solo. Infine, a casa la mia ragazza mi fa trovare tutto pronto: non devo preoccuparmi di nulla, e la famiglia e i miei amici mi sostengono tutti i giorni».

‘In linea con Malgin? Ciò che è stato, è stato’

Ironia della sorte, in queste prime partite ai Mondiali il valmaggese gioca in linea con Denis Malgin, suo principale avversario nell’epica finale di qualche settimana fa. «Non ne abbiamo più discusso di quella serie – rivela –. Qui siamo in tutt’altro contesto, quello che è stato è stato. Ora giochiamo assieme e abbiamo un interesse comune, e ci concentriamo esclusivamente su questo obiettivo». Infatti, pur se alla Bossard Arena di talenti ne abbondano, qui a Helsinki la dimensione è ancora maggiore e potersi allenarsi e giocare con campioni del calibro di Timo Meier o Nico Hischier è un qualcosa di grandioso. Si riesce a carpire qualche segreto quando li si osserva giocare? «Sono degli ottimi giocatori, tanto che pure oltreoceano riescono a imporsi. Direi che sono le piccole cose che riescono a fare meglio degli altri. Ad esempio impiegano mezzo secondo in meno a tirare o riescono a effettuare un passaggio preciso all’ultimo istante. È questa la differenza, è questo a renderli così forti».

Helsinki è una città accogliente e il tempo in questi giorni è assai clemente, ma per i giocatori non c’è tempo per visitare la capitale finlandese. «Quando eravamo a Stoccolma, prima dell’inizio del Mondiale abbiamo avuto qualche giornata libera per conoscerci meglio, per uscire a mangiare assieme e fare qualche altra attività, ma da quando siamo arrivati in Finlandia il focus è rivolto al Mondiale: ci siamo focalizzati sull’entrata in materia nel torneo, e il tempo libero scarseggia». Un approccio che finora ha dato i suoi frutti. «La nostra è una squadra molto giovane, in cui tutti i blocchi portano energia. Contro la Danimarca, domenica, la chiave è stata la nostra pazienza: la seconda rete in powerplay ci ha poi dato definitivo slancio e in seguito i danesi non sono più usciti dalla loro zona».

La speranza è che tale prestazione venga ripetuta anche stasera contro il Kazakistan. A livello fisico, nonostante la stagione sfiancante Simion si sente pronto. «È stata lunga per tutti, abbiamo giocato molto e io ho speso parecchia energia. Ma per me – conclude – a questo punto dell’anno l’aspetto decisivo è più mentale che fisico, e quando giochi una decina di partite in una quindicina di giorni l’importante è dormire bene per recuperare le forze».

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
HC Aspi Capitals
9985
2
LucHC Lions
9922
3
Sparta Becherovka
9622
4
thibault_gav
9531
5
FHM2223
9504
6
TrigoAce1
9466
7
Team Belozoglu
9431
8
Team7
9385
9
HC Kaski Male
9365
10
Poitu
9248
TOP NEWS Sport
IL DOPOPARTITA
2 ore
Sono le situazioni a rendere speciale il ‘Rappi’
Un ottimo Lugano costretto alla resa dal powerplay sangallese. Gianinazzi: ‘Dobbiamo crescere in boxplay e stare alla larga dalla panchina’.
HOCKEY
4 ore
Il powerplay del Rapperswil è micidiale, Lugano battuto
La trasferta sangallese ha interrotto la striscia positiva dei bianconeri, sconfitti per 5-2 dagli uomini allenati da Stefan Hedlund
VOLLEY
5 ore
Sconfitto in campionato, il Lugano si rifà in Coppa
Le bianconere cedono strada all’Aesch Pfeffingen, prima di conquistare il biglietto per le semifinali nell’inedito derby con le ragazze di Bellinzona
BASKET
8 ore
La Coppa della Lega è della Spinelli Massagno
A Montreux si è imposta 73-69 contro il Vevey, grazie a una grande prova di Marko Mladjan, Williams e Galloway. Infortunio per Sefolosha
IL DOPOPARTITA
9 ore
L’Ambrì oltre i tre punti. ‘Abbiamo ritrovato la costanza’
I biancoblù rientrano da Langnau con tre punti d’oro sulla strada verso i preplayoff. ‘Ma restano altre 11 battaglie. Rüfenacht? Fisicamente è messo bene’
Calcio
9 ore
Acb, anno nuovo e problemi vecchi
Prestazione davvero deludente dei granata, sconfitti senza appello in casa dall’Yverdon (0-2)
Tennis
10 ore
Doppio colpo per Novak Djokovic
Il serbo a Melbourne fa suo il primo Slam dell’anno e riconquista la vetta dell’Atp. Fra le donne vince la bielorussa Sabalenka
Bob
11 ore
Bronzo mondiale per Vogt e Michel
A Sankt Moritz, nel bob a due, arriva la prima medaglia iridata per la Svizzera dal 2016
SCI ALPINO
13 ore
Mikaela Shiffrin si ferma a sei centesimi dal record di Stenmark
Nella Repubblica Ceca la statunitense chiude lo slalom alle spalle della tedesca Lena Dürr. Migliore elvetica, Michelle Gisin con il nono posto
Tennis
13 ore
Ventiduesimo Slam per l’insaziabile Djokovic
A Melbourne il serbo piega il greco Stefanos Tsitsipas in soli 3 set: 6-3, 7-6 (7/4), 7-6 (7/5)
© Regiopress, All rights reserved