laRegione
i-gol-e-la-volonta-di-meier-per-grandi-traguardi-voglio-l-oro
hockey
13.05.22 - 20:31

I gol e la volontà di Meier per grandi traguardi: ‘Voglio l’oro’

Inizia contro l’Italia il Mondiale di una Svizzera, che con una squadra rinnovata, avrà bisogno del contributo dei suoi Nhler per raggiungere l’obiettivo

È giunta l’ora della Svizzera che domani alle 15.20 sul ghiaccio di Helsinki inizia il suo Mondiale contro l’Italia, come già successo nel 2019 a Bratislava (finì 9-0). I tre punti al debutto sono imperativi, per legittimare le ambizioni di una nazionale che ha i mezzi per andare lontano, ma che non può permettersi un nuovo fallimento. A farne le spese sarebbe probabilmente il tecnico Patrick Fischer, il più longevo tra gli allenatori presenti a questi Mondiali (il finlandese Jukka Jalonen ha registrato più presenze complessive, ma in due momenti distinti), avendo assunto la funzione di head coach nel 2016. Dopo le Olimpiadi Fischer ha deciso di ringiovanire la rosa, portando tre debuttanti assoluti (Glauser, Egli e Miranda) oltre a Aeschlimann e Thürkauf già portati a Pechino. Complessivamente i reduci dai Giochi sono undici, tra cui i tre portieri e il solo Fora tra i difensori. Detto ciò, la rosa è di valore assoluto, considerando che comprende otto reduci dall’argento del 2018 e sette Nhler (Siegenthaler, Moser, Kukan, Meier, Hischier, Kurashev e Suter), mai stati così tanti e a cui potrebbe aggiungersi Kevin Fiala, uscito dai playoff con i suoi Minnesota Wild e la cui decisione è attesa in questi giorni.

Domenica alle 19.20 è invece in programma la sfida alla Danimarca, con cui la nostra nazionale ha un conto in sospeso. A Pechino infatti Boedker (assente però ai Mondiali), Regin e compagni si erano imposti per 5-3, approfittando di una Svizzera quasi inesistente per tutti i primi 45 minuti di gara. L’anno scorso a Riga si erano invece imposti i rossocrociati, con un calcistico 1-0, firmato Meier già in avvio di gara, concedendo soli quattro tiri agli avversari su tutto l’arco dell’incontro. Insomma non sarà per nulla facile avere la meglio sugli scandinavi.

E proprio il contributo di Meier sarà fondamentale per le sorti elvetiche, visto che il 26enne è reduce da una stagione clamorosa con la maglia dei San José Sharks, dei quali è stato il top scorer con 76 punti in 77 partite, nonostante i californiani siano rimasti esclusi dai playoff per il terzo anno consecutivo. «Ho imparato dagli errori del passato – riconosce Meier –, le esperienze acquisite quando non tutto va per il verso giusto sono molto preziose. L’importante è concentrarsi sulle cose che si possono controllare e giocare senza farsi troppo pensieri».

Il miglioramento mostrato dall’appenzellese (un anno fa aveva raccolto 31 punti in 54 partite) è arrivato da una progressione a livello fisico e del conseguente aumento del tempo di ghiaccio, attestatosi a venti minuti «con questi tempi di ghiaccio è più facile mostrare le mie qualità»ed è esploso nella serata di gennaio in cui ha segnato cinque gol in una partita ai Los Angeles Kings.

Riuscirci è però segno di un mentale non indifferente: «La volontà è la mia forza principale, qualche pacca sulle spalle me la do, ma sono uno che cerca sempre di migliorare. E i risultati della squadra dicono che posso fare ancora di più».

D’altro canto queste eliminazioni gli permettono di dare un importante aiuto alla Nazionale, come fatto per esempio nel 2018 con sette punti: «Siamo qui per scrivere la nostra storia, l’obiettivo è ovviamente l’oro, ma ci sono un paio di altre squadre che hanno qualcosa da ridire. La nostra qualità è la grande unità nel gruppo. Inoltre lavoriamo estremamente duro, ora si tratta di mantenere la costanza e di mettere sul ghiaccio la miglior prestazione al momento buono».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
iihf wc 2022 svizzera timo meier

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Serie A
48 min
Tra Leao e Brozovic, due stili per uno Scudetto
Il milanista è esploso mostrando doti atletiche e tecniche da potenziale campione, il croato dell’Inter si è rivelato insostituibile. Chi la spunterà?
Calcio
7 ore
Lugano vittorioso sui campioni nella serata degli addii
Nell’ultima della stagione a Cornaredo (2-1 contro lo Zurigo) salutano il club Lovric, Lavanchy, Custodio, Baumann e Yuri. Maric si ritira ma forse resta
Calcio
10 ore
Maric dice basta, Lovric, Custodio e Lavanchy salutano Lugano
Nel pre-partita dell’ultima sfida casalinga della stagione ringraziati il difensore 38 e i partenti, tra cui il portiere Baumann e il brasiliano Yuri
hockey
13 ore
Greg Ireland a ruota libera
L’Italia, il suo passato, il suo futuro e i suoi pensieri. Lunga intervista con l’ex tecnico del Lugano
BASKET
14 ore
Delusione Spinelli per una stagione senza titoli
Coach Gubitosa: ‘Abbiamo pagato cara la sconfitta nella finale di Sb Cup, ma è mancata pure la disciplina. Senza dimenticare infortuni e Covid’
CALCIO
14 ore
Meno interesse di così si muore, ben vengano i playoff
Domani l’assemblea della Swiss Football League è chiamata a esprimersi sulla riforma della Super League: 12 squadre invece di 10 e formula innovativa
gallery
hockey
15 ore
Principio d’incendio all’Helsinki Ice Hall
La partita delle 15.20 Germania - Danimarca è rinviata, la pista è stata evacuata
HOCKEY
21 ore
I polmoni di Jesse Virtanen, uomo a tutto campo
Il direttore sportivo Paolo Duca sul nuovo straniero dell’Ambrì Piotta. ‘Quest’anno in Svezia è stato lui il giocatore più utilizzato’
ciclismo
1 gior
Girmay, l’eritreo volante fermato da un tappo di champagne
Primo africano nero a vincere una tappa al Giro, aveva trionfato in marzo nella Gand-Wevelgem. Si è dovuto ritirare, ma il suo futuro resta rosa
Hockey
1 gior
Anche la Slovacchia è kappaò: la Svizzera prenota i quarti
Hischier e compagni stavolta vincono per 5-3, festeggiando il loro quarto successo in altrettante partite. La strada, adesso, è praticamente spianata
© Regiopress, All rights reserved