laRegione
hockey
01.05.22 - 22:34

Lo Zugo ancora campione grazie a una clamorosa rimonta

Anche in gara 7 gli Zsc Lions non conservano l’iniziale vantaggio di Azevedo: Simion, Herzog e ancora il ticinese egalano il titolo allo Zugo

lo-zugo-ancora-campione-grazie-a-una-clamorosa-rimonta

Quattro vittorie consecutive in finale e lo Zugo è riuscito a ribaltare clamorosamente la finale: dopo il successo dell’anno scorso i tori si confermano i più forti in Svizzera, grazie alla doppietta di Simion e al game-winning-goal di Herzog.

La decisiva gara 7 entra immediatamente nel vivo, anche perché sia Grönborg sia Tangnes confermano la formazione schierata venerdì, con il gol di Justin Azevedo, che servito da Garret Roe, infila il disco rasoghiaccio nel "five hole" di Leonardo Genoni. Lo Zugo è quindi costretto fin da subito a produrre un’importante mole di lavoro offensivo, ma tutti i tiri scagliati vengono fermati con sicurezza da Jakub Kovar, quando non sono bloccati da un difensore zurighese. Sull’altro fronte invece lo Zurigo si crea un paio di azioni interessanti in ripartenza, senza tuttavia sfruttarle. Al 18’ Yannick Weber si fa espellere per un ingenuo colpo di gomito ai danni di Nico Gross, e allora Dario Simion (che qualche minuto prima aveva sprecato un invitante contropiede) non perdona concretizzando con un bel movimento sul backhand l’altrettanto bell’assist di Jan Kovar.

Nel secondo tempo lo Zurigo gioca meglio ed esercita una pressione costante dalle parti di Genoni, tanto che alla fine i tiri tentati in tutto il tempo sono 26. Denis Hollenstein in particolare sfiora il nuovo vantaggio, con una deviazione al 27’ che si spegne sul palo. E quando al 33’ Phil Baltisberger si vede comminata una penalità, lo Zugo si porta in vantaggio, grazie al tiro al volo di Herzog su assist di Simion. Poco dopo Zehnder sfiora la terza rete, ma Jakub Kovar si oppone alla grandissima. A due minuti e mezzo dal 40’ Cadonau è costretto al fallo per fermare Roe. Durante la penalità lo stesso Roe si ritrova libero nello slot per tirare, ma Genoni gli chiude lo specchio.

Il terzo tempo è il più equilibrato, con buone occasioni su entrambi i fronti, nessuna delle quali però viene sfruttata. Piano piano il gioco si sposta ovviamente sempre più nel terzo di difesa dei padroni di casa. Al 56’ Azevedo ha una buona occasione, dopo un disco perso dal capitano dello Zugo Kovar. Tuttavia anche senza Jakub Kovar in porta lo Zurigo non ha più le risorse necessarie per rimettere in discussione il risultato, anzi a segnare a cinquanta secondi dal termine è di nuovo Dario Simion che fa partire la festa zugana.

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
EHC Rofels
5769
2
HC Aspi Capitals
5696
3
HC Kaski Male
5643
4
HC TUT-TUT
5576
5
Team Belozoglu
5471
6
HCbierrafeu
5470
7
LucHC Lions
5469
8
GregBeaud
5448
9
HC Klo10Flies
5436
10
Chop
5413
TOP NEWS Sport
Qatar 2022
1 ora
Elvedi e Sommer non si sono allenati
Entrambi raffreddati alla vigilia di Svizzera - Serbia, hanno saltato la seduta di giovedì
I mondiali dal divano
8 ore
I segreti dei suoi occhi
Le Coppe del mondo passano, i ricordi restano. Poi diventano tesori nelle nostre memorie
QATAR
15 ore
In campo c’è solo l’Argentina, avanti con Mac Allister e Alvarez
Szczesny il migliore di una Polonia che passa per il rotto della cuffia. Al Messico non basta il 2-1 sull’Arabia Saudita
FREESTYLE
18 ore
Marco Tadé infortunato in Finlandia durante un allenamento
Il 26enne ticinese, già rimpatriato e ospedalizzato a Lugano, ha subito la rottura di quattro costole, di una clavicola e la perforazione di un polmone
QATAR 2022
19 ore
L’Australia raggiunge la Francia negli ottavi di finale
I ‘socceroos’ superano una deludentissima Danimarca con un gol di Leckie. Nell’altra partita, vittoria inutile della Tunisia
Calcio
20 ore
Pelé di nuovo ricoverato
O’Rey, che è malato di cancro, sarebbe in condizioni critiche
CICLISMO
21 ore
Morto Davide Rebellin, investito in bicicletta da un camion
Il dramma nel comune di Montebello Vicentino. Il 51enne italiano aveva chiuso la carriera nel 2022, dopo aver vinto Freccia (3 volte), Liegi e Amstel
Qatar 2022
21 ore
In silenzio Xhaka e Shaqiri
L’Asf, per evitare qualsiasi polemica coi serbi, impedisce di parlare ai due protagonisti della sfida di quattro anni fa
SCI ALPINO
22 ore
La lotta di Eliasch sui diritti tv potrebbe sfociare in crisi
Il nuovo presidente Fis intende centralizzarli, ma deve lottare contro l’opposizione di federazioni potenti come quelle svizzera, austriaca e tedesca
Calcio
23 ore
Il futuro della Juve fra rischi, Agnelli ed ex bandiere
Dopo le dimissioni del presidente e dell’intero CdA, per il club bianconero si apre un’era fitta di interrogativi
© Regiopress, All rights reserved