laRegione
18.04.22 - 22:24

Pasticcio Zugo. E Azevedo lo punisce, a 2 secondi dalla fine

I gol di Hofmann e Herzog non bastano agli uomini di Tangnes: il coach challenge sul 2-2 dei Lions al 58’31’’ costa ai Tori il primo punto nella finale

pasticcio-zugo-e-azevedo-lo-punisce-a-2-secondi-dalla-fine
Keystone
Incredibile epilogo alla BossardArena

È dello Zurigo il primo passo sulla strada che porta al titolo. Dopo gara 1 di un’attesissima finale che parte subito forte, in un primo tempo contraddistinto da grande intensità, con gli uomini Dan Tangnes che cominciano meglio ma in cui l‘occasione migliore di tutte capita allo Zurigo, con un gran tiro al volo di Malgin al 5’19’’, in powerplay (fuori c’è Senteler per sgambetto), che si sfracella sull’interno del palo della gabbia di Genoni. Lo Zurigo, che nel periodo iniziale colpisce i pali una seconda volta (con una conclusione dalla distanza di Kivistö, all’apparenza senza pretese), nell’epilogo riesce a crearsi una terza grossa occasione, grazie a una deviazione volante sotto porta di Hollenstein.

Anche in avvio di tempo centrale (che la squadra di Grönborg comincia a 5 contro 4 per la fase finale di una penalità inflitta a Lander) lo Zsc prova subito a mettere pressione sulla porta di Genoni, ma a quel punto lo Zugo reagisce, e in una fase di gioco in cui Genoni è praticamente inoperoso, al 31‘13’’ con il difensore Christian Djoos sbagliano un gol praticamente già fatto, con Jakub Kovar che viene graziato dallo svedese. Kovar che, però, meno di due minuti dopo si fa sorprendere tra i gambali da una conclusione di Hofmann, smarcato da un tocco di Dario Simion. È il momento tanto atteso dai campioni svizzeri, che a quel punto sono padroni del ghiaccio, e grazie a una nuova accelerazione, al 36’44’’, dopo un gran lavoro di Zehnder dietro la porta trovano il modo di segnare una seconda volta, grazie a Herzog.

Trovatosi improvvisamente con le spalle al muro, lo Zurigo in avvio di terzo tempo si crea subito una grossa occasione, grazie a un’azione solitaria di Weber, e qualche istante più tardi si ritrova sul ghiaccio in superiorità numerica per una bastonata involontaria di Müller sul volto di Noreau. Superato senza problemi il momento difficile, lo Zugo sembra riuscire a controllare la situazione fino alla penalità inflitta a Jan Kovar, punito al 47’28’’ per un’ostruzione, con un violento slap di Noreau dalla ‘blu’ che trova il modo di bucare Genoni. A quel punto la partita è totalmente rilanciata, anche se in verità il gol ospite ha anche l’effetto di risvegliare gli uomini di Tangnes, che tornano a farsi vedere sul fronte offensivo. E sembra riuscire a gestire benissimo la partita, fino a un altro slap della distanza, deviato da Chris Baltisberger davanti a Genoni, a meno di un minuto e mezzo dal sessantesimo. In un epilogo con la tensione alle stelle, lo staff tecnico di Tangnes prova a giocare la carta del coach challenge, per verificare un’eventuale ostruzione sul portiere, che però non c’è. Così, come da regolamento, lo Zugo si becca una penalità per ritardo di gioco. Che lo Zurigo sfrutta abilmente, segnando il gol partita a due secondi dalla fine. Incredibile, veramente.

Zugo - Zsc Lions (0-0 2-0 0-3) 2-3
Reti:
33’25’’ Hofmann (Simion) 1-0. 36’44’’ Herzog (Zehnder) 2-0. 47’47’’ Noreau (Andrighetto/esp. Jan Kovar) 2-1. 58’31’’ Chris Baltisberger (Marti/a 6 contro 5) 2-2. 59’58’’ Azevedo (esp. Hofmann per la panchina) 2-3.
Zugo: Genoni; Cadonau, Djoos; Hansson, Stadler; Schlumpf, Kreis; Gross; Simion, Jan Kovar, Hofmann; Müller, Lander, Bachofner; Zehnder, Senteler, Herzog; Suri, Leuenberger, Alllenspach; De Nisco.
Zsc Lions: Jakub Kovar; Noreau, Marti; Phil Baltisberger, Geering; Weber, Kivistö; Trutmann; Hollenstein, Malgin, Andrighetto; Azevedo, Krüger, Bodenmann; Pedretti, Sigrist, Diem; Aeschlimann, Schäppi, Chris Baltisberger; Sopa.
Arbitri: Stricker, Tscherrig; Altmann, Wolf.
Note: 7‘200 spettatori (tutto esaurito). Penalità: 5 x 2’ contro lo Zugo; 1 x 2’ contro gli Zsc Lions. Pali: 5’19’’ Malgin, 9’16’’ Kivistö. Zsc Lions senza portiere dal 58’09’’ al 58’31’’. Al 58’31’’ coach challenge chiesto dallo Zugo.

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
HC Aspi Capitals
9867
2
LucHC Lions
9639
3
Sparta Becherovka
9402
4
Team Belozoglu
9342
5
FHM2223
9301
6
TrigoAce1
9215
7
HC Kaski Male
9203
8
thibault_gav
9191
9
Hirschi21
9008
10
Team7
9007
TOP NEWS Sport
MOUNTAIN BIKE
6 ore
Nel 2023 per Filippo Colombo soffia un vento di novità
Il biker ticinese ha cambiato squadra (è passato alla Scott) e con la Q36.5 vuole intensificare l’attività su strada. ‘Ma punto a Cdm e Mondiali di mtb’
hockey
7 ore
Anche un po’ di Ticino alla finale di Champions League
Il linesman Eric Cattaneo selezionato per arbitrare Luleå-Tappara Tampere il prossimo 18 febbraio. Con lui Stolc e due tedeschi
Basket
7 ore
Ufficiale, Sefolosha a Vevey
Il primo svizzero ad aver giocato nella Nba torna a 38 anni nel club con cui aveva esordito
tennis
9 ore
Australian Open, continua la marcia di Aryna Sabalenka
La bielorussa accede alla finale di Melbourne dopo aver eliminato in due set 7-6 6-2 la polacca Magda Linette. Ora affronterà la kazaka Rybakina
Tennis
11 ore
Elena Rybakina prima finalista degli Australian Open
La kazaka ha eliminato in due set (7-6, 6-3) la bielorussa Viktoria Azarenka
Calcio
15 ore
Abramovich, Todd Boehly e il calciomercato del Chelsea
Il nuovo padrone dei Blues, dopo aver fatto piazza pulita dello staff, ha adottato un’innovativa e azzardata politica di ingaggio dei giocatori
COSE DELL'ALTRO MONDO
16 ore
Il sogno prosegue, Mr. Irrelevant non si vuole più svegliare
Brock Purdy ha vinto l’undicesima partita consecutiva, portando San Francisco alla finale della Nfc. A Kansas City brividi per l’infortunio a Pat Mahomes
Sci
1 gior
A Schladming arriva il gran giorno di Loïc Meillard
Il 26enne di Hérémence conquista infine il primo trionfo in gigante, lasciandosi alle spalle il grigionese Gino Caviezel in un mercoledì da incorniciare
SPORT
1 gior
Discriminazione nello sport, Berna scende in campo
Etica e competizione, il Consiglio federale vara un pacchetto di misure volte a rafforzare, in particolare, la protezione dei giovani atleti
Sci
1 gior
Prosegue il dominio di Mikaela Shiffrin
La statunitense fa suo anche il secondo Gigante di Plan de Corones, solo Mowinckel sta sotto al secondo di ritardo. Gut-Behrami quinta in crescendo
© Regiopress, All rights reserved