laRegione
HOCKEY
laR
 
01.04.22 - 19:36
Aggiornamento: 22:41

‘A me Chiesa piace, ora tocca agli altri’

Parla Patrice Bosch, il vice di McSorley. ‘Chris è più tranquillo? Ora lo sport è cambiato’

a-me-chiesa-piace-ora-tocca-agli-altri
Ti-Press

A Lugano la delusione è ancora viva dopo il pesante 4-0 nella serie con lo Zugo, nonostante quaranta tiri in porta in media a partita. Ma nonostante la ferita sia ancora fresca, alla Cornèr Arena è già tempo di bilanci. «Lo Zugo ha dimostrato degli special team di qualità, maggiore costanza ed esperienza – analizza Patrice Bosch, il quarantanovenne assistente allenatore ‘québecois’ portato in Ticino da Chris McSorley –. Sono molto deluso per com’è finita, ma spero che la lezione imparata come squadra e come staff verrà applicata nella prossima stagione».

Anche giovedì il Leitmotiv è stato lo stesso delle altre partite: «Non siamo stati efficaci nelle situazioni speciali e abbiamo avuto un buon numero di occasioni che però non abbiamo sfruttato, anche per colpa di un Leonardo Genoni che ha chiuso la porta e ci ha impedito di entrare in partita. E le penalità prese ci sono costate care: con un boxplay non al meglio delle sue capacità e con un avversario come lo Zugo ne avremmo dovuto rimediare qualcuna in meno».

In generale, però, durante tutto l’arco della stagione Herzog e compagni si sono dimostrati essere un osso durissimo, tanto che, perso il primo scontro diretto, si sono imposti nei successivi nove: «In tutte le partite, a eccezione dell’ultima che è iniziata subito proprio male, abbiamo avuto tante buone fasi, ma mai per tutti e sessanta i minuti. Nel primo incontro abbiamo commesso degli errori che abbiamo pagato. Il secondo è stato più difficile, ma il terzo è stato nuovamente positivo. Genoni ha fatto la differenza e su tutto l’arco della stagione si è notato come non fossero i campioni in carica per caso, hanno una buona profondità della rosa. Noi invece ci siamo trovati con alcuni giocatori infortunati, e non è una scusa, suppongo che anche loro ne avessero ma hanno saputo compensare».

Tra infortuni e adattamento al nuovo sistema di gioco la stagione del Lugano è stata infatti un lungo giro sulle montagne russe: «Abbiamo perso tante energie nella caccia alle prime sei, ma ho apprezzato molto la maniera in cui la squadra si è ripresa nei preplayoff contro il Ginevra, che da gennaio via era la miglior squadra della lega. Probabilmente anche quella serie, seppur di due sole partite, ci è costata dell’energia. Quest’anno lo staff non conosceva i giocatori e viceversa, adesso penso che avremo una coesione tale da permetterci d’iniziare meglio la stagione».

Mentre chi ha assistito alle partite dei sottocenerini ha scoperto un Chris McSorley molto più tranquillo rispetto a quello visto sulla panchina del Servette in passato: «L’hockey è cambiato, ci sono pochi allenatori che si agitano sempre in panchina, penso che si debba gestire le proprie emozioni e che lo abbiamo fatto bene».

Lo stesso Bosch è arrivato a Lugano a inizio stagione proprio da Ginevra dove allenava gli U20: «Da un lato giocare contro il Ginevra è stato speciale, ma dall’altro bisogna anche essere capaci di scindere il passato dal presente. E poco importa contro chi, si vuole sempre vincere, sicuramente è una squadra che conosciamo bene, ciò che ci è stato d’aiuto. Ho adorato questa stagione, ogni mattina sono andato in pista felice, col sorriso, per cui mi ha disturbato che il campionato sia finito in questa maniera, ho avuto piacere a lavorare con questi giocatori e con questo staff».

E il lavoro non gli è mancato visto che a Lugano si occupa della difesa, risultata abbastanza facilmente penetrabile, con il risultato che in gara 4 è crollato anche Schlegel, «che è stato poco aiutato, in particolare in inferiorità numerica. Quest’anno ciò che ci ha fatto più male sono stati i numerosi infortuni subiti in autunno, abbiamo messo tanta pressione sui nostri giovani portieri Fatton, Fadani e poi Markkanen, che sono dei ragazzi di diciannove o vent’anni, che hanno svolto egregiamente il loro lavoro, ma non sono certo dei giocatori sperimentati. Ma è meglio così che non subire poche reti e poi non riuscire a qualificarsi per i playoff».

D’ora in poi la retroguardia bianconera dovrà fare a meno di Alessandro Chiesa, ritiratosi dopo la sconfitta con lo Zugo: «A me Chiesa piace proprio – conclude Bosch –. Ha portato molta esperienza e altri dovranno ora assumersi un ruolo di primo piano, ma l’aspetto positivo degli infortuni subiti questa stagione è che diversi giocatori hanno potuto accumulare esperienza. Se avere o no uno straniero difensore per la prossima stagione è una cosa che va decisa da Hnat e dallo staff tecnico, e che al momento non abbiamo ancora discusso».

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
EHC Rofels
5515
2
HC Aspi Capitals
5490
3
HC Kaski Male
5443
4
HC TUT-TUT
5387
5
AmStars
5236
6
LucHC Lions
5235
7
Artemisia
5199
8
ASIA TEAM
5199
9
Team Belozoglu
5196
10
GregBeaud
5183
TOP NEWS Sport
IL DOPOPARTITA
4 ore
L’Ambrì, il pessimo affare e la rabbia. ‘È ora di intervenire’
Le porte dello spogliatoio restano chiuse a lungo alla Gottardo Arena dopo la sconfitta col Losanna. Cereda: ‘Io ho detto poco, hanno parlato i giocatori’
il dopopartita
4 ore
Altra lezione allo Zugo grazie a ‘Due tempi ottimi e Schlegel’
Dopo il 6-1 rifilato in casa, i bianconeri fanno il bis imponendosi 4-1 alla Bossard Arena, grazie a una partenza a razzo. Morini: ‘Vittoria meritata’.
Hockey
5 ore
Lugano, prestazione convincente, Zugo annichilito
Quinta vittoria in sei incontri: i bianconeri confermano i progressi delle ultime settimane, vincendo 4-1
Qatar 2022
6 ore
Derby britannico all’Inghilterra
Troppo forte la squadra di Southgate per il Galles: agli ottavi, Kane e compagni troveranno l’Olanda
Hockey
6 ore
Il Losanna sbanca la Gottardo Arena
L’Ambrì recupera uno (sfortunato) doppio svantaggio, ma non basta per vincere: i vodesi vincono 3-2 e scavalcano i biancoblù in classifica
Qatar 2022
6 ore
Gli Usa battono l’Iran e conquistano gli ottavi di finale
Nello scontro diretto gli americani affronteranno l’Olanda, per l’Inghilterra c’è invece il Senegal
Qatar 2022
8 ore
Una corsa contro il tempo per Xherdan e Noah
A Doha si lavora per il recupero di Shaqiri e Okafor in vista della sfida alla Serbia di venerdì
biathlon
9 ore
Niklas Hartweg sul podio nella prima gara stagionale
Il 22enne elvetico conquista il secondo posto nella gara di Kontiolahti in Finlandia, battuto solo dalla svedese Martin Ponsiluoma
Qatar 2022
9 ore
Il Qatar perde anche la terza
Tutto facile per l’Olanda, che chiude la prima fase superando 2-0 i deludentissimi padroni di casa
Qatar 2022
10 ore
Senegal avanti con merito
Gli africani sconfiggono 2-1 un Ecuador troppo rinunciatario e accedono agli ottavi di finale
© Regiopress, All rights reserved