laRegione
hockey
31.03.22 - 22:34

Pazza serata alla Cornèr Arena, ma la stagione è finita

Il Lugano si trova sotto per 0-5 e nel terzo tempo rimonta fino al 3-5, ma in conclusione deve arrendersi a uno Zugo che va in semifinale

pazza-serata-alla-corner-arena-ma-la-stagione-e-finita

Troppo tardi. Troppo tardi sono arrivati i gol del Lugano che anche in gara 4 ha dimostrato di potersela giocare alla pari con i campioni in carica, ma anche nella quarta partita deve dichiararsi battuto e abdicare definitivamente. In un giovedì sera in cui McSorley ritrova dopo una partita di stop Fazzini, che viene schierato in terza linea, mentre Bertaggia scala in quarta. Il resto della formazione, stranieri compresi, è confermata.

La serata è subito in salita per il Lugano, con il primo monito che arriva già dopo 15 secondi con il contropiede di Simion, neutralizzato da Schlegel. Quando però viene penalizzato Loeffel (su un’altra occasione ospite di Gross), il numero 34 dei padroni di casa si fa sorprendere dal tiro di Kovar da posizione defilata al 5’. Lo Zugo è la squadra più attiva sul ghiaccio e legittima il vantaggio. Il Lugano si fa vedere dalle parti di Genoni con il tiro di Thürkauf respinto da Genoni fra i pattini di Josephs che però non riesce a tirare. Poi il Lugano al 14’ si trova per 77 secondi in 5-3, ma né Fazzini (tiro alto), né Arcobello (fermato dal gambale di Genoni) riescono a pareggiare. E quando sono gli ospiti a ritrovarsi con due uomini in più sul ghiaccio - per due trattenute del bastone di Thürkauf e Traber piuttosto fiscali- Hansson e Müller puniscono i bianconeri con un tiro a fil di palo e un polsino che si infila nuovamente nel "five hole". Alla prima pausa si arriva così sullo 0-3 che punisce severamente il Lugano più per le modalità da cui è scaturito che non per l’ampiezza del divario.

Nel secondo tempo il Lugano si ripresenta con Fatton al posto di uno scornato Schlegel. La mossa non porta i frutti sperati, infatti i padroni di casa riescono sì a superare per la prima volta indenni un’inferiorità, ma al 27’ Müller perde sciaguratamente un disco nel terzo di difesa, che Bachofner porge a Senteler che libero da due passi non ha problemi a superare Fatton. E se una minima speranza fosse ancora presente, a spegnerla ci pensa Herzog con umiliante facilità a metà partita. Questo dopo che Bertaggia aveva fallito un’occasione a tu per tu con Genoni, mentre poi i suoi compagni non avevano creato alcunché in superiorità numerica. Quando poi il Lugano prova almeno a onorare l’impegno, si scontra con un Genoni che non concede un rebound che sia uno, a rendere ancora più frustrante la serata.

A inizio terzo tempo il Lugano il gol lo trova con Thürkauf in superiorità numerica, ma un coach’s challenge degli ospiti conduce all’annullamento per ostruzione di Abdelkader su Genoni. Wolf segna poi in maniera regolare la sua prima rete stagionale al 48’ arrivando a rimorchio su un contropiede imbastito da Thürkauf. Tre minuti dopo Fazzini segna in superiorità numerica e ridà vita alla Cornèr Arena. E quando poi al 53’ segna pure Alatalo lo Zugo prende paura e Tangnes decide di chiamare il time-out. Fatton lascia la sua porta a 1’50" dal termine ma nessuno riesce più a trovare il disco giusto per battere Genoni, che può dunque festeeggiare con il suo Zugo la qualificazione alle semifinali.

Lugano - Zugo (0-3 0-2 3-0) 3-5
Reti: 4’48" Kovar (Djoos/esp. Loeffel) 0-1, 16’44" Hansson (Kovar/esp. Thürkauf e Traber) 0-2, 1706" Müller 0-3, 26’18" Senteler (Bachofner) 0-4, 31’06" Herzog (Kreis) 0-5, 48’00" Wolf (Thürkauf, Morini) 1-5, 50’16" Fazzini (Morini, Alatalo/esp. Kovar) 2-5, 52’10" Alatalo (Herren, Herburger) 3-5.
Lugano: Schlegel (dal 20’00" Fatton); Loeffel, Mirco Müller; Alatalo, Riva; Chiesa, Guerra; Wolf; Abdelkader, Arcobello, Morini; Carr, Thürkauf, Josephs; Fazzini, Herburger, Herren; Bertaggia, Tschumi, Stoffel; Traber.
Zugo: Genoni; Cadonau, Djoos; Hansson, Stadler; Schlumpf, Kreis; Wütrich, Gross; Marco Müller, Lander, Bachofner; Simion, Kovar, Hofmann; Zehnder, Senteler, Herzog; Allenspach, Leuenberger, De Nisco.
Arbitri: Piechaczek (Ger), Dipietro; Fuchs, Kehrli.
Note: 5774 spettatori. Penalità: 4 x 2’ contro il Lugano, 6 x 2’ contro lo Zugo. Tiri in porta: 37-23 (9-13, 16-5, 12-5). Lugano senza Walker (infortunato), Markkanen, Fadani, Chiquet, Villa, Vedova (in soprannumero), Irving, Boedker e Prince (stranieri in soprannumero): Zugo senza Martschini, Suri (infortunati), Klingberg (straniero in soprannumero). Time out: Zugo al 52’10", Lugano al 58’10". Al 42’55" gol annullato al Lugano per ostruzione sul portiere. Lugano senza portiere dal 5810" al 59’52". Migliori in pista Chiesa e Kovar.

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
EHC Rofels
5878
2
HC Kaski Male
5839
3
HC Aspi Capitals
5769
4
HC TUT-TUT
5622
5
GregBeaud
5615
6
LucHC Lions
5577
7
SV Rokaner
5562
8
Team Belozoglu
5556
9
HC Klo10Flies
5524
10
Chop
5519
TOP NEWS Sport
Hockey
2 ore
Tre giornate e multa a Bachofner
Dopo la carica alla balaustra ai danni di Bykov, squalifica e 3’200 fr. di ammenda per l’attaccante dello Zurigo
Qatar 2022
15 ore
Il Giappone che non t’aspetti: primo posto di gruppo
Dopo i tedeschi, i nipponici mandano al tappeto anche la Spagna, che però va comunque agli ottavi: i primi sfideranno i croati, i secondi i marocchini
Qatar 2022
15 ore
La vittoria non basta: dopo i belgi, anche i tedeschi a casa
La vittoria per 4-2 sul Costarica non permette alla Germania di evitare la seconda eliminazione di fila dopo la fase a gironi a un Mondiale
Hockey
16 ore
Colpo Bienne, da Buffalo arriva Riley Sheahan
Liberato dall’impegno con i Sabres, il trentunenne centro canadese ha firmato con i Seeländer un contratto valido sino a fine stagione
Calcio
19 ore
Juventus, l’Uefa indaga su violazioni del fair play finanziario
L’inchiesta della Federcalcio europea mira a verificare la corrispondenza al vero della situazione finanziaria che permise la transazione in agosto
Qatar 2022
19 ore
Per la Svizzera è giunta l’ora della verità
Contro la Serbia ci si gioca un posto agli ottavi. Le due squadre sono al completo. Sow: ‘Dobbiamo provocare più occasioni da rete’
Qatar 2022
20 ore
Il Marocco batte anche un Canada senza ambizioni ed è primo
Ziyech ed En-Nesyri regalano agli africani la loro seconda qualificazione alla fase a eliminazione diretta a un Mondiale, dopo quella del 1986
Qatar 2022
20 ore
Con un po’ di fortuna la Croazia manda a casa il Belgio
La sfida tra secondi e terzi dell’ultimo Mondiale termina 0-0 e spedisce i balcanici agli ottavi e i Diavoli rossi a casa
Sci
20 ore
Gli esami in Svizzera confermano: trauma cranico per Caviezel
Di rientro da Lake Louise, il trentaquattrenne si è sottoposto a nuovi esami che hanno convalidato la tesi canadese. Tuttavia sono previsti nuovi test
SPORTS AWARDS
21 ore
Noè, Lara e gli altri dei di Olimpia tra i finalisti di Zurigo
Anche i due ticinesi nominati per la serata di Gala dell’11 dicembre, dove verranno eletti i successori di Marco Odermatt e Belinda Bencic
© Regiopress, All rights reserved