laRegione
hockey
29.03.22 - 12:04
Aggiornamento: 15:47

‘Abbiamo sei ragioni in più per andare motivati a Zugo’

Il Lugano è quasi costretto a vincere stasera, con Josephs al rientro. McSorley: ‘Troy ci darà verticalità’

abbiamo-sei-ragioni-in-piu-per-andare-motivati-a-zugo

Dopo la sconfitta in gara 2 il Lugano non si trova con le spalle al muro, ma quasi, considerando che un passo falso è ancora ammesso. Due però no e allora la trasferta a Zugo assume già un ruolo fondamentale per le ambizioni bianconere di accedere alle semifinali. Sul ghiaccio per l’allenamento della vigilia si sono visti soltanto Vedova, Traber, Stoffel e Wolf, oltre a chi non era stato impiegato nella sfida di domenica, ovvero i portieri Markkanen, Fatton, Fadani e Irving, gli stranieri Josephs e Boedker, Villa e Chiquet. Per gli altri era invece in programma una sessione a secco, per recuperare le energie dopo la sconfitta dal pesante passivo di 6-2 della vigilia. Sconfitta che Alessio Bertaggia vuole cancellare al più presto: «Bisogna cercare di avere la memoria corta, ci sono le partite da giocare, ma una volta che suona l’ultima sirena non bisogna più pensare troppo a ciò che è successo e pensare già alla prossima partita. Ieri il sole è sorto comunque, abbiamo riordinato la mente, cerchiamo di recuperare le energie e presentarci pronti alla terza partita. La serie può essere ancora lunga, ma non dobbiamo pensare al punteggio sul quale ci troviamo. Siamo carichi come non mai e siamo pronti ad andare a fare il break, infatti non è finita finché non è finita».

Sono tre gli aspetti più urgenti che il futuro ginevrino e compagni devono sistemare: il primo e più evidente è indubbiamente limitare le penalità, come le due prese in maniera ravvicinata da Herburger e dallo stesso Bertaggia nel finale di periodo centrale e costate la seconda e la terza rete degli ospiti, «dobbiamo fare attenzione ai dettagli, non lasciarci prendere dalla foga e riflettere quel paio di secondi in più prima di effettuare una giocata», bisogna poi trovare il modo per sfruttare meglio le opportunità offensive create (meno del 4% quelle concretizzate): «Sappiamo che Genoni è un ottimo portiere, ma dobbiamo aumentare la pressione e portare più traffico davanti a lui, per poterci creare delle occasioni più concrete. Nella prima partita avevamo tirato di più e avuto più chance, per cui penso che dobbiamo semplicemente continuare a martellare e prima poi qualcosa succederà». Un aiuto per migliorare in questi due ambiti potrebbe giungere dalla fonte, ovvero gli ingaggi, spicca infatti la statistica che dice che nelle prime due partite dei quarti i centri luganesi si sono imposti solo nel 36% dei duelli: «I centri credo che stiano facendo il loro lavoro, magari siamo noi ali che possiamo aiutarli meglio».

‘Con le penalità ci facciamo male da soli’

Anche per Chris McSorley i problemi principali della sua squadra sono quelli già osservati da Bertaggia: «Sui sei tempi e mezzo giocati finora, siamo stati la squadra migliore per cinque, ma loro si sono rivelati essere esperti e letali. Dobbiamo fare uno sforzo collettivo per tornare ai livelli di gara 1 e aumentare la determinazione, per il resto non dobbiamo cambiare troppo. Ci sentiamo forti a ranghi completi, ma subendo penalità inutili ci facciamo male da soli. Speriamo che i Dei dell’hockey ci sorridano, oltre che di riuscire a rendere più difficile la vita a Leonardo Genoni. Gli ingaggi si compongono al 90% di ispirazione e al 10% di tattica e loro si stanno dimostrando molto esperti in questo ambito».

Perdere per 6-2 in casa potrebbe allora essere la scossa necessaria per cambiare definitivamente passo? «Non direi che dovremmo adottarla come tattica volontaria, ma ogni volta che perdi sei a due, contro qualsiasi avversario, arriva poi una reazione ancor più rabbiosa. Dobbiamo dirci che adesso basta così e calarci ulteriormente nel vivo della sfida e ora abbiamo sei motivi in più per essere motivati domani (oggi, ndr) a Zugo».

Dopo due sconfitte consecutive potrebbe essere giunta l’ora di mettere mano alla formazione, a scalpitare per tornare in squadra c’è per esempio Troy Josephs: «In questo momento riteniamo importante la presenza di Josephs, per cui allo stato attuale delle cose, la probabilità di vederlo sul ghiaccio alla Bossard Arena è molto alta. Ma il dubbio permane su chi dovrebbe lasciargli il posto. Con Troy, che sappiamo applicare un gioco molto verticale, speriamo di raggiungere un’alchimia migliore e che possa darci un po’ di frizzantezza in più».

D’altro canto il tecnico canadese potrebbe dover fare i conti con la possibile assenza di Luca Fazzini, uscito acciaccato dal match della Cornèr Arena: «La presenza di Fazzini sarà valutata assieme allo staff medico, aspettiamo di vedere con il passare delle ore come si evolve la situazione. È un ragazzo tosto e se potrà giocare lo farà».

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
EHC Rofels
5878
2
HC Kaski Male
5839
3
HC Aspi Capitals
5769
4
HC TUT-TUT
5622
5
GregBeaud
5615
6
LucHC Lions
5577
7
SV Rokaner
5562
8
Team Belozoglu
5556
9
HC Klo10Flies
5524
10
Chop
5519
TOP NEWS Sport
Hockey
2 ore
Tre giornate e multa a Bachofner
Dopo la carica alla balaustra ai danni di Bykov, squalifica e 3’200 fr. di ammenda per l’attaccante dello Zurigo
Qatar 2022
14 ore
Il Giappone che non t’aspetti: primo posto di gruppo
Dopo i tedeschi, i nipponici mandano al tappeto anche la Spagna, che però va comunque agli ottavi: i primi sfideranno i croati, i secondi i marocchini
Qatar 2022
15 ore
La vittoria non basta: dopo i belgi, anche i tedeschi a casa
La vittoria per 4-2 sul Costarica non permette alla Germania di evitare la seconda eliminazione di fila dopo la fase a gironi a un Mondiale
Hockey
15 ore
Colpo Bienne, da Buffalo arriva Riley Sheahan
Liberato dall’impegno con i Sabres, il trentunenne centro canadese ha firmato con i Seeländer un contratto valido sino a fine stagione
Calcio
18 ore
Juventus, l’Uefa indaga su violazioni del fair play finanziario
L’inchiesta della Federcalcio europea mira a verificare la corrispondenza al vero della situazione finanziaria che permise la transazione in agosto
Qatar 2022
19 ore
Per la Svizzera è giunta l’ora della verità
Contro la Serbia ci si gioca un posto agli ottavi. Le due squadre sono al completo. Sow: ‘Dobbiamo provocare più occasioni da rete’
Qatar 2022
19 ore
Il Marocco batte anche un Canada senza ambizioni ed è primo
Ziyech ed En-Nesyri regalano agli africani la loro seconda qualificazione alla fase a eliminazione diretta a un Mondiale, dopo quella del 1986
Qatar 2022
19 ore
Con un po’ di fortuna la Croazia manda a casa il Belgio
La sfida tra secondi e terzi dell’ultimo Mondiale termina 0-0 e spedisce i balcanici agli ottavi e i Diavoli rossi a casa
Sci
20 ore
Gli esami in Svizzera confermano: trauma cranico per Caviezel
Di rientro da Lake Louise, il trentaquattrenne si è sottoposto a nuovi esami che hanno convalidato la tesi canadese. Tuttavia sono previsti nuovi test
SPORTS AWARDS
21 ore
Noè, Lara e gli altri dei di Olimpia tra i finalisti di Zurigo
Anche i due ticinesi nominati per la serata di Gala dell’11 dicembre, dove verranno eletti i successori di Marco Odermatt e Belinda Bencic
© Regiopress, All rights reserved