laRegione
12.03.22 - 22:16
Aggiornamento: 22:48

Lugano, un punto guadagnato ma altri due uomini persi

All‘Hallenstadion in gol Prince, Alatalo, Arcobello e Fazzini, ma all’overtime vince lo Zsc. Fuori anzitempo Walker e Thürkauf: poche chance per il primo

lugano-un-punto-guadagnato-ma-altri-due-uomini-persi
Keystone
Bertaggia, invano, prova a beffare Kovar sotto gli occhi di Noreau

Il Lugano non torna a mani vuote dalla trasferta all’Hallenstadion, penultima fermata di questa regular season. Al termine di un sabato sera in cui i bianconeri trovano le prime soddisfazioni già in avvio, segnando il gol d‘apertura al primo momento di pressione: nello slot, Malgin e compagni lasciano troppa libertà a Carr, che riceve un disco pulito di Prince dalla balaustra di sinistra, e il tiro di prima intenzione dell’attaccante canadese prende in contropiede a Kovar. Al 4’33’’, però, arriva subito un primo momento difficile per McSorley, e non solo per lui: dopo un normale contrasto di gioco in uscita dal terzo dello Zurigo, Julian Walker si accascia al suolo, e nonostante l’aiuto di compagni e inservienti non riesce neppure a rialzarsi: così, tra gli applausi dell’Hallenstadion, lo sfortunato numero 91 del Lugano viene scortato in infermeria. Un altra tegola per il coach bianconero, che per l’occasione (anche vista l’assenza dell’acciaccato Riva e del turno di riposo concesso a Müller) manda sul ghiaccio una formazione piuttosto sperimentale, con l’inserimento in difesa del ventunenne Alessandro Villa e in attacco del ventiquattrenne centro Nelson Chiquet.

Dopo Walker, fuori anche Thürkauf. Ma ci sono speranze

Nonostante tutto, però, sono sempre i bianconeri a sorridere: al 5‘25‘’ Schäppi si mette a giocare il puck con le mani dietro la gabbia di Fatton, e grazie a quella penalità davvero ingenua i bianconeri confezionano il gol del raddoppio, con Arcobello che riesce a incunearsi nello slot, servendo un disco d’oro al solito Prince, che invece di concludere serve il liberissimo Alatalo, il quale non lascia scampo a Kovar: è il 2-0 ed è solo il 6’33’’. Allo Zurigo, però, non servono neppure due minuti per riaprire la partita, con Diem che trova il modo di battere una prima volta Fatton all’8’19’’, mentre però la preoccupazione della panchina bianconera sembra più rivolta alle condizioni di Calvin Thürkauf, che abbandona a sua volta il ghiaccio per fare ritorno anticipato negli spogliatoi, dopo appena 2’11’’ di presenza effettiva sul ghiaccio. Sulle sue condizioni, così come su quelle di Walker, per il momento è impossibile sapere di più. Pur se, in attesa di una comunicazione ufficiale, nel dopo partita all’Hallenstadion l’impressione che si ricava è che ben difficilmente si potrà rivedere in pista il generoso numero 91 da qui a fine stagione.

A quel punto, naturalmente McSorley è costretto a buttare all’aria le linee, con Boedker che sale in seconda con Prince e Carr, Bertaggia si piazza al fianco di Herburger ed Herren, mentre Stoffel e Traber si piazzano vicino a Chiquet. E mentre il coach degli ospiti è costretto a lavorare sui blocchi, ancor prima della pausa lo Zurigo pareggia: mentre fuori per trattenuta c’è Loeffel, Roe, Azevedo e Quenneville creano scompiglio nel box bianconero, e per l‘indisturbato ex attaccante dei New Jersey Devils è un gioco da ragazzi trovare il 2-2, al 18’45’’.

In avvio di secondo tempo il Lugano prova a riprendere il filo del discorso, anche approfittando della penalità inflitta ad Azevedo per sgambetto. Arcobello e compagni creano sì un paio di pericoli, ma a segnare è nuovamente lo Zurigo, con uno slap dalla ‘blu’ di Trutmann. Gli uomini di Grönborg sono scatenati: il Lugano stringe i denti, ma a furia di premere i Leoni ottengono una nuova penalità, di Loeffel, per aggancio, salvo poi sprecare tutto con un banale soprannumero. I ticinesi restituiscono però il favore poco dopo, precludendosi così la possibilità di giocare a loro volta in powerplay per poco più di un minuto. Col passare del tempo, però, gli ospiti ritrovano smalto, creandosi alcune buone occasioni, su tutte quelle di Arcobello e Carr (due volte), che colpisce un clamoroso palo con Kovar battuto. E nel finale Schäppi si fa nuovamente spedir fuori (stavolta per uno sgambetto), con i ticinesi che possono chiudere il secondo tempo e poi iniziare il terzo in superiorità numerica.

Proprio alla ripresa, l‘occasione ghiotta capita sul bastone di Prince, ma Kovar gli chiude la porta in faccia. Mentre sull‘altro fronte, durante la stessa penalità, Malgin riesce ad andare al tiro da posizione pericolosa e suo tentativo scheggia la traversa. La partita, insomma, rimane apertissima. Ancor di più al 47’55’’, quando Arcobello (poco dopo un tentativo non riuscito di Morini su servizio di Fazzini) dopo essere entrato nel terzo dello Zurigo lascia partire un tiro che coglie di sorpresa Kovar. Poi, ad essere colto di sorpresa è tutto lo stadio: quando Herburger di rientro dalla panchina dei penalizzati per una sanzione disciplinare, porta a spasso il disco per tutta la pista, mentre Fazzini legge bene la situazione e si smarca al centro, prima di battere a rete con un ‘polsino’ dei suoi: è il 3-4 al 51’38’’. Colpito nel vivo, lo Zurigo si rimbocca le maniche e ricomincia a premere, e a poco meno di quattro minuti dal sessantesimo trova il modo di pareggiare, grazie a una conclusione di Geering. Grönborg però non sembra accontentarsi, e a un minuto e mezzo dalla terza sirena gioca la carta del timeout, e un minuto dopo McSorley risponde, ma soltanto per far tirare il fiato ai cinque uomini in pista. Il risultato però non cambia, e così a decidere tutto sono i cinque minuti supplementari, dove a decidere tutto è un tocco di Hollenstein a 1’23’’ dai rigori

Zsc Lions - Lugano (2-2 1-0 1-2 1-0) d.r. 5-4
Reti: 3’23’’ Carr (Prince) 0-1. 6’33’’ Alatalo (Prince, Arcobello/esp. Schäppi) 0-2. 8’19’’ Diem (Sopa, Schäppi) 1-2. 1’45’’ Quenneville (Azevedo, Roe/esp. Loeffel) 2-2. 28’31’’ Trutmann (Hollenstein) 3-2. 47’55’’ Arcobello 3-3. 51’38’’ Fazzini (Herburger) 3-4. 56’06’’ Geering (Weber) 4-4. 63’37’’ Hollenstein 5-4.
Zsc Lions: Jakub Kovar; Phil Baltisberger, Weber; Noreau, Marti; Truttmann, Geering; Andrighetto, Malgin, Pedretti; Azevedo, Roe, Bodenmann; Hollenstein, Sigrist, Quenneville; Sopa, Schäppi, Diem; Chris Baltisberger.
Lugano: Fatton; Chiesa, Alatalo; Loeffel, Guerra; Wolf, Villa; Fazzini, Arcobello, Morini; Carr, Thürkauf, Prince; Boedker, Herburger, Herren; Bertaggia, Chiquet, Walker; Stoffel, Traber.
Arbitri: Piechaczek (Ger), Dipietro; Steenstra (Can), Burgy.
Note: 9’050 spettatori. Penalità: 4 x 2’ contro lo Zurigo; 6 x 2’ contro il Lugano. Tiri in porta: 48-26 (19-6, 16-9, 17-8, 2-3). Zsc Lions senza Flüeler, Morant (infortunati), Krüger, Kivisto (stranieri in soprannumero) e Riedi (in soprannumero); Lugano privo di Riva (acciaccato), Schlegel, Josephs, Vedova (infortunati), Irving, Abdelkader (stranieri in soprannumero) e Müller (a riposo). Lugano dal 4’33’’ senza Walker e dall’8’19’’ senza Thürkauf (usciti entrambi per infortunio). Al 37’39’’ palo colpito da Carr. Timeout: 58‘37’’ Zurigo, 59’35’’. Premiati a fine partita, quali migliori giocatori in pista, Patrick Geering e Shane Prince.

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
HC Aspi Capitals
10137
2
LucHC Lions
10020
3
Sparta Becherovka
9709
4
thibault_gav
9610
5
FHM2223
9586
6
TrigoAce1
9551
7
Team Belozoglu
9533
8
Team7
9511
9
HC Kaski Male
9447
10
Tschernobyl
9378
TOP NEWS Sport
Hockey
1 ora
L’hockey stravagante di Sankt Moritz ’48
75 anni fa, al termine di una lunga pausa forzata, per ospitare i primi Giochi dopo la pace ritrovata furono scelte la Svizzera e le nevi engadinesi
il dopopartita
7 ore
L’Ambrì espugna Zugo ‘con la testa e con la lotta’
Uno spunto di Heed dopo 14" di overtime regala la decima vittoria da due punti ai suoi. Pestoni: ‘Ora sottovalutare l’Ajoie sarebbe un errore gigantesco’.
IL DOPOPARTITA
7 ore
Lugano in bianco in un martedì nero. ‘Questione di feeling’
Cinque schiaffi nel primo tempo, triste primato di una partita che si spegne subito. Gianinazzi ‘Probabilmente, un domani gestirei la cosa diversamente’
Altri sport
7 ore
Hockey su prato, Lugano promosso in Serie B Indoor
Decisivi i due successi ottenuti contro Grasshopper e Berna al torneo finale di Prima Lega a Zurigo
Hockey
8 ore
Tim Heed regala due punti d’oro all’Ambrì Piotta
Ottima prestazione dei leventinesi a Zugo: la sfida ha premiato la truppa di Cereda, vittoriosa 3-2 dopo l’overtime
Hockey
8 ore
Nuovo tonfo del Lugano, gode il Friborgo
Dolorosa sconfitta per la truppa di Luca Gianinazzi: ospiti padroni totali alla Cornèr Arena e vincenti per 6-1, con cinque gol nei primi 20’.
Unihockey
11 ore
Ticino fermato dal Kloten
I bellinzonesi, sconfitti in casa dai Jets 7-3, chiudono settimi in classifica e sfideranno nei playoff l’Ad Astra
sci nordico
12 ore
Campionati regionali, vince un... varesino
Fra le donne successo di Manuela Leonardi di Bedretto, fra le ragazze vince Anna Pronzini e fra i ragazzi Levin Arduser
Basket
12 ore
Nancy Fora: ‘Importante la cultura del lavoro’
La cestista ticinese spiega i segreti dei successi dell’Elfic Friborgo, squadra che in Svizzera non ha praticamente rivali
Basket
13 ore
Mercoledì di nuovo in campo Lugano e Massagno
La Sam vincitrice della Coppa di Lega ospita il Neuchatel, mentre i Tigers ricevono il Vevey forse privo di Sefolosha
© Regiopress, All rights reserved