laRegione
12.03.22 - 21:54
Aggiornamento: 13.03.22 - 17:23

Ambrì, il thriller finale è servito

I biancoblù di Luca Cereeda espugnano Friborgo e possono ancora sperare nel miracolo chiamato preplayoff. Decide tutto una doppietta di Pestoni

ambri-il-thriller-finale-e-servito
Keystone
Gioia biancoblù

L’opera d’arte continua: grazie alla quinta vittoria consecutiva, i leventinesi sono ancora in gioco, e lunedi sera contro il Rapperswil alla Gottardo Arena la squadra di Luca Cereda dovrà conquistare due punti in più del Berna, impegnato pure in casa contro il Losanna.

L’Ambrì si presenta a Friborgo con una sola novità. Burren in difesa prende il posto di Pezzullo. Sempre out DAgostini. Il Friborgo deve fare a meno di DiDomenico, squalificato. Diaz è malato.

I padroni di casa, reduci da diverse sconfitte filate, partono subito all’attacco e colpiscono un palo con Mottet dopo 3’. In boxplay poco dopo è Zaccheo Dotti a involarsi verso Berra, ma senza successo. È in sostanza l’unica occasione leventinese nella prima parte di contesa. La maggiora parte delle azioni in effetti si svolge davanti a Juvonen. Di rimessa Fora e soci comunque ci provano. McMillan e Pestoni impegnano Berra. Il Friborgo da parte sua va vicino al vantaggio con Brodini e Sprunger. La migliore chance per gli ospiti giunge al 14’, Kostner da pochi passi devia però a lato. Al 16’, malgrado l’uomo in meno sul ghiaccio, Pestoni segna la prima rete, nella circostanza erroraccio di Rantakari. I burgundi provano a reagire, ma la difesa sopracenerina regge l’urto. Tanti i tiri bloccati dalla difesa.

La seconda frazione si apre senza grandi chance da gol. La prima emozione la regalano Dufner e Sprunger al 27’, ma Juvonen è nuovamente una garanzia. A metà partita primo powerplay per i ragazzi di Cereda, Berra ci mette una pezza. Il Friborgo fa fatica ora a costruire trame valide, gran merito va dato all’Ambrì, molto abile specialmente a disturbare la manovra di casa già in fase d’impostazione e in zona neutra. Sono davvero pochi gli spazi concessi a Mottet e compagnia. A complicare la vita arriva sul finire di tempo una penalità di partita contro McMillan. La decisione degli arbitri appare molto severa. Perlomeno poco dopo pure il Gottéron incassa una penalità.

Il terzo periodo parte con l’Ambrì bravissimo a difendersi in boxplay. Ancora una volta balza all’occhio la quantità di tiri bloccati dai sopracenerini. Friborgo nuovamente in powerplay attorno al 47’, la scena si ripete, i padroni di casa si piazzano bene, ma Fischer e cricca si buttano praticamente su ogni conclusione. La sofferenza continua, di nuovo Grassi deve sedersi sula panchina dei cattivi al 52’. Juvonen è pronto a fermare un tentativo di Mottet. Il finlandese riesce in seguito a bloccare pure Marchon, che gli si presenta a tu per tu. I locali premono, è il turno di Desharnais, ma ancora una volta l’estremo difensore dei biancoblù è un muro. A 4’ dal 60’ Heim fallisce l’opportunità di chiudere la pendenza. Dubé toglie il portiere e tenta il tutto per tutto, ma complice una penalità di Marchon, non ottiene frutti. Pestoni a porta vuota insacca il 2 a 0 definitivo. L’Ambrì può festeggiare!

Friborgo - Ambrì Piotta (0-1 0-0 0-1) 0-2
Reti:
15’15’’ Pestoni (esp. Kostner!) 0-1. 59’57’’ Pestoni (esp. Marchon, a porta vuota) 0-2.
Friborgo: Berra; Gunderson, Jecker; Dufner, Rantakari; Sutter, Furrer; Chavaillaz; Bykov, Desharnais, Mottet; Sprunger, Schmid, Marchon; Brodin, Walser, Jörg; Bougro, Haussener, Jobin.
Ambrì Piotta: Juvonen; Fora, Isacco Dotti; Hietanen, Fischer; Fohrler, Zaccheo Dotti; Burren; Trisconi, Kostner, Bianchi; Bürgler, Heim, Kneubuehler; Pestoni, McMillan, Zwerger; Grassi, Dal Pian, Incir; Neuenschwander.
Arbitri: Wiegand, Nord (Sve); Fuchs, Kehrli.
Note: 8’934 spettatori (tutto esaurito). Penalità: Friborgo 3 x 2’. Ambrì 4 x 2’’ + 1 x 5 + penalità di partita (McMillan). Tiri: 31-19 (14-8, 3-6, 14-5). Friborgo senza Rossi (infortunato), Diaz (malati), DiDomenico (squalificato), Lauper e Kamerzin (in soprannumero). Ambrì privo di Conz, Conacher, Hächler, D’Agostini, Regin (infortunati) e Pezzullo (in soprannumero). Al 3’05’’ palo di Mottet. Al 55’ timeout Ambrì, al 57’52’’ timeout Friborgo. Friborgo dal 57’52’’ al 58’55’’ e dal 59’10’’ al 59’57’’senza portiere. Premiati come migliori in pista Berra e Juvonen

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
HC Aspi Capitals
9867
2
LucHC Lions
9639
3
Sparta Becherovka
9402
4
Team Belozoglu
9342
5
FHM2223
9301
6
TrigoAce1
9215
7
HC Kaski Male
9203
8
thibault_gav
9191
9
Hirschi21
9008
10
Team7
9007
TOP NEWS Sport
Calcio
6 ore
‘Tifosi granata, stateci sempre vicini’
A due giorni dalla ripresa del campionato cadetto, il nuovo coach dell’Acb Stefano Maccoppi fa il punto della situazione e presenta tre nuovi arrivi
MOUNTAIN BIKE
21 ore
Nel 2023 per Filippo Colombo soffia un vento di novità
Il biker ticinese ha cambiato squadra (è passato alla Scott) e con la Q36.5 vuole intensificare l’attività su strada. ‘Ma punto a Cdm e Mondiali di mtb’
hockey
22 ore
Anche un po’ di Ticino alla finale di Champions League
Il linesman Eric Cattaneo selezionato per arbitrare Luleå-Tappara Tampere il prossimo 18 febbraio. Con lui Stolc e due tedeschi
Basket
23 ore
Ufficiale, Sefolosha a Vevey
Il primo svizzero ad aver giocato nella Nba torna a 38 anni nel club con cui aveva esordito
tennis
1 gior
Australian Open, continua la marcia di Aryna Sabalenka
La bielorussa accede alla finale di Melbourne dopo aver eliminato in due set 7-6 6-2 la polacca Magda Linette. Ora affronterà la kazaka Rybakina
Tennis
1 gior
Elena Rybakina prima finalista degli Australian Open
La kazaka ha eliminato in due set (7-6, 6-3) la bielorussa Viktoria Azarenka
Calcio
1 gior
Abramovich, Todd Boehly e il calciomercato del Chelsea
Il nuovo padrone dei Blues, dopo aver fatto piazza pulita dello staff, ha adottato un’innovativa e azzardata politica di ingaggio dei giocatori
COSE DELL'ALTRO MONDO
1 gior
Il sogno prosegue, Mr. Irrelevant non si vuole più svegliare
Brock Purdy ha vinto l’undicesima partita consecutiva, portando San Francisco alla finale della Nfc. A Kansas City brividi per l’infortunio a Pat Mahomes
Sci
1 gior
A Schladming arriva il gran giorno di Loïc Meillard
Il 26enne di Hérémence conquista infine il primo trionfo in gigante, lasciandosi alle spalle il grigionese Gino Caviezel in un mercoledì da incorniciare
SPORT
1 gior
Discriminazione nello sport, Berna scende in campo
Etica e competizione, il Consiglio federale vara un pacchetto di misure volte a rafforzare, in particolare, la protezione dei giovani atleti
© Regiopress, All rights reserved