laRegione
Cameroon
1
Serbia
2
2. tempo
(1-2)
26.02.22 - 22:26
Aggiornamento: 06.03.22 - 17:00

Ambrì al naufragio sul ghiaccio di Zugo

Leventinesi seccamente sconfitti alla BossardArena. Mentre per il danese Peter Regin la stagione è ormai da considerarsi conclusa

ambri-al-naufragio-sul-ghiaccio-di-zugo
Serata durissima per Ciaccio, Dotti e compagni (Keystone)

L’Ambrì si presenta a Zugo senza gli infortunati Conz e Regin. Il danese, vittima di uno stiramento del legamento collaterale del ginocchio sinistro la sera prima contro il Losanna, sarà indisponibile per le prossime 6-8 settimane. Mentre Conz, pure uscito malconcio dalla sfida con i vodesi, lamenta un problema muscolare: la durata dell’indisponibilità del portiere giurassiano non è ancora nota, Conz dovrà infatti sottoporsi a ulteriori esami (da notare pure che anche Incir, in seguito al riacutizzarsi di un problema alla caviglia, sarà out a tempo indeterminato). Così alla BossardArena in porta c’è Ciaccio, mentre torna in formazione Moses e McMillan è il centro del primo blocco. Sul fronte dello Zugo, invece, rispetto alla vittoria ottenuta a Lugano, in attacco Klingberg prende il posto di Lander.

La prima frazione è equilibrata, pochi le vere occasioni da rete. La migliore per l’Ambrì capita a Kneubuehler, ma Genoni è pronto. A fare la differenza, in powerplay, è una deviazione di Zehnder su tiro dell’ex di turno Müller che porta in vantaggio i padroni di casa al 9’. Altrimenti i leventinesi si difendono con ordine e concedono pochi spazi a Kovar e compagni, spesso costretti a tirare da lontano.

La seconda frazione ricca di reti Ancora Zehnder, con una rete quasi fotocopia, di nuovo con una deviazione, raddoppia al 29’. L’Ambrì ha il merito di reagire e dimezza lo scarto quasi subito con McMillan. Le speranza leventinesi durano però poco. Al 35’ arriva la rete dell’ex ottenuta da Müller. In 4 contro 3 i biancoblù orchestrano un bel powerplay, Bürgler va tre volte al tiro e Heim devia un disco a lato di pochissimo, ma il complesso di Cereda non punge. Poco dopo è Hietanen solo davanti a Genoni a fallire la mira. Più scaltro lo Zugo che all’ultimo secondo del periodo segna il 4 a 1 con Herzog in powerplay. Nel frangente lo slot di Ciaccio non viene protetto a dovere.

Nel terzo tempo l’Ambrì non offre più resistenza e i locali allungano ulteriormente a piacimento. Segnano Senteler (doppietta), Hofmann e Kovar (Rete incassata da Müller subentrato a Ciaccio). Per i biancoblù addolcisce la pillola Trisconi. Da notare sul finale il brutto fallo di Fohrler ai danni di Bachofner he gli costa una penalità di partità.

Zugo - Ambrì Piotta (1-0 3-1 4-1) 8-2
Reti: 8’59’’ Zehnder (Marco Müller/esp. Zwerger) 1-0. 28’18’’ Zehnder (Hansson, Klingberg) 2-0. 31’13’’ McMillan 2-1. 34’37’’ Marco Müller (Herzog) 3-1. 39’59’’ Herzog (esp. Forhler) 4-1. 42’29’’ Senteler (Klingberg/esp. Fora) 5-1. 46’31’’ Senteler 6-1. 48’30’’ Hofmann (Kovar, Simion) 7-1. 50’46’’ Trisconi (Bianchi, Fischer) 7-2. 57’37’’ Kovar 8-2.
Zugo: Genoni; Cadonau, Djoos; Schlumpf, Kreis; Hansson, Stadler; Gross; Simion, Kovar, Hofmann; Klingberg, Senteler, Zehnder; Allenspach, Marco Müller, Herzog; Suri, Leuenberger, Bachofner.
Ambrì Piotta: Ciaccio (dal 50’ Stefan Müller); Hietanen, Isacco Dotti; Fora, Zaccheo Dotti; Burren, Fischer; Fohrler; Moses, McMillan, Zwerger; Pestoni, Grassi, Conacher; Bürgler, Heim, Kneubuehler; Trisconi, Kostner, Bianchi; Neuenschwander.
Arbitri: Lemelin (Usa), Borga; Obwegeser, Kehrli
Note: 6’842 spettatori. Penalità: 7 x 2’ + 1 x 10’ (Kovar) contro lo Zugo; 8 x 2’ + penalità di partita (Fohrler) contro l’Ambrì. Zugo privo di Martschini (infortunato) e Lander (straniero in soprannumero); Ambrì Piotta senza Conz, Regin e Incir (infortunati).

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
EHC Rofels
5420
2
HC Aspi Capitals
5399
3
HC Kaski Male
5355
4
HC TUT-TUT
5333
5
LucHC Lions
5176
6
ASIA TEAM
5158
7
SV Rokaner
5141
8
AmStars
5136
9
Team Belozoglu
5136
10
HC Klo10Flies
5134
TOP NEWS Sport
Calcio
1 ora
Heiko Vogel direttore sportivo del Basilea
Ritorno sulle rive del Reno per il 47enne ex allenatore
Qatar 2022
13 ore
Un missile di Fullkrug tiene in corsa i tedeschi
Finisce in parità la sfida più attesa tra una Spagna che dovrà stare attenta al Giappone e una Germania che si gioca tutto con il Costarica
Sci
16 ore
Wendy, il gran giorno è arrivato. Ma lo deve condividere
Sulle nevi del Vermont la svittese centra infine un trionfo nello slalom che inseguiva da una vita. A far festa con lei, però, c’è anche Larson
Qatar 2022
16 ore
Senza Neymar l’esame di maturità di Yakin
Il tecnico rossocrociato, che 15 mesi fa allenava ancora in Challenge League, contro il Brasile non disporrà di Okafor
Qatar 2022
17 ore
Davies illude il Canada, Kramaric lo elimina
La Croazia rimonta grazie soprattutto a una doppietta della punta dell’Hoffenheim
IL DOPOPARTITA
17 ore
Un weekend in bianco: ‘Restiamo positivi, meritavamo di più’
L’Ambrì rende nuovamente la vita dura allo Zurigo, che però trova il modo di spuntarla. ‘La fortuna? Non è stata dalla nostra, ma bisogna anche cercarla’
QATAR 2022
18 ore
Belgio sconfitto, a Bruxelles scoppiano disordini
La polizia è intervenuta con cannoni ad acqua per disperdere i tifosi facinorosi. Le autorità hanno chiesto alla popolazione di non recarsi in centro
QATAR 2022
19 ore
‘Battere il Brasile? Non mi stupirebbe’
Nestor Subiat fiducioso sulle qualità della Nazionale svizzera. ‘E per l’Argentina il Mondiale inizia adesso’. Il ricordo del 1994 e di Andres Escobar
Qatar 2022
20 ore
Marocco troppo forte per il Belgio
Dopo il pareggio coi croati vicecampioni del mondo, i magrebini colgono la posta piena coi Diavoli rossi
Qatar 2022
21 ore
Bandiera del Kosovo nello spogliatoio serbo: ‘Fifa ipocrita’
Criticata dal governo della Serbia la decisione di avviare un procedimento disciplinare contro la locale Federcalcio per il vessillo esposto ai Mondiali
© Regiopress, All rights reserved