laRegione
25.02.22 - 22:10

Lugano, la beffa è servita. E porta la firma di Suri

In vantaggio fino al 45’, i bianconeri si fanno rimontare nell’epilogo. A decidere tutto è il classico gol dell’ex, in shorthand, a tre minuti dalla fine

lugano-la-beffa-e-servita-e-porta-la-firma-di-suri
Ti-Press/Crinari
Luca Fazzini cerca di sfuggire a Simion e Schlumpf

Il venerdì finisce davvero in malo modo. Brutto epilogo di una serata che si apre con l’entrata nella Hall of Fame del club bianconero di altri due altri illustri ex, ovvero Silvano Corti e Andy Ton, e in cui il Lugano appena mette piede sul ghiaccio parte subito a tutta. Tanto lavoro, dischi sulla porta e subito una grossa occasione, al secondo minuto, con Morini che si ritrova tutto solo davanti a Genoni, ma non riesce a spiazzarlo. Morini che poi, invece, al 4’47’’ (quando in panchina c’è Bachofner, il quale deve scontare una penalità per sgambetto inflitta allo stesso portiere dello Zugo), prende la sua rivincita, colpendo al volo un disco ballonzolanete davanti a Genoni dopo un centro dalla sinistra di Boedker. Allo Zugo, però, bastano tre minutini per tornare a galla: penalità per trattenuta inflitta a Bertaggia, e disco sulla porta di Hansson che si perde nel traffico, e per il liberissimo Zehnder è un gioco da ragazzi centrare la porta vuota. Gli ospiti provano a insistere, ancora in superiorità numerica (per un contestato bastone alto di Loeffel), con Carr che deve sostituirsi a Fatton davanti alla linea di porta. La risposta del Lugano è perentoria: Leuenberger perde malamente un puck nel terzo difensivo del Lugano, cogliendo impreparati i suoi compagni: Morini tocca il disco in avanti per Fazzini, il quale si presenta solo soletto sul fronte offensivo e con un missile dei suoi lascia Genoni di stucco: è il 2-1 al 14‘14’’.

Quel gol di vantaggio gli uomini di McSorley provano a costruire, in un secondo tempo equilibrato e combattuto, ma certamente non dei più spettacolari. Con lo Zugo che in avvio (al 3’) colpisce un clamoroso palo con Marco Müller (Fatton non avrebbe neppure il tempo di reagire), ma con il Lugano che continua a manovrare dischi, anche se sul fronte offensivo le occasioni non sono di quelle ghiottissime, eccezion fatta per quelle capitate sul bastone di un intraprendente Morini, di Carr e, soprattutto, nel finale, di Arcobello. Un gol di vantaggio, però, nell‘hockey è nulla: ecco perché in avvio di terzo tempo i ticinesi si rimettono a spingere, con Herburger che si trova subito per le mani una buona occasione. Invece, al 45’51’’ è lo Zugo a colpire: il solito Hansson riceve il disco e con esso un sacco di spazio davanti a sé, con Fatton che nell’occasione si fa sorprendere. Il pareggio ospite non spegne l’energia del Lugano, che non smette di lavorare e a sei minuti e mezzo dal termine si crea una ghiotta opportunità, quando Kovar si fa spedir fuori per quattro minuti dopo una bastonata in faccia a Herburger. Il powerplay però fatica a ingranare, e quando finalmente i bianconeri sembrano piazzati, un puck malgestito da Fazzini dà il via al più classico dei contropiede, con Reto Suri (sì, proprio lui) che si presenta davanti a Fatton e lo beffa, al 56’39’’. Dura davvero, perdere così.

Lugano - Zugo (2-1 0-0 0-1) 2-3
Reti:
4’47’’ Morini (Boedker, Alatalo/esp. Bachofner per Genoni) 1-0. 8’56’’ Zehnder (Hansson, Senteler/esp. Bertaggia) 1-1. 14’14’’ Fazzini (Morini) 2-1. 45’51’’ Hansson (Senteler) 2-2. 56’39’’ Suri (Leuenberger/esp. Kovar!) 2-3.
Lugano: Fatton; Loeffel, Müller; Guerra, Alatalo; Chiesa, Wolf; Näser; Fazzini, Arcobello, Morini; Carr, Thürkauf, Josephs; Boedker, Herburger, Bertaggia; Stoffel, Walker, Vedova; Traber.
Zugo: Genoni; Schlumpf, Kreis; Stalder, Hansson; Djoos, Cadonau; Gross; Marco Müller, Lander, Herzog; Simion, Kovar, Hofmann; Suri, Senteler, Zehnder; Allenspach, Leuenberger, Bachofner.
Arbitri: Stolc (Slc), Hürlimann; Schlegel, Stalder.
Note: 4’988 spettatori. Penalità: 3 x 2’ contro il Lugano; 5 x 2’ contro lo Zugo. Tiri in porta: 35-25 (13-11, 13-8, 9-6). Lugano privo di Herren, Schlegel, Fadan (infortunati), Riva (ammalato) e Irving (straniero in soprannumero); Zugo senza Martschini (infortunato), Hollenstein (ammalato) e Klingberg (straniero in soprannumero). Al 43’42’’ palo colpito da Müller. Lugano senza portiere dal 58’45’’ e fino al termine. Premiati a fine partita, quali migliori giocatori in pista, Giovanni Morini e Leonardo Genoni.

Leggi anche:

A Lugano il passato che ritorna. Ton: ‘Quel record cadrà’

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
HC Aspi Capitals
10137
2
LucHC Lions
10020
3
Sparta Becherovka
9709
4
thibault_gav
9610
5
FHM2223
9586
6
TrigoAce1
9551
7
Team Belozoglu
9533
8
Team7
9511
9
HC Kaski Male
9447
10
Tschernobyl
9378
TOP NEWS Sport
Hockey
2 ore
L’hockey stravagante di Sankt Moritz ’48
75 anni fa, al termine di una lunga pausa forzata, per ospitare i primi Giochi dopo la pace ritrovata furono scelte la Svizzera e le nevi engadinesi
il dopopartita
7 ore
L’Ambrì espugna Zugo ‘con la testa e con la lotta’
Uno spunto di Heed dopo 14" di overtime regala la decima vittoria da due punti ai suoi. Pestoni: ‘Ora sottovalutare l’Ajoie sarebbe un errore gigantesco’.
IL DOPOPARTITA
7 ore
Lugano in bianco in un martedì nero. ‘Questione di feeling’
Cinque schiaffi nel primo tempo, triste primato di una partita che si spegne subito. Gianinazzi ‘Probabilmente, un domani gestirei la cosa diversamente’
Altri sport
8 ore
Hockey su prato, Lugano promosso in Serie B Indoor
Decisivi i due successi ottenuti contro Grasshopper e Berna al torneo finale di Prima Lega a Zurigo
Hockey
9 ore
Tim Heed regala due punti d’oro all’Ambrì Piotta
Ottima prestazione dei leventinesi a Zugo: la sfida ha premiato la truppa di Cereda, vittoriosa 3-2 dopo l’overtime
Hockey
9 ore
Nuovo tonfo del Lugano, gode il Friborgo
Dolorosa sconfitta per la truppa di Luca Gianinazzi: ospiti padroni totali alla Cornèr Arena e vincenti per 6-1, con cinque gol nei primi 20’.
Unihockey
12 ore
Ticino fermato dal Kloten
I bellinzonesi, sconfitti in casa dai Jets 7-3, chiudono settimi in classifica e sfideranno nei playoff l’Ad Astra
sci nordico
12 ore
Campionati regionali, vince un... varesino
Fra le donne successo di Manuela Leonardi di Bedretto, fra le ragazze vince Anna Pronzini e fra i ragazzi Levin Arduser
Basket
13 ore
Nancy Fora: ‘Importante la cultura del lavoro’
La cestista ticinese spiega i segreti dei successi dell’Elfic Friborgo, squadra che in Svizzera non ha praticamente rivali
Basket
14 ore
Mercoledì di nuovo in campo Lugano e Massagno
La Sam vincitrice della Coppa di Lega ospita il Neuchatel, mentre i Tigers ricevono il Vevey forse privo di Sefolosha
© Regiopress, All rights reserved