laRegione
Canada
Marocco
16:00
 
Croazia
Belgio
16:00
 
Hockey
laR
 
16.01.22 - 20:31
Aggiornamento: 21:19

Moses: ‘Segnare dà la sensazione di essere tornato al lavoro‘

Bella prova dello statunitense. Cereda: ‘Contenti di lui. Siamo vivi, continuiamo a lottare’ 

di Marco Maffioletti
moses-segnare-da-la-sensazione-di-essere-tornato-al-lavoro

Già autore di una prova incoraggiante al debutto, Steve Moses si ripete contro il Losanna, tornando addirittura ad assaporare il sapore della rete. «Sono fiero del mio ritorno sul ghiaccio dopo l’infortunio patito. Sto lavorando duramente e segnare un gol mi dà quel feeling di essere davvero tornato a fare il mio lavoro, anche se ovviamente prevale la delusione per la sconfitta”, afferma lo statunitense a fine gara. Attivissimo, Moses ha scagliato ben sette tiri nello specchio della gabbia di Stephan. «Avrei dovuto segnare qualche rete in più, ho avuto diverse opportunità, ma non è evidente riadattarsi alla velocità e a determinate situazioni di gioco dopo una lunga pausa forzata. Giocare contro gente che ha nelle gambe una quarantina di partite, incluso le amichevoli, è difficile. Comunque rispetto alla prima uscita stagionale mi sento già meglio e sono contento del mio inizio in biancoblù, ora si tratta di migliorare costantemente, è quello che mi attendo da me stesso».

L’Ambrì tornerà sul ghiaccio solamente venerdi. «Ovviamente avrei preferito giocare già prima, ho bisogno delle partite per ritrovare il ritmo e le sensazioni giuste. D’altro canto però questa mini pausa mi permetterà di comprendere ancora meglio lo stile di gioco e di conoscere più a fondo la nuova realtà in cui mi trovo», conclude il 32enne.

Luca Cereda si rammarica per l’occasione persa. «Il primo tempo insufficiente c’è costato la partita, non sono bastati un buon secondo tempo e un ottimo terzo - esordisce il coach -. In entrata abbiamo perso troppi duelli. La sostituzione di Ciaccio? Volevo scuotere la squadra, il portiere ha pagato per tutti, per lui è sicuramente un colpo duro». Come ci si comporta in questi casi nel gestire la delicata sostituzione? «Sono quelle situazioni e scelte che si discutono a bocce ferme e non ad esempio alla prima pausa. Parleremo con Damiano nelle prossime ore”. Tra le note egregie c’è appunto Moses. «Siamo soddisfatti, ha avuto un buon primo impatto, per lui è difficile arrivare così a freddo dopo tanta inattività, sta portando energia e coraggio». Ultimamente criticato, buona la prestazione del quarto blocco di Trisconi, Bianchi e Kostner. «Rimaniamo in un periodo non ideale a livello mentale e fisico, ciò vale anche per loro tre, ma continuano a spingere e lavorare e in questo senso hanno fatto un passo in avanti anche a livello offensivo, guadagnando pure delle penalità».

L’Ambrì sconfitta a parte, ha dimostrato di non volere mollare. «Certo, siamo vivi, a tre punti dal decimo posto, seppure con qualche partita in più disputata, ma restano 14 gare da giocare, più di 40 punti sono in palio, siamo in lotta per raggiungere uno dei nostri obiettivi stagionali e continuiamo a lottare anche nei momenti più difficili, questa è una delle grandi forze del nostro club». Cereda svela i piani dei prossimi giorni senza match. «Non metteremo il focus su qualcosa di particolare, lavoreremo su tutte le situazioni sul ghiaccio al fine di migliorare e trovare maggiore costanza».

Maledetta entrata in materia

Inizia come peggio non potrebbe l’avventura leventinese a Losanna. Dopo appena 6’ Sekac con una bella deviazione apre le marcature. Nemmeno il tempo di rifiatare e poco dopo ecco l’autorete di Fohrler. Il difensore tedesco devia beffardamente nella propria porta un centro di Maillard. La partita dell’incolpevole Ciaccio finisce dunque già al 7’19’’. Cereda per dare una scossa lo rimpiazza con Conz. Passato lo choc, l’Ambrì comincia a prendere coraggio, ma le occasioni grandi mancano. L’unica è sul bastone di Moses, ma Stephan risponde presente. La musica cambia nel periodo centrale. Gli ospiti sono più produttivi e tonici, al 27’ arriva il gol di Zwerger, favorito dallo splendido assist di Pestoni. Proprio sul più bello, dopo aver superato egregiamente due inferiorità numeriche quasi filate, arriva un’altra mazzata per Fora e soci. Baumgartner al 34’ dimenticato dalla difesa sopracenerina si presenta a tu per tu con Conz e infila il punto del 3 a 1. Tutto finito? Ebbene no. Nei restanti 26’ di contesa i biancoblù salgono in cattedra e in sostanza dominano al cospetto di un complesso casalingo passivo oltremisura. Tante le opportunità da rete e le scene di panico davanti alla gabbia vodese. L’unica segnatura però è quella di Moses al 51’ per il 3 a 2 finale. E così l’Ambrì esce immeritatamente a mani vuota dalla Vaudoise Arena e con tanti rimpianti pensando a quell’inizio di partita davvero maledetto.

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
EHC Rofels
5769
2
HC Aspi Capitals
5696
3
HC Kaski Male
5643
4
HC TUT-TUT
5576
5
Team Belozoglu
5471
6
HCbierrafeu
5470
7
LucHC Lions
5469
8
GregBeaud
5448
9
HC Klo10Flies
5436
10
Chop
5413
TOP NEWS Sport
Qatar 2022
3 ore
Elvedi e Sommer non si sono allenati
Entrambi raffreddati alla vigilia di Svizzera-Serbia, hanno saltato la seduta di giovedì
I mondiali dal divano
10 ore
I segreti dei suoi occhi
Le Coppe del mondo passano, i ricordi restano. Poi diventano tesori nelle nostre memorie
QATAR
17 ore
In campo c’è solo l’Argentina, avanti con Mac Allister e Alvarez
Szczesny il migliore di una Polonia che passa per il rotto della cuffia. Al Messico non basta il 2-1 sull’Arabia Saudita
FREESTYLE
20 ore
Marco Tadé infortunato in Finlandia durante un allenamento
Il 26enne ticinese, già rimpatriato e ospedalizzato a Lugano, ha subito la rottura di quattro costole, di una clavicola e la perforazione di un polmone
QATAR 2022
21 ore
L’Australia raggiunge la Francia negli ottavi di finale
I ‘socceroos’ superano una deludentissima Danimarca con un gol di Leckie. Nell’altra partita, vittoria inutile della Tunisia
Calcio
21 ore
Pelé di nuovo ricoverato
O’Rey, che è malato di cancro, sarebbe in condizioni critiche
CICLISMO
22 ore
Morto Davide Rebellin, investito in bicicletta da un camion
Il dramma nel comune di Montebello Vicentino. Il 51enne italiano aveva chiuso la carriera nel 2022, dopo aver vinto Freccia (3 volte), Liegi e Amstel
Qatar 2022
23 ore
In silenzio Xhaka e Shaqiri
L’Asf, per evitare qualsiasi polemica coi serbi, impedisce di parlare ai due protagonisti della sfida di quattro anni fa
SCI ALPINO
23 ore
La lotta di Eliasch sui diritti tv potrebbe sfociare in crisi
Il nuovo presidente Fis intende centralizzarli, ma deve lottare contro l’opposizione di federazioni potenti come quelle svizzera, austriaca e tedesca
Calcio
1 gior
Il futuro della Juve fra rischi, Agnelli ed ex bandiere
Dopo le dimissioni del presidente e dell’intero CdA, per il club bianconero si apre un’era fitta di interrogativi
© Regiopress, All rights reserved