laRegione
12.01.22 - 22:09

L’affare lo fa lo Zurigo: per i playoff diretti è dura davvero

Il Lugano spinge, ci prova e ci crede. Alla fine, però, i bianconeri sono costretti alla resa dai Leoni, e il sesto posto è ancora più lontano

l-affare-lo-fa-lo-zurigo-per-i-playoff-diretti-e-dura-davvero
Niklas Schlegel con lo zurighese Chris Baltisberger (Ti-Press/Golay)

Alla fine, lo scontro diretto che vale sei punti sul ghiaccio della Cornèr Arena lo vince lo Zurigo. Nella sera in cui il Lugano ritrova un Mikkel Boedker assente fino all’ultima per la nascita della primogenita, con Chris McSorley che può così mandare in pista lo stesso effettivo dell’ultima partita vinta sul Losanna prima della quarantena, pur se in difesa manca l’ammalato Samuel Guerra, rimpiazzato dal rientrante Matteo Nodari.

Nonostante non scenda in pista da ben venti giorni, in avvio di contesa è il Lugano a farsi preferire. Boedker e Herburger sono i primi ad allertare il portiere ceco dei Lions Jakub Kovar – il fratello maggiore della stella dello Zugo, Jan –, ma in generale è il Lugano la squadra più attiva, e i brividi più grossi per i bianconeri vengono da un paio di dribbling azzardati di Loeffel. Poi però, dopo uno sgambetto fischiato a Herburger, lo Zurigo comincia a farsi più minaccioso, e Schlegel comincia ad avere parecchio lavoro da fare. L’occasione più ghiotta arriva però solo 1’16’’ dalla prima pausa, quando Malgin si ritrova solo soletto davanti al portiere bianconero, ma spara alto. Meno di dieci secondi dopo, però, gli ospiti trovano il gol: Riva perde il disco nell’angolo, e sul tocco di Roe Simon Bodenmann colpisce un clamoroso palo con Schlegel battuto, ma l’azione prosegue e mentre il portiere bianconero è ancora disteso sul ghiaccio, Patrick Geering trova il tiro vincente sotto la traversa. Il vantaggio ospite a 56’’ dalla prima sirena non spegne però il Lugano, che a dodici secondi dalla pausa arriva a un niente dal pareggio, dopo un gran giocata di Fazzini che libera Bertaggia davanti a Kovar, ma la conclusione del ticinese si spegne a lato di un soffio.

In avvio di secondo tempo il Lugano prova subito ad aggredire gli ospiti: prima ci prova Morini, poi Carr, quindi Fazzini, due volte. Ma la spinta non si esaurisce lì. E lo Zurigo è costretto a guardare. Finché, meritate, arrivano anche le reti. La prima la firma Arcobello su assist di Carr, dopo gran lavoro in fase di ripiegamento di Josephs (1-1 al 25‘28’’), mentre la seconda la firma lo stesso ventisettenne dell’Ontario, servito proprio da Arcobello, nel corso di quella che è la terza penalità quasi consecutiva degli ospiti (2-1 al 31’58’’). Purtroppo per il Lugano, però, tutto ciò non basta: un tiro improvviso di Quenneville al 35’35’’, forse addirittura involontariamente sporcato da Herburger, coglie totalmente di sorpresa Schlegel e riporta i Leoni in partita.

Tutto da rifare, insomma. In una partita che, classifica alla mano, è davvero di quelle che valgono doppio, in ottica playoff. E con il passare dei minuti il disco comincia a scottare, e ogni deviazione rischia di essere decisiva. Come quella sfortunata che, al 47‘24’’, si trasforma nel migliore degli assist per Marcus Krüger: tocco decisivo di Loeffel che frena il puck proprio davanti a Schlegel, e per lo svedese dei Lions è un gioco da ragazzi segnare il terzo gol. Da lì in poi è tutto inutile, per i bianconeri. Nonostante qualche buona occasione, su tutte quella ghiottissima capitata a Daniel Carr a due minuti esatti dalla fine.

Lugano - Zsc Lions (0-1 2-1 0-1) 2-3
Reti:
19’04’’ Geering (Bodenmann, Roe) 0-1. 25’28’’ Arcobello (Carr, Josephs) 1-1. 31’58’’ Josephs (Arcobello, Alatalo/esp. Bodenmann) 2-1. 35’35’’ Quenneville (Azevedo, Geering) 2-2. 47’24’’ Krüger (Geering, Quenneville) 3-2.
Lugano: Schlegel; Mirco Müller, Loeffel; Wolf, Nodari; Riva, Alatalo; Chiesa; Bertaggia, Thürkauf, Fazzini; Josephs, Arcobello, Carr; Morini, Herburger, Boedker; Vedova, Walker, Stoffel; Traber.
Zsc Lions: Jakub Kovar; Weber, Geering; Guebey, Marti; Trutmann, Phil Baltisberger; Meier; Azevedo, Krüger, Quenneville; Pedretti, Malgin, Sigrist; Chris Baltisberger, Roe, Bodenmann; Sopa, Schäppi, Aeschlimann; Riedi
Arbitri: Stricker, Hürlimann; Fuchs, Gnemmi.
Note: 3’479 spettatori. Penalità: 3 x 2’ contro il Lugano; 7 x 2’ contro gli Zsc Lions. Tiri in porta: 38-24 (8-12, 14-8, 16-5). Lugano privo di Herren (infortunato), Guerra (ammalato) e Leland (straniero in soprannumero); Zurigo senza Morant, Hollenstein (infortunati), Andrighetto, Flüeler, Noreau e Diem (tutti ammalati). Pali: 19’00’’ Bodenmann, 29’40’’ Josephs. Al 58‘50’’ timeout chiesto dal Lugano, che gioca senza portiere dal 58’32’’. Premiati a fine partita, quali migliori giocatori in pista, Mark Arcobello e Patrick Geering.

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
HC Aspi Capitals
10137
2
LucHC Lions
10020
3
Sparta Becherovka
9709
4
thibault_gav
9610
5
FHM2223
9586
6
TrigoAce1
9551
7
Team Belozoglu
9533
8
Team7
9511
9
HC Kaski Male
9447
10
Tschernobyl
9378
TOP NEWS Sport
Tennis
5 ore
Djokovic più forte di tutti e di tutto
Il serbo ha conquistato l’Open australiano mostrando, oltre a una netta superiorità tecnica, pure una forza mentale impressionante
Calcio
12 ore
Gattuso lascia il Valencia
Il campione del mondo 2006, 14° in classifica nel campionato spagnolo, se ne va in accordo col club
Hockey
12 ore
Addio a Bobby Hull
Una delle leggende della Nhl - e dei Chicago Blackhawks - si è spenta lunedì a 84 anni
Calcio
14 ore
‘Situazione difficile, aiuteremo i giocatori’
Dopo il fallimento del Fc Chiasso, i sindacati hanno incontrato i calciatori e hanno spiegato loro come muoversi per far valere i propri diritti
CROSS
16 ore
Roberto Delorenzi vince a Moghegno
La prova generale dei Campionati svizzeri di cross 2024 nobilitata dalla presenza di alcuni talenti confederati protagonisti delle prove di Cross Cup
BASKET
18 ore
Juwann James, quando il senso del dovere è più forte del dolore
Asterischi a margine della finale di Sbl Cup vinta dalla Spinelli Massagno. Lo statunitense avrebbe meritato il riconoscimento di Mvp
COSE DELL’ALTRO MONDO
19 ore
Eagles e Chiefs staccano il biglietto per il Super Bowl
Philadelphia supera San Francisco colpito dalla sfortuna, Kansas City si prende la rivincita su Cincinnati grazie a uno stupido fallo
Hockey
20 ore
Il Davos rinforza la difesa con Aaron Irving
Il ventiseienne canadese arriva dal SaiPa in Finlandia e si è accordato con i gialloblù fino al termine della stagione
Calcio
23 ore
Un mese di stop per Allan Arigoni
Il terzino del Lugano ha subito una lussazione acromion-clavicolare di secondo grado della spalla sinistra
IL DOPOPARTITA
1 gior
Sono le situazioni a rendere speciale il ‘Rappi’
Un ottimo Lugano costretto alla resa dal powerplay sangallese. Gianinazzi: ‘Dobbiamo crescere in boxplay e stare alla larga dalla panchina’
© Regiopress, All rights reserved