laRegione
26.12.21 - 22:42
Aggiornamento: 23:25

L’odissea elvetica ai Mondiali U20: ‘È dura concentrarsi’

Dai bagagli persi per strada alla doppia quarantena. Ma adesso la giovane Svizzera, con i ticinesi Zanetti, Biasca e Canonica, è pronta a dire la sua

l-odissea-elvetica-ai-mondiali-u20-e-dura-concentrarsi
Chanton, Patenaude e Knak si aspettavano ben altro Natale... (Keystone)

L’avvio della campagna mondiale a Red Deer, in Alberta, dove domani (alle 22.30, in Svizzera) faranno il loro esordio, per i ragazzi della selezione rossocrociata U20 è stata a dir poco tribolata. Al loro arrivo in Canada, dopo una quarantena preventiva di due giorni, i rossocrociati dapprima sono stati costretti a rinviare il primo allenamento, poiché la loro attrezzatura s’era persa per strada, prima che emergesse la positività al Covid di uno dei ragazzi, ciò che ha costretto l’intera delegazione a sottomettersi a due nuove serie di test: la prima aveva indicato la negatività di tutto l’organico, mentre invece la seconda ha confermato la positività del giocatore in questione, costringendo così giocatori e staff a tornare in quarantena per altri due giorni, cosa che ha costretto lo staff della nazionale a cancellare quella che era l’unica amichevole di preparazione, contro la Repubblica Ceca. Tranne due ragazzi, che hanno dovuto restare in isolamento, gli altri nel frattempo sono potuti tornare sul ghiaccio, per preparare un torneo che, già di per sé difficile, viste le premesse si preannuncia quantomeno complicato. Consci delle difficoltà causate dall’assillo della pandemia, in queste ore i delegati dell’Iihf hanno optato per la cancellazione della retrocessione nella seconda fascia dell’hockey di categoria, rischio a cui avrebbero dovuto far fronte le ultime classificate dei due gironi dopo la prima fase, che si sarebbero affrontare in uno spareggio al meglio di tre partite per non scendere. Ma quello della lotta per non retrocedere era uno scenario che i rossocrociati non avrebbero mai voluto prendere in considerazione. Non dopo la figuraccia al Mondiale di un anno fa, quando la selezione già a suo tempo affidata allo stesso Bayer chiuse la fase preliminare con quattro sconfitte filate, con un bilancio di appena 5 gol fatti e addirittura 20 subiti, salvando il proprio posto nell’élite planetaria soltanto perché, anche allora, la retrocessione era stata abolita.

Inserita anche stavolta in un girone non semplice, con squadre come la Russia, appunto, gli Stati Uniti campioni in carica, la Svezia e la Slovacchia, l’obiettivo minimo di una Svizzera nel frattempo diventata più matura, anche perché la metà dei selezionati ha già sulle spalle l’esperienza maturata un anno fa, era e rimane comunque la qualificazione ai quarti. Pur se, naturalmente, gli elvetici si presentano al momento del debutto senza avere un minuto di preparazione nelle gambe. «In questo modo, non c’è equità a livello di chance – dice all’agenzia Keystone Ats il direttore delle squadre nazionali, Lars Weibel –. Ciò che è successo in questi giorni ha reso difficile concentrarsi sulle questioni hockeistiche...».

Per i ragazzi, ma non solo. Tanto che a ventiquattr’ore esatte dal debutto sul ghiaccio del Peavey Mart Centrium di Red Deer, città di centomila abitanti a metà strada tra Calgary ed Edmonton, Marco Bayer e lo staff tecnico rossocrociato aveva iscritto nel roster dei Mondiali soli quindici giocatori di movimento e due portieri, mentre invece la selezione definitiva avrebbe dovuto essere allestita già dopo l’amichevole prevista contro i cechi. «Dobbiamo poter reagire fino all’ultimo nel caso in cui ci siano altri casi positivi», conclude Weibel. I giocatori che rimarranno esclusi dalla rosa s’imbarcheranno martedì sul volo che li ripoterà in patria.

Intanto, tra i diciassette elementi già annunciati ci sono i tre ticinesi Brian Zanetti (difensore classe 2003, in forza ai Peterborough Petes, nell’Ontario hockey league), Lorenzo Canonica (classe 2003, che gioca in Québec major junior hockey league con gli Shawinigan Cataractes) e Attilio Biasca (anch’egli del 2003 e pure lui impegnato in Qmjhl, ma con gli Halifax Mooseheads). Assieme a loro ci sono pure due giocatori che in stagione hanno vestito a più riprese la maglia dei Ticino Rockets in Lega nazionale B, ovvero l’ala del Davos Fabian Ritzmann e il centro del Ginevra Servette Christophe Cavalleri.

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
HC Aspi Capitals
9867
2
LucHC Lions
9639
3
Sparta Becherovka
9402
4
Team Belozoglu
9342
5
FHM2223
9301
6
TrigoAce1
9215
7
HC Kaski Male
9203
8
thibault_gav
9191
9
Hirschi21
9008
10
Team7
9007
TOP NEWS Sport
MOUNTAIN BIKE
13 ore
Nel 2023 per Filippo Colombo soffia un vento di novità
Il biker ticinese ha cambiato squadra (è passato alla Scott) e con la Q36.5 vuole intensificare l’attività su strada. ‘Ma punto a Cdm e Mondiali di mtb’
hockey
14 ore
Anche un po’ di Ticino alla finale di Champions League
Il linesman Eric Cattaneo selezionato per arbitrare Luleå-Tappara Tampere il prossimo 18 febbraio. Con lui Stolc e due tedeschi
Basket
14 ore
Ufficiale, Sefolosha a Vevey
Il primo svizzero ad aver giocato nella Nba torna a 38 anni nel club con cui aveva esordito
tennis
16 ore
Australian Open, continua la marcia di Aryna Sabalenka
La bielorussa accede alla finale di Melbourne dopo aver eliminato in due set 7-6 6-2 la polacca Magda Linette. Ora affronterà la kazaka Rybakina
Tennis
18 ore
Elena Rybakina prima finalista degli Australian Open
La kazaka ha eliminato in due set (7-6, 6-3) la bielorussa Viktoria Azarenka
Calcio
21 ore
Abramovich, Todd Boehly e il calciomercato del Chelsea
Il nuovo padrone dei Blues, dopo aver fatto piazza pulita dello staff, ha adottato un’innovativa e azzardata politica di ingaggio dei giocatori
COSE DELL'ALTRO MONDO
23 ore
Il sogno prosegue, Mr. Irrelevant non si vuole più svegliare
Brock Purdy ha vinto l’undicesima partita consecutiva, portando San Francisco alla finale della Nfc. A Kansas City brividi per l’infortunio a Pat Mahomes
Sci
1 gior
A Schladming arriva il gran giorno di Loïc Meillard
Il 26enne di Hérémence conquista infine il primo trionfo in gigante, lasciandosi alle spalle il grigionese Gino Caviezel in un mercoledì da incorniciare
SPORT
1 gior
Discriminazione nello sport, Berna scende in campo
Etica e competizione, il Consiglio federale vara un pacchetto di misure volte a rafforzare, in particolare, la protezione dei giovani atleti
Sci
1 gior
Prosegue il dominio di Mikaela Shiffrin
La statunitense fa suo anche il secondo Gigante di Plan de Corones, solo Mowinckel sta sotto al secondo di ritardo. Gut-Behrami quinta in crescendo
© Regiopress, All rights reserved