laRegione
10.12.21 - 22:01
Aggiornamento: 23:24

Il penultimo derby porta la firma del Lugano

All’Ambrì non basta un gol di Bianchi subito in avvio: i bianconeri ribaltano la situazione nel terzo tempo grazie alle reti di Josephs e Arcobello

il-penultimo-derby-porta-la-firma-del-lugano
Matt D’Agostini cerca di liberarsi dalla marcatura di Elia Riva (Ti-Press/Golay)

Sorride il Lugano, nel penultimo derby di regular season, in quest’epilogo di 2021. In un venerdì che si apre subito buon ritmo e impegno fisico sui due fronti, con l’Ambrì che si ripresenta in pista con Trisconi e il canadese Brandon McMillan (l’altro Brandon, Kozun, invece è dato per ammalato), mentre invece il Lugano ha lo stesso volto di sabato scorso a Berna. La prima ghiotta occasione già al 2’ è del Lugano, ma Mirko Müller da buona posizione spara alto. I biancoblù poco dopo rispondono con un altro difensore, quel Zaccheo Dotti che prova lo sfondamento e riesce a concludere, ma anche in quel caso il disco è fuori misura. Non così, invece, la conclusione di Elias Bianchi poco dopo: la conclusione dell’attaccante numero 20, defilato sulla destra, sorprende Schlegel sul primo palo. Insomma, il derby numero 244 della storia, il 216esimo in A, è subito lanciato. Anche perché poco dopo il Lugano è costretto a giocare in 4 per uno sgambetto di Bertaggia ai danni di Heim, e il powerplay biancoblù è ispiratissimo, con Kostner e D’Agostini che vanno vicinissimi al raddoppio. E soli dieci secondi dopo il ritorno in pista di Bertaggia, tocca a Herburger finire a sua volta in panchina, per un colpo di bastone. Tocca allora a Kneubuehler e Regin, mentre il Lugano naturalmente si fa schiacciare, ma a un certo punto riesce a uscire dal terzo, quando Carr che si lancia nel terzo avversario e, dopo essersi aperto la strada con una finta, arriva a un niente dal pareggio, ma il canadese si allunga un po’ troppo il disco e Ciaccio è graziato. Poi è la volta dei bianconeri a ritrovarsi in superiorità, per una trattenuta fischiata a Isaccco Dotti: il boxplay leventinese è molto aggressivo, ma il Lugano riesce comunque a crearsi una grossa occasione, ma Ciaccio si supera e dice di no a Carr con il guantone. Un primo tempo animato, brioso e appassionante si chiude con due veloci contropiede bianconeri, e sul secondo tentativo Zaccheo Dotti è costretto al fallo d’emergenza su un Morini ritrovatosi di fronte alla porta vuota.

Superati senza danni quei due minuti d’inferiorità, poco dopo sono i padroni di casa a ritrovarsi in powerplay, per una carica di Thürkauf ai danni di Fischer: anche quei 120 secondi a 5 contro 4, però, si concludono con un nulla di fatto. L’Ambrì, però, si crea una nuova occasione poco dopo, quando Chiesa riesce una prima volta a bloccare astutamente un ‘contre’ di McMillan, che però si rifà poco dopo: tuttavia, né Trisconi, né D’Agostini sfruttano l’opportunità. La più concreta chance sul fronte bianconero capita a Riva a metà tempo, ma la conclusione del difensore è centrale, e Ciaccio para senza problemi. Adesso la partita è un continuo su e giù: ci provano Pestoni e Grassi, poi Bertaggia lancia Herburger che pero non aggancia, quindi Pestoni chiama ancora in causa Schlegel. Quindi un disco spedito in tribuna da Burren, a 4’24’’ dalla seconda pausa, riporta i bianconeri in superiorità: l’unico vero pericolo, però, è un tocco ravvicinato di Thürkauf. Non passano che pochi istanti, però, e i padroni di casa si ritrovano di nuovo in inferiorità numerica, dopo un intervento di Zaccheo DOtti ai danni di Fazzini che fa discutere: il Lugano ha un paio di buoni tentativi, ma i puck non arrivano sulla porta, mentre sul fronte biancoblù è ancora Pestoni a farsi minaccioso, dopo un‘indecisione di Schlegel fuori dai pali. Alla fine, però, si chiude sul nulla di fatto: a decidere tutto è sempre il gol di Bianchi al 3’45’’.

In avvio di terzo tempo è l’Ambrì a partire meglio, il Lugano invece pasticcia. Solo con la prima linea in pista, al quarto minuto, gli ospiti si fanno minacciosi davanti a Ciaccio, con Guerra che avrebbe sul bastone il puck del pareggio. L’Ambrì, naturalmente, non sta a guardare, e Grassi arriva a un niente dal raddoppio. Al contrario, non passa qualche secondo e il Lugano trova il punto dell’1-1. Originato, invero, da un clamoroso liscio di Damiano Ciaccio che, impeccabile fin lì, si pianta dietro la propria porta, regalando a Josephs il disco che rilancia del tutto la partita. Partita che l’Ambrì potrebbe anche subito richiudere, ma con Schlegel fuori causa il tiro di Kneubuehler finisce addosso a Heim, il quale tocca sul portiere anziché nella porta sguarnita. Poi, un aggancio fischiato a Dal Pian offre la quinta occasione con l’uomo in più per la squadra di McSorley. Stavolta, però, i bianconeri non si fanno pregare: puck di Alatalo per Arcobello, il cui tiro all’incrocio al 50’36’’ non lascia scampo al portiere biancoblù. È un colpo duro per l’Ambrì di Cereda: il coach ticinese chiama il timeout, e poco dopo uno sgambetto di Herburger i suoi uomini hanno una nuova opportunità per giocare a 5 contro 4. Il Lugano tuttavia si difende con ordine e il risultato non muta, nonostante una grossa chance sul conto di Regin, che però s’incarta al momento di tirare. Il finale è combattuto e incerto, con l’Ambrì che prova a spingere, mentre il Lugano prova a chiudere ogni varco. Stringendo però pure i denti, in un epilogo a 4 contro 6 con Ciaccio sulla panchina di riposo biancoblù e Carr su quella dei penalizzati.

Ambrì Piotta - Lugano (1-0 0-0 0-2) 1-2

Reti: 3’45" Bianchi (Incir) 1-0. 46’06" Josephs 1-1. 50’36" Acobello (Alatalo/esp. Dal Pian) 1-2.

Ambrì Piotta: Ciaccio; Hietanen, Burren; Fohrler, Fischer; Zaccheo Dotti, Isacco Dotti; Hächler; Incir, Kostner, Bianchi; Bürgler, Heim, Kneubuehler; D’Agostini, Regin, McMillan; Trisconi.

Lugano: Schlegel; Loeffel, Müller; Alatalo, Riva; Chiesa, Guerra; Traber, Wolf; Fazzini, Arcobello, Carr; Bertaggia, Thürkauf, Josephs; Morini, Herburger, Boedker; Vedova, Walker, Stoffel.

Arbitri: Stolc (A), Wiegand; Obwegeser, Progin.

Note: 6’533 spettatori. Penalità: 5 x 2’ contro entrambe le squadre. Tiri in porta: 33-34 (14-11, 9-11, 10-12). Ambrì Piotta senza Conz, Fora, Zwerger (infortunati) e Kozun (soprannumero); Lugano privo di Herren (infortunato), Hudacek, Irving, Nodari (soprannumero). Al 50’36" timeout Ambrì Piotta, poi senza portiere dal 59’25" e fino al termine. Premiati a fine partita, quali migliori giocatori in pista, Peter Regin e Calvin Thürkauf.

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
EHC Rofels
5515
2
HC Aspi Capitals
5490
3
HC Kaski Male
5443
4
HC TUT-TUT
5387
5
AmStars
5236
6
LucHC Lions
5235
7
Artemisia
5199
8
ASIA TEAM
5199
9
Team Belozoglu
5196
10
GregBeaud
5183
TOP NEWS Sport
I Mondiali dal divano
22 min
Vengo anch’io: no, tu no!
Scopriamo come stanno vivendo la rassegna iridata gli assenti
IL DOPOPARTITA
5 ore
L’Ambrì, il pessimo affare e la rabbia. ‘È ora di intervenire’
Le porte dello spogliatoio restano chiuse a lungo alla Gottardo Arena dopo la sconfitta col Losanna. Cereda: ‘Io ho detto poco, hanno parlato i giocatori’
il dopopartita
5 ore
Altra lezione allo Zugo grazie a ‘Due tempi ottimi e Schlegel’
Dopo il 6-1 rifilato in casa, i bianconeri fanno il bis imponendosi 4-1 alla Bossard Arena, grazie a una partenza a razzo. Morini: ‘Vittoria meritata’.
Hockey
7 ore
Lugano, prestazione convincente, Zugo annichilito
Quinta vittoria in sei incontri: i bianconeri confermano i progressi delle ultime settimane, vincendo 4-1
Qatar 2022
7 ore
Derby britannico all’Inghilterra
Troppo forte la squadra di Southgate per il Galles: agli ottavi, Kane e compagni troveranno l’Olanda
Hockey
7 ore
Il Losanna sbanca la Gottardo Arena
L’Ambrì recupera uno (sfortunato) doppio svantaggio, ma non basta per vincere: i vodesi vincono 3-2 e scavalcano i biancoblù in classifica
Qatar 2022
7 ore
Gli Usa battono l’Iran e conquistano gli ottavi di finale
Nello scontro diretto gli americani affronteranno l’Olanda, per l’Inghilterra c’è invece il Senegal
Qatar 2022
9 ore
Una corsa contro il tempo per Xherdan e Noah
A Doha si lavora per il recupero di Shaqiri e Okafor in vista della sfida alla Serbia di venerdì
biathlon
10 ore
Niklas Hartweg sul podio nella prima gara stagionale
Il 22enne elvetico conquista il secondo posto nella gara di Kontiolahti in Finlandia, battuto solo dalla svedese Martin Ponsiluoma
Qatar 2022
10 ore
Il Qatar perde anche la terza
Tutto facile per l’Olanda, che chiude la prima fase superando 2-0 i deludentissimi padroni di casa
© Regiopress, All rights reserved