laRegione
04.12.21 - 22:18
Aggiornamento: 05.12.21 - 15:32

Un buon Ambrì si arrende solo all’overtime ai Lions

Il ‘ruggito’ di Hollenstein al 63’46" mette fine a una partita particolarmente combattuta. Per i leventinesi a bersaglio Heim e McMillan

un-buon-ambri-si-arrende-solo-all-overtime-ai-lions
Hitanen cerca di tenere a bada Diem (Ti-Press)
+8

Sono venti minuti infuocati quelli iniziali del confronto tra Ambrì Piotta e Zsc Lions allo Stadio Multifunzionale. Ad accendere la miccia della partita ci pensa Heim, che con un polsino trafigge Flüeler dopo un minuto e mezzo scarso di gioco, facendo esplodere la Curva Sud. La gioia dei padroni di casa, per l’occasione orfani di Zwerger (vittima di una lesione muscolare nell’allenamento della vigilia e out fino a dopo la pausa dedicata alla Nazionale) dura però meno di tre minuti. Perché al 2’43" Incir si fa spedire sulla panchina dei penalizzati per un colpo di bastone, dove poco dopo lo raggiunge Hächler, espulso per con un 2’ più 2’ per una bastonata al volto di Quenneville, e i Lions a 5 contro 3 ne approfittano per pareggiare con Andrighetto. Al 10’13" un numero di Azevedo, che prima si ‘beve’ Zaccheo Dotti e poi fa sdraiare Conz sul ghiaccio prima di aggirarlo, consente ai Lions di portarsi in vantaggio. L’Ambrì ha però la grande occasione per pareggiare: Pestoni prova la puntata a rete ma non riesce a battere Flüeler; trova comunque il modo per far pervenire il disco sotto porta a Grassi che di spalle, in bachkand, colpisce il palo. E così alla prima pausa il punteggio resta in favore dello Zurigo: 1-2.

Il tempo di mezzo si apre subito con una grossa occasione per l’Ambrì, con Kneubuehler che dopo aver saltato Marti si ritrova sul bastone il disco del possibile pareggio, ma a tu per tu con il portiere avversario prova a fintarlo, senza tuttavia riuscire a trovare il pertugio giusto tra i gambali. Nei minuti che seguono, gli uomini di Cereda continuano a spingere, procurandosi un’altra buona dose di occasioni. Ma il 2-2 non arriva. Il buon momento dell’Ambrì finisce quando Kneubuehler si fa espellere per uno sgambetto ai danni di un avversario. Sono allora i Lions a fare la voce grossa, senza peraltro trovare... il ruggito, perché Conz in tre limpidissime occasioni abbassa la saracinesca. Una prima volta al 25’56“ su uno slap di Malgi, una seconda sulla conclusione di Chris Baltisberger, e infine, con le due squadre tornate a 5 contro 5, fermando con la punta del gambale destro un rigore di Azevedo. Poi sono gli uomini di Cereda a non riuscire a capitalizzare due situazioni di superiorità numeriche. L’ultima grossa emozione del secondo tempo se la procura Sopa, che con Conz battuto si vede la gioia del gol negata dalla traversa. Alla seconda pausa il punteggio è dunque sempre quello maturato al 10’13”.

Al rientro sul ghiaccio dopo la seconda pausa, l’Ambrì Piotta si ripresenta in pista con Ciaccio fra i pali a rilevare Conz. Dopo una manciata di secondi i Lions si ritrovano con un uomo in meno (espulso Malgin per bastone alto); ai biancoblù bastano 59 secondi di quel powerplay per trovare il 2-2 con McMillan che infila Schlegel fra i gambali. Poco dopo è il turno di Pezzullo di accomodarsi sulla panchina dei penalizzati, e allora la formazione di Grönborg tenta l’assedio alla porta di Ciaccio, che però resta inviolata. Lo stesso estremo difensore biancoblù al 48’35“ si fa pure trovare pronto anche su una pericolosa sassata di Phil Baltisberger. Nei miunti successivi a provare con maggiore insistenza la via del gol sono i padroni di casa, che seminano il panico più volte nela retroguardia zurighese, in più di un’occasione costretta a salvarsi alla bell’e meglio. Lo Zurigo in quei frangenti si affida allora in gran parte alle puntate dei singoli, come il break inscenato da Malgin a 3’11" dalla terza sirena, neutralizzato da Ciaccio. Di reti, ad ogni buon conto, non se ne vedono più fino al sessantesimo, rimandando ogni verdetto al supplementare. Che si apre subito con una grossa occasione di Heim, che in due tempi non riesce a superare il portiere avversario, ormai disteso sul ghiaccio. Poco dopo è Pestoni a chiamare in causa Flüeler con una parata decisiva. Sull’altro fronte i Lions sembrano aver esaurito le loro migliori cartucce. Salvo però trovare quella risolutrice con un tiro angolato di Hollenstein al 63’46”, che ragala appunto allo Zurigo il secondo punto della serata.

Ambrì Piotta - Zsc Lions d.p. (1-2 0-0 1-0 0-1) 2-3

Reti: 1’23" Heim (Kneubuehler, Bürgler) 1-0. 4’23" Andrighetto (Noreau, Malgin/esp. Incir e Hächler) 1-1. 10’13" Azevedo (Krüger, Quenneville) 1-2. 41’25" McMillan (Bürgler, Pestoni/esp. Malgin) 2-2. 63’46" Hollenstein (Azevedo, Weber) 2-3.

Ambrì Piotta: Conz (dal 40’ Ciaccio); Hietanen, Isacco Dotti; Fohrler, Zaccheo Dotti; Hächler, Fischer; Burren, Pezzullo; Trisconi, Regin, D’Agostini; Bürgler, Heim, Kneubuehler; Pestoni, Grassi, McMillan; Incir, Kostner, Bianchi.

Zsc Lions: Flüeler; Weber, Geering; Noreau, Marti; Trutmann, Phil Baltisberger; Andrighetto, Malgin, Hollenstein; Quenneville, Krüger, Azevedo; Chris Baltisberger, Sigrist, Diem; Bckman, Schäppi, Sopa.

Arbitri: Wiegand, Dipietro; Kehrli, Schlegel.

Note: 6’137 spettatori. Penalità: 5 x 2’ contro l’Ambrì Piotta; 4 x 2’ contro gli Zac Lions. Tiri in porta: 35-30 (10-6, 12-6, 7-13, 6-3). Ambrì Piotta privo di Fora, Zwerger (infortunati), Dal Pian e Kozun (soprannumero); Zsc Lions senza Bodenmann, Morant, Pedretti, Ried e Roe (infortunati). Al 27’26" rigore sbagliato da Azevedo. Palo: 13’53" McMillan, 39’31" Sopa (traversa). Premiati quali migliori in pista André Heim e Justin Azevedo.

Leggi anche:

Dominic Zwerger ‘out’ fino a dopo la pausa Nazionale

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
EHC Rofels
6159
2
HC Kaski Male
6125
3
HC Aspi Capitals
6042
4
GregBeaud
5919
5
Team Belozoglu
5907
6
LucHC Lions
5872
7
Chop
5871
8
SV Rokaner
5832
9
ASIA TEAM
5806
10
TrigoAce1
5793
TOP NEWS Sport
Qatar 2022
2 ore
Shaqiri: ‘Dobbiamo solo chiedere scusa alla gente’
Enorme la delusione rossocrociata al termine di una gara in cui nulla ha funzionato come ci si attendeva
gallery
Qatar 2022
3 ore
Che umiliazione
La Svizzera non è pervenuta e con il Portogallo viene rispedita a casa con un pesantissimo 6-1
QATAR 2022
6 ore
I rigori mandano il Marocco in Paradiso e la Spagna a casa
Gli africani per la prima volta ai quarti di finale dopo una partita difensiva. Gli iberici deludenti e senza idee sbagliano tre volte dal dischetto
Angolo Bocce
9 ore
Alessandro Eichenberger e Aramis Gianinazzi vincono in Austria
La giovane coppia dell’Ideal di Coldrerio si è imposta nel torneo internazionale di Hard, contro i chiassesi Peschiera e Dalle Fratte
Hockey
9 ore
Qualche settimana d’assenza per Kostner e Kneubuehler
Contro il Rapperswil i due hanno subito una contusione alla spalla sinistra, rispettivamente un infortunio muscolare al torace
COSE DELL'ALTRO MONDO
10 ore
Mr. Irrilevant, anche gli ultimi hanno il loro giorno di gloria
Scelto quale 262° giocatore al draft 2022, Brock Purdy è salito agli onori della cronaca con San Francisco. Ma nella Nfl la carriera è molto breve
TIRI LIBERI
11 ore
I progetti del basket svizzero sembrano usciti da un incubo
Dall’assurdità di una fase a orologio basata sulla classifica della scorsa stagione a una Coppa Svizzera che produce palestre vuote
CALCIO
12 ore
Fissata la prima amichevole, sabato il Lugano ospita il Monza
La compagine di Serie A a Cornaredo dalle 14. Oggi l’inizio della prevendita (agibili solo tribuna principale e spalti)
Qatar 2022
1 gior
L’arte del pallone: il Brasile non dà scampo alla Corea
Primo tempo a passo di danza in un lunedì senza storia, con la selezione di Tite che liquida la pratica degli ottavi segnando quattro gol
HOCKEY
1 gior
L’ipocrisia dell’ibrido. Mottis: ‘Che formazione sia’
L’inverno rigido di una Swiss League che attende di conoscere il proprio destino dopo aver sopravvalutato se stessa. ‘Quei 400 mila franchi ora mancano’
© Regiopress, All rights reserved