laRegione
laR
 
01.12.21 - 00:01
Aggiornamento: 17:57

La gioia di Cereda: ‘La squadra ha accettato di soffrire’

Il coach biancoblù si complimenta con i suoi per la reazione sul ghiaccio di Zugo. ‘Non ci siamo fatti prendere dal panico, è stata questa la chiave’

la-gioia-di-cereda-la-squadra-ha-accettato-di-soffrire
Keystone
Tutta la gioia di Matt D’Agostini

Zugo – Chi la dura la vince! Dopo quattro sconfitte consecutive, in cui i biancoblù avrebbero meritato di raccogliere qualcosa in più, i ragazzi di Cereda si prendono il lusso di espugnare la pista dei campioni svizzeri in carica.

La vittoria non fa una grinza ed è figlia del collettivo, a immagine della brillante prova offerta anche dal quarto blocco. Con abnegazione, spirito di sacrificio e tanto pattinaggio l’Ambrì riesce a sopperire alla differenza tecnica.

La contesa s’incanala subito sui binari ideali. Dopo appena 4’ Grassi sfrutta un errore di Martschini e può esultare. Lo Zugo prova a reagire, ma Conz è bravo a opporsi a Lander. Chi sbaglia paga, e allora poco dopo al 12’ arriva la prima rete stagionale di Incir, favorita da un ottimo assist di Kneubuehler. Gli ospiti in seguito sono bravi a gestire il vantaggio, ma i pericoli sono sempre in agguato, specialmente quando lo Zugo gioca in powerplay. I locali sfruttano due volte la situazione speciale e pareggiano con Hansson al 26’ e Kovar al 30’. Tornano i fantasmi di sabato scorso, dove si era sprecato un vantaggio di ben quattro reti? Ebbene no. Anzi, i leventinesi reagiscono e al termine di una lunga fase offensiva ottengono la rete del 3 a 2 con Hietanen al 38’.

Nell’ultimo periodo Heim e soci gestiscono bene il vantaggio e concedono poco alla corazzata di Tangnes. Al 47’ arriva anche il quarto gettone a opera di D’Agostini. Nel finale, un po’ dal nulla, giunge la rete del 3 a 4 a soli 30’’ dall’ultima sirena con l’Ambrì in superiorità numerica con conseguente finale da brivido, ma stavolta la fine è a tinte biancoblù e i sopracenerini festeggiano. Finalmente è arrivata la vittoria come giusta ricompensa.

«A ranghi completi sul ghiaccio abbiamo giocato molto bene – esordisce Luca Cereda –. Nelle situazioni speciali invece non siamo stati così efficienti, ma nel complesso è un successo meritato e sono contento per i ragazzi».

La più grande risposta dell’Ambrì è stata la reazione dopo aver incassato il pareggio. Non era evidente restare a galla e riprendersi. «Gli ultimi 5’ della frazione centrale sono stati ottimi, la squadra ha accettato di soffrire senza mai farsi prendere dal panico, questa è stata la chiave della sfida».

Il 40enne non ha mai avuto il timore che la sua squadra potesse disunirsi dopo essere stata riagguantata? «No, siamo rimasti tutti calmi e sereni, in primis ovviamente i giocatori sul ghiaccio. Sono stati molto bravi a non mollare la presa». Positiva anche la prestazione del pacchetto stranieri. Hietanen e D’Agostini sono andati in rete, McMillan ha svolto come di consuetudine una grande mole di lavoro e Regin è stato spesso nel vivo dell’azione mostrando personalità e vincendo anche l’importante ingaggio dopo avere subìto il terzo gol. «Esatto, hanno giocato bene, sono stati tranquilli e lucidi, aggiungerei che la terza segnatura ad esempio è arrivata dopo una bella azione precedente di Regin. Questo suo spunto ha dato coraggio a tutta la squadra».

Tre punti preziosi che aiutano anche a preparare le prossime sfide con maggiore tranquillità. «Ci aspetta un weekend durissimo contro gli Zsc Lions e poi a Davos. All’interno dello spogliatoio e della società la serenità c’è e c’è sempre stata, spero che questa vittoria aiuti a portarla un po’ anche all’esterno», conclude il coach.

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
EHC Rofels
5878
2
HC Kaski Male
5839
3
HC Aspi Capitals
5769
4
HC TUT-TUT
5622
5
GregBeaud
5615
6
LucHC Lions
5577
7
SV Rokaner
5562
8
Team Belozoglu
5556
9
HC Klo10Flies
5524
10
Chop
5519
TOP NEWS Sport
Hockey
2 ore
Tre giornate e multa a Bachofner
Dopo la carica alla balaustra ai danni di Bykov, squalifica e 3’200 fr. di ammenda per l’attaccante dello Zurigo
Qatar 2022
15 ore
Il Giappone che non t’aspetti: primo posto di gruppo
Dopo i tedeschi, i nipponici mandano al tappeto anche la Spagna, che però va comunque agli ottavi: i primi sfideranno i croati, i secondi i marocchini
Qatar 2022
15 ore
La vittoria non basta: dopo i belgi, anche i tedeschi a casa
La vittoria per 4-2 sul Costarica non permette alla Germania di evitare la seconda eliminazione di fila dopo la fase a gironi a un Mondiale
Hockey
16 ore
Colpo Bienne, da Buffalo arriva Riley Sheahan
Liberato dall’impegno con i Sabres, il trentunenne centro canadese ha firmato con i Seeländer un contratto valido sino a fine stagione
Calcio
18 ore
Juventus, l’Uefa indaga su violazioni del fair play finanziario
L’inchiesta della Federcalcio europea mira a verificare la corrispondenza al vero della situazione finanziaria che permise la transazione in agosto
Qatar 2022
19 ore
Per la Svizzera è giunta l’ora della verità
Contro la Serbia ci si gioca un posto agli ottavi. Le due squadre sono al completo. Sow: ‘Dobbiamo provocare più occasioni da rete’
Qatar 2022
19 ore
Il Marocco batte anche un Canada senza ambizioni ed è primo
Ziyech ed En-Nesyri regalano agli africani la loro seconda qualificazione alla fase a eliminazione diretta a un Mondiale, dopo quella del 1986
Qatar 2022
19 ore
Con un po’ di fortuna la Croazia manda a casa il Belgio
La sfida tra secondi e terzi dell’ultimo Mondiale termina 0-0 e spedisce i balcanici agli ottavi e i Diavoli rossi a casa
Sci
20 ore
Gli esami in Svizzera confermano: trauma cranico per Caviezel
Di rientro da Lake Louise, il trentaquattrenne si è sottoposto a nuovi esami che hanno convalidato la tesi canadese. Tuttavia sono previsti nuovi test
SPORTS AWARDS
21 ore
Noè, Lara e gli altri dei di Olimpia tra i finalisti di Zurigo
Anche i due ticinesi nominati per la serata di Gala dell’11 dicembre, dove verranno eletti i successori di Marco Odermatt e Belinda Bencic
© Regiopress, All rights reserved