laRegione
laR
 
19.11.21 - 23:47
Aggiornamento: 25.11.21 - 23:31

Luca Cereda: ‘Il secondo tempo? È lì che abbiamo perso’

All‘Ambrì non basta la determinazione e ben cinque minuti a porta vuota. ’Dopo il buon primo tempo, il Lugano ha giocato con più disperazione nei duelli’

luca-cereda-il-secondo-tempo-e-li-che-abbiamo-perso
Nonostante il 4-1 al 40’, i biancoblù ci hanno creduto fino alla fine. ‘Le abbiamo provate tutte’ (Ti-Press)

Quel gol di Kostner dopo nemmeno dieci minuti sembrava essere il preludio di tutta un’altra serata, per Daniele Grassi e il suo Ambrì. A cui, invece, un buon primo tempo non è bastato per mettere la firma sul 243esimo derby della storia. «Il punto – spiega l’attaccante verzaschese dei biancoblù – è che nel secondo tempo non siamo riusciti a mettere in pista l’intensità del primo tempo. E forse siamo stati puniti anche un po’ duramente, visto che anche noi abbiamo avuto a disposizione delle chiare occasioni da gol. A differenza nostra, credo tuttavia che il Lugano sia stato più costante di noi nei primi due tempi a livello d’intensità. In altre parole, a volte noi non eravamo al nostro livello massimo, e a differenza nostra gli avversari le occasioni le hanno sfruttate, sono stati bravi in quello».

Nonostante i tre gol di scarto dopo quaranta minuti, l’Ambrì tuttavia ci ha creduto fino alla fine. «Di sicuro quando siamo tornati in pista nel terzo periodo l’abbiamo fatto con l’intenzione di girare quella partita. Il fatto che Ciaccio abbia preso il posto di Conz? Adesso è difficile dire quale impatto abbia avuto. Però, ripeto, eravamo sul ghiaccio con l’attitudine di chi vuol cambiare le cose. Poi, è vero, forse c’erano un po’ troppi gol da recuperare, ma se ne avessimo segnato uno in più a 5’ dalla fine avremmo approfittato di una spinta aggiuntiva».

Infatti, se c’è una cosa che più di tutto dimostra la determinazione dei biancoblù di voler cambiare le cose è la scelta di Cereda di togliere il portiere a cinque minuti e rotti dalla fine, partendo dall’idea di voler giocare a 6 contro 4 nei due minuti di una penalità inflitta a Loeffel per il crosscheck a Kneubuehler. «Un coach ha tre mosse a disposizione: chiamare il timeout, cambiare il portiere e modificare le linee – spiega il tecnico biancoblù –. Quindi direi che stavolta le abbiamo provate tutte».

Alla fine, i biancoblù non sono riusciti a concretizzare le occasioni avute in avvio. «Credo che abbiamo fatto un buon primo tempo, in cui meritavamo qualcosa di più, mentre invece dopo il Lugano è stato migliore di noi. Perché ha giocato con più disperazione nei duelli e nel gioco».

Indubbiamente ha pesato il fatto di aver incassato il secondo e il terzo gol bianconeri in appena un minuto e mezzo, in entrata di periodo centrale. «Penso che il primo gol (il 2-1 di Thürkauf, ndr) fosse un po’ casuale, quindi sono cose che capitano. Avremmo dovuto però subito reagire, cosa che invece non è capitata in tutti e venti i minuti. O perlomeno non ci siamo riusciti in maniera decisa al punto da poter cambiare il destino della partita».

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
EHC Rofels
5420
2
HC Aspi Capitals
5399
3
HC Kaski Male
5355
4
HC TUT-TUT
5333
5
LucHC Lions
5176
6
ASIA TEAM
5158
7
SV Rokaner
5141
8
AmStars
5136
9
Team Belozoglu
5136
10
HC Klo10Flies
5134
TOP NEWS Sport
Qatar 2022
7 ore
Un missile di Fullkrug tiene in corsa i tedeschi
Finisce in parità la sfida più attesa tra una Spagna che dovrà stare attenta al Giappone e una Germania che si gioca tutto con il Costarica
Sci
10 ore
Wendy, il gran giorno è arrivato. Ma lo deve condividere
Sulle nevi del Vermont la svittese centra infine un trionfo nello slalom che inseguiva da una vita. A far festa con lei, però, c’è anche Larson
Qatar 2022
10 ore
Senza Neymar l’esame di maturità di Yakin
Il tecnico rossocrociato, che 15 mesi fa allenava ancora in Challenge League, contro il Brasile non disporrà di Okafor
Qatar 2022
11 ore
Davies illude il Canada, Kramaric lo elimina
La Croazia rimonta grazie soprattutto a una doppietta della punta dell’Hoffenheim
IL DOPOPARTITA
11 ore
Un weekend in bianco: ‘Restiamo positivi, meritavamo di più’
L’Ambrì rende nuovamente la vita dura allo Zurigo, che però trova il modo di spuntarla. ‘La fortuna? Non è stata dalla nostra, ma bisogna anche cercarla’
QATAR 2022
12 ore
Belgio sconfitto, a Bruxelles scoppiano disordini
La polizia è intervenuta con cannoni ad acqua per disperdere i tifosi facinorosi. Le autorità hanno chiesto alla popolazione di non recarsi in centro
QATAR 2022
13 ore
‘Battere il Brasile? Non mi stupirebbe’
Nestor Subiat fiducioso sulle qualità della Nazionale svizzera. ‘E per l’Argentina il Mondiale inizia adesso’. Il ricordo del 1994 e di Andres Escobar
Qatar 2022
14 ore
Marocco troppo forte per il Belgio
Dopo il pareggio coi croati vicecampioni del mondo, i magrebini colgono la posta piena coi Diavoli rossi
Qatar 2022
15 ore
Bandiera del Kosovo nello spogliatoio serbo: ‘Fifa ipocrita’
Criticata dal governo della Serbia la decisione di avviare un procedimento disciplinare contro la locale Federcalcio per il vessillo esposto ai Mondiali
Tennis
16 ore
Coppa Davis, nelle qualificazioni Svizzera-Germania
Trasferta impegnativa per i rossocrociati, che sfideranno Zverev e compagni all’inizio di febbraio
© Regiopress, All rights reserved