laRegione
05.11.21 - 22:03
Aggiornamento: 22:53

Lugano, un’altra serata a vuoto. E fanno sei su sette

Nonostante un bel primo tempo, bianconeri costretti alla resa anche dallo Zurigo, oltre che dai propri errori. Decisiva una doppietta di Andrighetto

lugano-un-altra-serata-a-vuoto-e-fanno-sei-su-sette
Il rientrante Boedker cerca di farsi largo dalle parti di Flüeler. Invano... (Ti-Press/Golay)

Anche stavolta al Lugano la serata va di traverso. Nonostante per l’occasione sul ghiaccio si riveda anche Mikkel Boedker, schierato sulla sinistra di una linea piuttosto curiosa, con Hudacek in qualità di centro ed Herburger, invece, riconvertito all’ala. Naturalmente ciò significa che Leland Irving – al pari di Yves Stoffel, in attacco – finisce in soprannumero, per far posto tra i pali a Davide Fadani, nel giorno in cui torna sul ghiaccio anche Thibault Fatton, pur se per l’occasione deve accontentarsi di fare la riserva, dopo aver sostenuto il suo primo allenamento con la squadra solo il giorno prima.

E l‘inizio di Lugano-Zurigo somiglia maledettamente alla partenza dello Zugo-Lugano di martedì: infatti non passa nemmeno un minuto che i ticinesi si trovano subito costretti a rincorrere (stavolta sono 51 secondi, l’altra sera erano 56), neanche a farlo apposta ancora dopo un liscio di Nodari (l’altra sera per un tiro sbucciato in attacco, nell’occasione invece per un disco aereo mal gestito in difesa) con l’incredulo Quenneville che da due passi buca Fadani tra i gambali. La Cornèr Arena è pietrificata, ma i dubbi che nascono spontanei vengono subito fugati dal seguito del primo tempo. In cui il Lugano ispirato continua a spingere, buttandosi su ogni disco, e si crea senza dubbio le occasioni migliori. Una di quelle, al 12’53’’, in superiorità numerica, Fazzini la concretizza trovando il pareggio. Fazzini che un paio di minuti dopo, ancora in superiorità numerica, colpisce il palo con un tiro a botta sicura, con Flüeler ormai fuori causa.

Il secondo tempo, però, ha una fisionomia ben diversa dal primo. Con lo Zurigo che comincia a sua volta a spingere, e il Lugano finisce col pagar cari un paio di dischi persi: il primo, al 30‘34’’, nel proprio terzo, lo sfrutta l’inattaccato Andrighetto per riportare in vantaggio i suoi, mentre il secondo puck che scotta è il risultato di un’incomprensione sulla blu offensiva, con Vedova che alla fine è costretto al fallo d’emergenza al 33’06’’, per fermare Sigrist in qualche modo. L’arbitro assegna il rigore agli ospiti, ma Fadani ci mette una gran pezza sbattendo la porta in faccia a Quenneville. La gioia zurighese è però solo rinviata di qualche minuto: al 36’14’’, con Riva sulla panchina dei cattivi per bastone alto, Andrighetto festeggia la doppietta portando lo Zurigo sul 3-1.

Quel vantaggio alla fine i Lions riescono a traghettarlo in porto, nostante il Lugano che nel terzo tempo senz‘altro ci provi, senza però mostrare di avere né gli argomenti, né l’energia per dare una piega diversa all’epilogo di serata. Che, anzi, regala allo Zurigo anche una quinta rete, dopo un altro disco perso, stavolta da Arcobello, per giunta in powerplay, che lancia Malgin verso il 4-1 in shorthand al 55’30’’.

Lugano - Zsc Lions (1-1 0-2 0-1) 1-4
Reti: 0’51’’ Quenneville 1-0. 12’53’’ Fazzini (Alatalo, Schäppi/esp. Hollenstein per la panchina) 1-1. 30’34’’ Andrighetto (Roe) 1-2. 36’14’’ Andrighetto (Krüger/esp. Riva) 1-3. 55’30’’ Malgin (esp. Diem!) 1-4.
Lugano: Flüeler; Alatalo, Riva; Nodari, Müller; Chiesa, Wolf; Bertaggia, Thürkauf, Josephs; Fazzini, Arcobello, Morini; Herburger, Hudacek, Boedker; Vedova, Walker, Haussener; Traber.
Zsc Lions: Fadani; Noreau, Marti; Phil Baltisberger, Geering; Guebey, Meier; Chris Baltisberger, Roe, Andrighetto; Azevedo, Malgin, Quenneville; Sigris, Krüger, Hollenstein; Diem, Schäppi, Pedretti.
Arbitri: Tscherrig, Fluri; Fuchs, Duarte.
Note: 4’729 spettatori. Penalità: 5 x 2’ contro entrambe le squadre. Tiri in porta: 35-32 (22-10, 4-14, 6-7). Lugano privo di Carr, Guerra, Schlegel, Loeffel (tutti infortunati), Stoffel, Tschumi (in soprannumero) e Irving (straniero in soprannumero); Zurigo senza Bodenmann, Morant, Trutmann, Riedi (infortunati) e Weber (ammalato). Al 15’20’’ palo colpito da Fazzini. Al 33’06’’ rigore sbagliato da Quenneville (fallo d’emergenza di Vedova su Sigrist). Premiati a fine partita, quali migliori in pista, Davide Fadani e Lukas Flüeler.

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
EHC Rofels
5420
2
HC Aspi Capitals
5399
3
HC Kaski Male
5355
4
HC TUT-TUT
5333
5
LucHC Lions
5176
6
ASIA TEAM
5158
7
SV Rokaner
5141
8
AmStars
5136
9
Team Belozoglu
5136
10
HC Klo10Flies
5134
TOP NEWS Sport
Qatar 2022
10 ore
Un missile di Fullkrug tiene in corsa i tedeschi
Finisce in parità la sfida più attesa tra una Spagna che dovrà stare attenta al Giappone e una Germania che si gioca tutto con il Costarica
Sci
12 ore
Wendy, il gran giorno è arrivato. Ma lo deve condividere
Sulle nevi del Vermont la svittese centra infine un trionfo nello slalom che inseguiva da una vita. A far festa con lei, però, c’è anche Larson
Qatar 2022
12 ore
Senza Neymar l’esame di maturità di Yakin
Il tecnico rossocrociato, che 15 mesi fa allenava ancora in Challenge League, contro il Brasile non disporrà di Okafor
Qatar 2022
13 ore
Davies illude il Canada, Kramaric lo elimina
La Croazia rimonta grazie soprattutto a una doppietta della punta dell’Hoffenheim
IL DOPOPARTITA
14 ore
Un weekend in bianco: ‘Restiamo positivi, meritavamo di più’
L’Ambrì rende nuovamente la vita dura allo Zurigo, che però trova il modo di spuntarla. ‘La fortuna? Non è stata dalla nostra, ma bisogna anche cercarla’
QATAR 2022
14 ore
Belgio sconfitto, a Bruxelles scoppiano disordini
La polizia è intervenuta con cannoni ad acqua per disperdere i tifosi facinorosi. Le autorità hanno chiesto alla popolazione di non recarsi in centro
QATAR 2022
15 ore
‘Battere il Brasile? Non mi stupirebbe’
Nestor Subiat fiducioso sulle qualità della Nazionale svizzera. ‘E per l’Argentina il Mondiale inizia adesso’. Il ricordo del 1994 e di Andres Escobar
Qatar 2022
16 ore
Marocco troppo forte per il Belgio
Dopo il pareggio coi croati vicecampioni del mondo, i magrebini colgono la posta piena coi Diavoli rossi
Qatar 2022
17 ore
Bandiera del Kosovo nello spogliatoio serbo: ‘Fifa ipocrita’
Criticata dal governo della Serbia la decisione di avviare un procedimento disciplinare contro la locale Federcalcio per il vessillo esposto ai Mondiali
Tennis
19 ore
Coppa Davis, nelle qualificazioni Svizzera-Germania
Trasferta impegnativa per i rossocrociati, che sfideranno Zverev e compagni all’inizio di febbraio
© Regiopress, All rights reserved