laRegione
laR
 
03.11.21 - 00:30

‘Abbiamo lavorato meno e siamo stati puniti’

Un buon inizio non basta ai biancoblù di Luca Cereda, il ‘Rappi’ esce alla distanza e vince con merito 

abbiamo-lavorato-meno-e-siamo-stati-puniti

La tradizione che vede l’Ambrì in difficoltà contro il Rapperswil continua. I leventinesi, senza Fora (infortunio al legamento della spalla, per il capitano si prospetta un’assenza sino a poco prima di Natale), e privi dello squalificato Grassi, entrano bene in partita e nel primo tempo si fanno leggermente preferire ai padroni di casa. Poche le occasioni da reti, una di queste viene sfruttata da Trisconi al 14’. Per il numero 18 si tratta del primo gettone stagionale. Il grande rammarico è pero l’occasione a tu per tu contro Nyffeler non sfruttata da Pestoni. Dall’altra parte sono invece Cervenka (palo) e Djuse a sciupare due ottime possibilità.

La musica cambia decisamente nella seconda frazione. I padroni di casa alzano il ritmo, i leventinesi vanno in difficoltà, perdono più duelli e si rifugiano spesso con delle liberazioni vietate. I cambi lunghi costano forze importanti ad Heim e soci. E così i sangallesi vanno a nozze e segnano ben tre reti. Dapprima con Djuse al 25’, dopo splendido assist di Zangger, poi con Wick al 36’, abile a sfruttare un rilancio sbagliato di Ciaccio (l’unico errore del portiere, altrimenti autore di una solida prova) e infine con Vouardoux al 39. I locali, guidati dal maestoso Cervenka, godono di troppi spazi e sfruttano così alcune incertezze difensive biancoblù. Davanti Heim e soci combinano poco, ma ci sono dei rimpianti. Dapprima Kozun (forse ostacolato irregolarmente) e poi Zwerger soli davanti a Nyffeler si fanno ipnotizzare dal 26enne portiere.

Nella terza frazione l’Ambrì non pare avere gli argomenti necessari per mettere alle strette l’avversario. Anzì, sono proprio i ragazzi di Hedlund ad avere le chance migliori e a controllare la contesa senza troppi patemi d’animo. Solo nel finale i sopracenerini si rendono davvero minacciosi, ma il tiro di Pestoni colpisce solamente il palo. Nell’ultimo minuto arriva infine a porta vuota il 4-1 definitivo di Wetter.

Luca Cereda analizza la sconfitta: «Nel primo tempo siamo stati un po’ meglio del Rapperswil, ma poi loro al rientro sul ghiaccio hanno pattinato di più, hanno vinto più duelli, noi invece abbiamo lavorato meno bene e dunque siamo stati giustamente puniti. Nell’ultima parte di gare siamo andati nuovamente un pochino meglio, ma non è stato sufficiente, anche perché non tutti avevano quella voglia necessaria di soffrire».

Cereda non fa nomi, ma preferisce concentrarsi sul collettivo. «Si perde e si vince tutti assieme, dobbiamo pretendere da noi di avere la capacità di soffrire maggiormente, attualmente non c’è per tutti i sessanta minuti».

A punire i suoi ragazzi sono stati anche gli episodi. «Abbiamo preso alcune decisioni sbagliate, in occasione di una rete gli abbiamo regalato il disco, in un altro invece abbiamo effettuato un cambio sbagliato». Cereda difende gli stranieri, il cui contributo a livello di punti e reti è troppo scarso attualmente. Il coach capisce però “la frustrazione” dei tifosi che si attendono di più da loro? «Sicuramente anche loro vorrebbero segnare e fare di più offensivamente, ma come già detto non sono nelle migliori condizioni attualmente, stanno soffrendo. In questo sono un buon esempio per gli altri. In particolare nelle ultime tre partite mi è piaciuto Kozun, sono convinto che sia questione di tempo, se continua così la fortuna girerà dalla sua».

A complicare la situazione c’è la defezione di Fora. «È il nostro capitano, il nostro cavallo a tutta pista, ma ormai è così, significa che tutti dovranno dare ancora di più per sopperire alla sua assenza».

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
EHC Rofels
5420
2
HC Aspi Capitals
5399
3
HC Kaski Male
5355
4
HC TUT-TUT
5333
5
LucHC Lions
5176
6
ASIA TEAM
5158
7
SV Rokaner
5141
8
AmStars
5136
9
Team Belozoglu
5136
10
HC Klo10Flies
5134
TOP NEWS Sport
Qatar 2022
10 ore
Un missile di Fullkrug tiene in corsa i tedeschi
Finisce in parità la sfida più attesa tra una Spagna che dovrà stare attenta al Giappone e una Germania che si gioca tutto con il Costarica
Sci
12 ore
Wendy, il gran giorno è arrivato. Ma lo deve condividere
Sulle nevi del Vermont la svittese centra infine un trionfo nello slalom che inseguiva da una vita. A far festa con lei, però, c’è anche Larson
Qatar 2022
12 ore
Senza Neymar l’esame di maturità di Yakin
Il tecnico rossocrociato, che 15 mesi fa allenava ancora in Challenge League, contro il Brasile non disporrà di Okafor
Qatar 2022
13 ore
Davies illude il Canada, Kramaric lo elimina
La Croazia rimonta grazie soprattutto a una doppietta della punta dell’Hoffenheim
IL DOPOPARTITA
14 ore
Un weekend in bianco: ‘Restiamo positivi, meritavamo di più’
L’Ambrì rende nuovamente la vita dura allo Zurigo, che però trova il modo di spuntarla. ‘La fortuna? Non è stata dalla nostra, ma bisogna anche cercarla’
QATAR 2022
15 ore
Belgio sconfitto, a Bruxelles scoppiano disordini
La polizia è intervenuta con cannoni ad acqua per disperdere i tifosi facinorosi. Le autorità hanno chiesto alla popolazione di non recarsi in centro
QATAR 2022
15 ore
‘Battere il Brasile? Non mi stupirebbe’
Nestor Subiat fiducioso sulle qualità della Nazionale svizzera. ‘E per l’Argentina il Mondiale inizia adesso’. Il ricordo del 1994 e di Andres Escobar
Qatar 2022
16 ore
Marocco troppo forte per il Belgio
Dopo il pareggio coi croati vicecampioni del mondo, i magrebini colgono la posta piena coi Diavoli rossi
Qatar 2022
17 ore
Bandiera del Kosovo nello spogliatoio serbo: ‘Fifa ipocrita’
Criticata dal governo della Serbia la decisione di avviare un procedimento disciplinare contro la locale Federcalcio per il vessillo esposto ai Mondiali
Tennis
19 ore
Coppa Davis, nelle qualificazioni Svizzera-Germania
Trasferta impegnativa per i rossocrociati, che sfideranno Zverev e compagni all’inizio di febbraio
© Regiopress, All rights reserved