laRegione
Hockey
laR
 
30.10.21 - 00:05

L’Ambrì fa arrabbiare Cereda: ‘È mancata la giusta disperazione’

L’allenatore dei leventinesi per nulla soddisfatto al termine del match che ha visto i suoi inchinarsi 2-0 a Zugo nonostante un ottimo Ciaccio

l-ambri-fa-arrabbiare-cereda-e-mancata-la-giusta-disperazione

Se sei l’Ambrì e vuoi sperare di battere una squadra come lo Zugo, specialmente quando è in serata, hai bisogno della partita praticamente perfetta. Quando non accade ben difficilmente si riesce a portare a casa qualche punticino, e così i biancoblù devono arrendersi e i Tori conquistano la quinta vittoria consecutiva.

Forte dei rientri di Kovar, Lander, Herzog e Suri, lo Zugo viene a capo di un Ambrì generoso e ben impostato difensivamente, ma che davanti fa molta fatica a creare pericoli. E siccome sull’arco dei 60’ è impensabile non commettere qualche errore nelle retrovie, ecco che l’equazione è presto fatta. Il primo tempo, giocato a buon ritmo e con parecchia intensità, è avido di chiare occasioni da rete. Kovar, in grande spolvero come sempre, e Hansson falliscono le migliori per i locali, mentre dall’altra parte è il solito blocco di Pestoni, Zwerger e Grassi a creare grattacapi al portiere Hollenstein. Il risultato a reti inviolate dopo 20’ rispecchia bene l’andamento della contesa. Nel secondo periodo i padroni di casa aumentano i giri del motore e per i sopracenerini diventa difficile starci dietro. Gross e compagni colpiscono subito un palo e l’Ambrì si complica ulteriormente la vita incassando troppe penalità. Nessuna viene sfruttata dallo Zugo, ma le energie spese si pagano a caro prezzo. E allora al 32’ Lander, da sottomisura, apre le marcature. Il vero rammarico per gli ospiti giunge al 36’, quando un tiro di Kneubuehler finisce sul palo. Sul ribaltamento di fronte, complice anche un errore di Hietanen, Martschini solo davanti all’ottimo Ciaccio trova il 2-0 definitivo. Nella terza frazione lo Zugo gestisce il vantaggio, l’Ambrì ci prova, lotta, ma è raramente pericoloso. Le migliori opportunità sono di Fora, ma in sostanza Hollenstein non deve mai superarsi e può festeggiare lo shutout.

Il tecnico: ‘Abbiamo giocato bene solo gli ultimi 20 minuti’

Nel complesso per i leventinesi una sconfitta onorevole al termine di una prestazione abbastanza decorosa, ma il tecnico Luca Cereda a fine gara non è decisamente di questo avviso ed esprime la sua insoddisfazione per quanto mostrato dai suoi ragazzi, in un certo senso già anticipata negli ultimi minuti del match, quando il coach ha rinunciato a togliere il portiere. «Abbiamo giocato bene solo gli ultimi 20’, ma i primi 40’ no, ecco perché la squadra non si è meritata il diritto di avere questa possibilità. Nei primi due tempi lo Zugo ci ha messo sotto, non avevamo la disperazione necessaria e quando giochi contro una squadra forte questa caratteristica devi averla per tutti i 60’. Ci vuole più lavoro senza disco, si devono bloccare più tiri».

Un’analisi molto severa, in fondo l’Ambrì è rimasto in partita sino alla fine ed è stato anche un po’ sfortunato. «La fortuna devi andare a cercartela, essere così vicino nel risultato fa ancora più rabbia pensando ai primi due periodi».

Nella terza frazione il 40enne ha rimescolato i blocchi offensivi. «Avevo già chiamato il timeout nel secondo tempo, era una mossa per cercare di dare nuova linfa ed energia. Gli stranieri? Kozun mi è piaciuto, ha lavorato fortissimo, ha dato l’esempio, se continua così tra poco tornerà a segnare. Ora si punta il dito contro gli stranieri, ma uno gioca da infortunato, uno arriva da un anno fermo e il terzo è stato a letto malato con un’infezione batterica. Stanno giocando e danno il buon esempio. A inizio stagione si criticava Pestoni, ora è il dio in terra, quindi calma con le critiche».

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
EHC Rofels
5769
2
HC Aspi Capitals
5696
3
HC Kaski Male
5643
4
HC TUT-TUT
5576
5
Team Belozoglu
5471
6
HCbierrafeu
5470
7
LucHC Lions
5469
8
GregBeaud
5448
9
HC Klo10Flies
5436
10
Chop
5413
TOP NEWS Sport
Qatar 2022
2 ore
Elvedi e Sommer non si sono allenati
Entrambi raffreddati alla vigilia di Svizzera-Serbia, hanno saltato la seduta di giovedì
I mondiali dal divano
9 ore
I segreti dei suoi occhi
Le Coppe del mondo passano, i ricordi restano. Poi diventano tesori nelle nostre memorie
QATAR
16 ore
In campo c’è solo l’Argentina, avanti con Mac Allister e Alvarez
Szczesny il migliore di una Polonia che passa per il rotto della cuffia. Al Messico non basta il 2-1 sull’Arabia Saudita
FREESTYLE
19 ore
Marco Tadé infortunato in Finlandia durante un allenamento
Il 26enne ticinese, già rimpatriato e ospedalizzato a Lugano, ha subito la rottura di quattro costole, di una clavicola e la perforazione di un polmone
QATAR 2022
20 ore
L’Australia raggiunge la Francia negli ottavi di finale
I ‘socceroos’ superano una deludentissima Danimarca con un gol di Leckie. Nell’altra partita, vittoria inutile della Tunisia
Calcio
21 ore
Pelé di nuovo ricoverato
O’Rey, che è malato di cancro, sarebbe in condizioni critiche
CICLISMO
22 ore
Morto Davide Rebellin, investito in bicicletta da un camion
Il dramma nel comune di Montebello Vicentino. Il 51enne italiano aveva chiuso la carriera nel 2022, dopo aver vinto Freccia (3 volte), Liegi e Amstel
Qatar 2022
22 ore
In silenzio Xhaka e Shaqiri
L’Asf, per evitare qualsiasi polemica coi serbi, impedisce di parlare ai due protagonisti della sfida di quattro anni fa
SCI ALPINO
23 ore
La lotta di Eliasch sui diritti tv potrebbe sfociare in crisi
Il nuovo presidente Fis intende centralizzarli, ma deve lottare contro l’opposizione di federazioni potenti come quelle svizzera, austriaca e tedesca
Calcio
1 gior
Il futuro della Juve fra rischi, Agnelli ed ex bandiere
Dopo le dimissioni del presidente e dell’intero CdA, per il club bianconero si apre un’era fitta di interrogativi
© Regiopress, All rights reserved