laRegione
28.09.21 - 22:07
Aggiornamento: 22:49

Zwerger si sblocca, e l’Ambrì ritrova il successo

Il Bienne capolista è costretto a starsene a guardare in una serata a senso unico: due gol li segna l’austriaco, gli altri due Kostner e Heim

zwerger-si-sblocca-e-l-ambri-ritrova-il-successo
In frantumi anche un vetro della balaustra, oltre alle ambizioni della capolista (Ti-Press/Golay)

Di martedì l’Ambrì ritrova il sorriso. Proprio nella sera in cui alla Gottardo Arena arriva il capolista. Al termine di una partita in cui, senza sorprese, visti i problemi dell’altro pomeriggio a Davos, Luca Cereda decide di dare una rovistata alle linee, soprattutto offensive, con Zwerger che finsice a fianco di Grassi e Pestoni, mentre Bürgler è promosso in seconda con Heim e il canadese McMillan. Tra i pali, inoltre, stavolta c’è Benjamin Conz, mentre invece Antti Törmänen decide di togliere i galloni di titolare a Van Pottelberghe, affidando la gabbia a Elien Paupe. Per il ventiseienne giurassiano l’avvio di partita è un incubo, tanto il disco va veloce, con l’Ambrì che inizia la partita come meglio non potrebbe. Così, alla sua prima occasione, la linea di Pestoni, Grassi e Zwerger confeziona il gol d’apertura, e non sono nemmeno passati due minuti: gran lavoro del verzaschese, che recupera un puck che sembrava ormai perso dopo l’ingaggio, e poi Pestoni allunga il puck all’austriaco, che non lascia scampo al portiere bernese.

Ma è soltanto l‘inizio, in un primo tempo a dir poco trionfale per un Ambrì che praticamente non sbaglia nulla: possesso disco, ritmo, impegno fisico, rapidità, anche nelle scelte (e sui puck), e naturalmente tante occasioni. Una dopo l‘altra: tanto che dopo tredici minuti la capolista si trova addirittura sotto 3-0, dopo le reti di Kostner (2-0 al 4‘25’’, con Forster sulla panchina dei cattivi) e Heim (dimenticato da tutti solo soletto davanti al povero Paupe: 3-0 al 13’04’’) e pure una traversa di quelle clamorose, colpita da Fohrler al 7’07’’. E Conz, intanto, s’annoia: dieci minuti senza un solo tiro (il primo, di Brunner al 9’12’’), con una sola parata – proprio quella – degna di nota.

Quel 3-0 è un margine davvero confortante, contro un avversario che non dispone degli spazi che vorrebbe: la prima volta che i seeländer riescono a scappar via in due, Rajala si vede chiudere la porta in faccia da un Conz intrattabile col guantone. Anche all’Ambrì, però, le occasioni ghiotte non mancano: dapprima Fora si esibisce in uno show personale in powerplay (fuori c’è Grossmann), e sulla stessa penalità tocca poi a McMillan mancare di poco il bersaglio. Infine, a sette minuti dalla seconda pausa è Kozun, dopo un appoggio avventato di Grossmann, a sfiorare il quarto gol.

Quarto gol che, poi , arriva puntualmente, in avvio di terzo tempo. Quando il Bienne si fa prendere in velocità, e Zwerger, servito da Grassi, sorprende Paupe sul primo palo. E la serata, di fatto, si chiude lì.

Ambrì Piotta - Bienne (3-0 0-0 1-0) 4-0
Reti: 1’53’’ Zwerger (Pestoni, Fora) 1-0. 4’25’’ Kostner (Kozun, Hietanen/esp. Forster) 2-0. 13’04’’ Heim (Trisconi) 3-0. 43’28’’ Zwerger (Grassi, Pestoni) 4-0.
Ambrì Piotta: Conz; Fora, Isacco Dotti; Zaccheo Dotti, Fohrler; Hietanen, Pezzullo; Fischer; Trisconi, Kostner, Bianchi; Bürgler, Heim, McMillan; Kozun, Regin, Kneubuehler; Pestoni, Grassi, Zwerger; Incir.
Bienne: Paupe; Rathgeb, Lööv; Grossmann, Yakovenko; Delémont, Forster; Stämpfli; Hischier, Schläpfer, Rajala; Hügli, Tanner, Kessler; Brunner, Karaffa, Künzle; Kohler, Froidevaux, Garessus; Schneeberger.
Arbitri: Lemelin (Usa), Hürlimann; Cattaneo, Meusy.
Note: 5’061 spettatori. Penalità: 3 x 2’ contro l’Ambrì; 5 x 2’ contro il Bienne. Tiri: 25-21 (12-2, 7-8, 5-11). Ambrì Piotta senza D’Agostini, Dal Pian (infortunati), Hächler (ammalato) e Burren (in soprannumero); Bienne privo di Cunti, Sallinen, Hofer, Haas e Fey (tutti infortunati). Al 7’07’’ traversa colpita da Fohrler. Al 31’59’’ partita interrotta una decina di minuti per sostituire un vetro della balaustra, dopo un check di Zwerger a Rathgeb. Premiati a fine partita, quali migliori in pista, Benjamin Conz e Toni Rajala.

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
EHC Rofels
5420
2
HC Aspi Capitals
5399
3
HC Kaski Male
5355
4
HC TUT-TUT
5333
5
LucHC Lions
5176
6
ASIA TEAM
5158
7
SV Rokaner
5141
8
AmStars
5136
9
Team Belozoglu
5136
10
HC Klo10Flies
5134
TOP NEWS Sport
Qatar 2022
7 ore
Un missile di Fullkrug tiene in corsa i tedeschi
Finisce in parità la sfida più attesa tra una Spagna che dovrà stare attenta al Giappone e una Germania che si gioca tutto con il Costarica
Sci
9 ore
Wendy, il gran giorno è arrivato. Ma lo deve condividere
Sulle nevi del Vermont la svittese centra infine un trionfo nello slalom che inseguiva da una vita. A far festa con lei, però, c’è anche Larson
Qatar 2022
9 ore
Senza Neymar l’esame di maturità di Yakin
Il tecnico rossocrociato, che 15 mesi fa allenava ancora in Challenge League, contro il Brasile non disporrà di Okafor
Qatar 2022
10 ore
Davies illude il Canada, Kramaric lo elimina
La Croazia rimonta grazie soprattutto a una doppietta della punta dell’Hoffenheim
IL DOPOPARTITA
11 ore
Un weekend in bianco: ‘Restiamo positivi, meritavamo di più’
L’Ambrì rende nuovamente la vita dura allo Zurigo, che però trova il modo di spuntarla. ‘La fortuna? Non è stata dalla nostra, ma bisogna anche cercarla’
QATAR 2022
12 ore
Belgio sconfitto, a Bruxelles scoppiano disordini
La polizia è intervenuta con cannoni ad acqua per disperdere i tifosi facinorosi. Le autorità hanno chiesto alla popolazione di non recarsi in centro
QATAR 2022
12 ore
‘Battere il Brasile? Non mi stupirebbe’
Nestor Subiat fiducioso sulle qualità della Nazionale svizzera. ‘E per l’Argentina il Mondiale inizia adesso’. Il ricordo del 1994 e di Andres Escobar
Qatar 2022
13 ore
Marocco troppo forte per il Belgio
Dopo il pareggio coi croati vicecampioni del mondo, i magrebini colgono la posta piena coi Diavoli rossi
Qatar 2022
14 ore
Bandiera del Kosovo nello spogliatoio serbo: ‘Fifa ipocrita’
Criticata dal governo della Serbia la decisione di avviare un procedimento disciplinare contro la locale Federcalcio per il vessillo esposto ai Mondiali
Tennis
16 ore
Coppa Davis, nelle qualificazioni Svizzera-Germania
Trasferta impegnativa per i rossocrociati, che sfideranno Zverev e compagni all’inizio di febbraio
© Regiopress, All rights reserved