laRegione
a-davos-l-ambri-piotta-dura-solo-venti-minuti
Keystone
Stoop prende il largo
26.09.21 - 17:56
Aggiornamento: 18:27

A Davos l’Ambrì Piotta dura solo venti minuti

Dopo un buon primo tempo (chiuso avanti di due reti) i biancoblù subiscono la veemente rimonta dei padroni di casa, che si impongono 3-5

Il lungo digiuno dell’Ambrì Piotta in fatto di reti segnate finisce dopo novantun secondi di gioco all’Eisstadion di Davos. Dopo poco meno di 180 minuti dopo l’ultimo gol dei biancoblù (176’50” per l’esattezza). Rete che segna pure la fine del digiuno personale di Regin, al primo centro in campionato. È dunque un inizio a trazione anteriore quello dei leventinesi in quel di Davos, che dopo aver rischiato grosso su un’azione di Rasmussen dopo nemmeno un minuto di gioco (lo stesso numero 40 dei gialloblù si ripeterà qualche minuto dopo, mancando clamorosamente il bersaglio) trovano appunto la via del gol con Regin ben lanciato in verticale da Kneubuehl. Ma l’Ambrì, che in pista si presenta per la prima volta con Fischer e Pezzullo, non si accontenta, e ogni volta che si presenta dalle parti di Senn lo fa facendogli correre i brividi lungo la schiena. E il portiere del Davos capitola infatti una seconda volta già al 6’33” facendosi sorprendere da un tiro dalla media distanza di Bürgler: 0-2, risultato che non muta più fino alla prima pausa.

Il Davos però nel tempo di mezzo rimette l’ago della bilancia in perfetto equilibrio. Anzi, per quanto mostrato nei secondi venti minuti, la compagine di Christian Wohlwend va alla seconda pausa con qualche recriminazione per le occasioni non tramutate in rete. Come quell’asta colpita dalla distanza da Nygren a mezzo minuto e spiccioli dal rientro in pista. Corvi, poco dopo, sgancia Ambühl, che dimezza lo scarto per i suoi. E al 27’59” Bromé insacca un disco parato ma non trattenuto da Ciccio su precedente tiro di Corvi: il pareggio è servito. E sono ancora i padroni di casa a insistere, con i leventinesi che si limitano solo a qualche fiammata sul fronte opposto. Come quella che porta Kostner a colpire il palo al 35’50”.

Perfezionato l’aggancio, il Davos nei primi minuti del terzo tempo completa poi l’opera portandosi anche in vantaggio con Rasmussen, il più lesto a piombare su un altro disco non trattenuto da Ciaccio dopo un tentativo in due tempi di Stransky. I biancoblù però non vogliono saperne di arrendersi, e provano a restare incollati ai grigionesi. Ma la mazzata decisiva per Fora e compagni arriva a poco meno di dieci minuti dal termine, quando Corvi sigla il 4-2. Bromé su rigore (fallo d’ermergenza di Fohrler su Schmutz) porta poi i suoi sul 5-2. La forma finale allo score la dà però Isacco Dotti a meno di un minuto dal termine: 5-3.

Davos - Ambrì Piotta (0-2 2-0 3-1) 5-3

Reti: 1’31"Regin (Kneubuehler) 0-1. 6’33" Bürgler (Zwerger, Kostner) 0-2. 25’24" Ambühl (Corvi, Dominik Egli) 1-2. 26’57" Bromé (esp. Kostner) 2-2. 44’26" Rasmussen 3-2. 50’35" Corvi 4-2. 55’21" Bromé (rigore) 5-2. 59’11" Isacco Dotti 5-3.

Davos: Senn; Nygren, Jung; Dominik Egli, Wellinger; Stoop, Zgraggen; Heinen; Stransky, Rasmussen, Nussbaumer; Frehner, Corvi, Bromé; Marc Wieser, Prassl, Ambühl; Simic, Chris Egli, Schmutz; Knak.

Ambrì Piotta: Ciaccio; Fora, Isacco Dotti; Hietanen, Zaccheo Dotti; Burren, Fischer; Fohrlera, Pezzullo; Trisconi, Grassi, Bianchi; Kozun, Regin, Kneubuehler; Pestoni, Heim, McMillan; Bürgler, Kostner, Zwerger.

Arbitri: Stolc, Borga, Progin, Schlegel.

Note: 3’857 spettatori. Penalità: 3 x 2’ contro entrambe le squadre. Tiri in porta 32-28 (9-11, 11-3, 12-14). Davos senza Barandun, Paschoud, Dino Wieser (infortunati) e Ritzmann (soprannumero); Ambrì Piotta privo di D’Agostini, Dal Pian, Incir (infortunati) e Hächler (malato). Pali: 20’33" Nygren (asta), 35’50" Kostner, 43’07" Bürgler. Timeout: 49’21" Davos; 52’46" Ambrì Piotta. Premiati quali migliori in pista Dominik Egli e Dario Bürgler.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ambrì davos davos hc ambrì piotta hockey national league
Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
mountain bike
16 ore
Filippo Colombo splendido secondo a Mont Ste. Anne
Il ticinese si arrende soltanto al francese Titouan Carod. Nino Schurter è sesto. Tra le donne successo di Jolanda Neff.
gallery
la ricorrenza
18 ore
Con il parkour ‘da diciotto a ottantacinque sport’
Gioventù e Sport celebra il cinquantesimo anniversario organizzando a Tenero un campo per settecento giovani e inaugurando una nuova disciplina
CALCIO
20 ore
Europa o Super League, la musica non cambia
A quattro giorni dalla sconfitta contro il Beer Sheva, il Lugano cede a Cornaredo anche contro il Lucerna
calcio
21 ore
Il Bellinzona espugna il Principato
A Vaduz Pollero regala i tre punti ai granata, che riscattano così la sconfitta casalinga contro lo Stade Losanna
MOTOMONDIALE
23 ore
Bagnaia trionfa in Inghilterra
A Silverstone, Pecco ha preceduto Viñales e Miller. Ottavo Quartararo, fuori Zarco
calcio
2 gior
‘Un piacere affrontare ricordi e amici’
Il Vaduz di Alessandro Mangiarratti accoglie il Bellinzona. ‘Diversi tifosi mi hanno scritto che verranno a vedere la partita’
BASEBALL
2 gior
Consigli per gli acquisti? Una figurina da sette milioni
Una foto del 1909 di Honus Wagner, l’Olandese volante, stella del baseball d’inizio Novecento, venduta a 7,5 milioni di dollari. ‘È arte, è storia!’
CICLISMO
2 gior
Dylan Teuns fa le valigie: subito alla Israel-Premier Tech
Vincitore della Freccia vallone ad aprile, il trentenne belga cambia squadra a stagione in corso, in partenza dalla Bahrain-Victorius
KARATE
2 gior
Il Ticino fa la sua parte agli Europei in Olanda
A Hertogenbosch i karateka rossocrociati si mettono in luce: ben quindici le medaglie conquistate, sinonimo di sesto posto nel medagliere
Calcio
2 gior
‘Così tante partite? Per me è bello’
Un carico Jonathan Sabbatini, lancia la sfida al Lucerna. Con un paio di correzioni da applicare rispetto alla partita di Conference League
© Regiopress, All rights reserved