laRegione
24.09.21 - 22:25

Lugano, stavolta nulla da fare all’Hallenstadion

Forte di ben tre stranieri in più lo Zurigo esce alla distanza e vince per 5 reti 2. Per i ticinesi inutile il gol di apertura firmato Morini.

lugano-stavolta-nulla-da-fare-all-hallenstadion
Si lotta per guadagnare centimetri tra Morini e Geering (Keystone)

Il Lugano si presenta a Zurigo con soli due stranieri, contro i ben cinque dei suoi avversari, con Carr ancora assente e senza l’infortunato Josephs. Sempre out anche Loeffel, in porta c’ê Schlegel, mentre lo Zurigo deve fare a meno di Bodenmann e Hollenstein, ma ritrova Malgin e tra i pali schiera Flüeler.

L’inizio di contesa non riserva grandi emozioni. I locali hanno prevalentemente il controllo del disco, ma non sono praticamente mai pericolosi. La prima vera occasione è bianconera al 7’, Boedker ben imbeccato da Herburger fallisce a tu per tu con Flüeler. È il preludio alla rete d’apertura di Morini all’ottavo al termina di una lunga e caparbia azione offensiva. I Lions in powerplay cercano di reagire, ma la difesa luganese regge bene. Al 14’ nuova grossa chance per i bianconeri, ma Arcobello dalla corta distanza non fa centro. La miglior opportunità per i padroni di casa arriva al 16’ con Quennevile, lo straniero dello Zsc però spara fuori. Andrighetto e soci concludono la prima frazione esercitando parecchia pressione, ma Schlegel resta imbattuto.

Il secondo tempo si apre con un brivido, dopo pochi secondi Andrighetto si presenza solo davanti a Schlegel, il portiere con una prodezza salva il risultato. Il gol del pareggio è solo rinviato di poco, al 22’ Weber può esultare. In superiorità è poi Malgin a impegnare severamente Schlegel, mentre dall’altra parte è Boedker e seminare scompiglio. Poco dopo metà partita è Malgin in powerplay a colpire il palo a botta quasi sicura. Al 34’ lo Zurigo si porta avanti, a segnare è Sigrist, ma in verità si tratta di un autorete di Alatalo autore di un intervento un po’ goffo. Sullo slancio Azevedo e soci continuano a premere, i ticinesi sono messi alle strette nel loro terzo difensivo e in superiorità numerica a 8’’ dalla seconda sirena ecco il 3 a 1 di Quenneville (favorito da una deviazione nella propria porta di Müller).

Il terzo periodo vede il Lugano immediatamente con l’uomo in più sul ghiaccio, Alatalo si illustra, ma Flüeler è attento. Al 48’ Arcobello è pericoloso, il suo tiro però non sorprende l’estremo difensore locale. Più scaltro Quenneville al 50’, autore del 4-1. La sfida è decisa, il secondo gol ottenuto da Walker in powerplay al 56’ serve solo ad abbellire il risultato, prima del 5-2 finale nell’ultimo minuto di Malgin.

Zsc Lions - Lugano (0-1 3-0 2-1) 5-2
Reti: 7’56’’ Morini 0-1. 21’33’’ Weber (Krüger, Sigrist) 1-1. 33’15’’ Sigrist 2-1. 39’52’’Quenneville (esp. Thürkauf) 3-1. 49’32’’ Quenneville (Guebey, Malgin) 4-1. 55’42’’Walker (Arcobello, Fazzini/esp. Azevedo) 4-2. 59’15’’ Malgin (Andrighetto, Geering/esp. Stoffel) 5-2.
Zurigo: Flüeler; Noreau, Marti; Trutmann, Geering; Weber, Guebey; Phil Baltisberger; Chris Baltisberger, Roe, Andrighetto; Azevedo, Malgin, Quenneville; Sopa, Krüger, Sigrist; Aeschlimann, Schäppi, Pedretti
Lugano: Schlegel; Alatalo, Riva; Nodari, Müller; Chiesa, Guerra, Wolf; Fazzini, Arcobello, Stoffel; Boedker, Herburger, Morini, Bertaggia, Thürkauf, Walker; Traber, Tschumi, Vedova.
Arbitri: Lemelin (Usa), Urban; Cattaneo; Huguet.
Note: 7‘657 spettatori. Penalità: Zurigo 5 x 2’; Lugano 6 x 2’ + 1 x 10’ (Walker) + 1 x 5’ e penalità disciplinare di partita (Tschumi, al 59’53’’). Tiri: 49-38 (11-7, 28-10, 10-21). Zurigo senza Riedi, Bodenmann, Morant (infortunati), Hollenstein e Diem (malati). Lugano privo di Carr, Haussener, Loeffel, Josephs (infortunato) e Fadani (Ticino Rockets). Al 31’08’’ palo di Malgin. Al 57’17’’ timeout chiesto dal Lugano, che gioca senza portiere dal 57’27’’ al 58’13’’. Premiati come migliori in pista Sigrist e Morini

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
HC Aspi Capitals
10137
2
LucHC Lions
10020
3
Sparta Becherovka
9709
4
thibault_gav
9610
5
FHM2223
9586
6
TrigoAce1
9551
7
Team Belozoglu
9533
8
Team7
9511
9
HC Kaski Male
9447
10
Tschernobyl
9378
TOP NEWS Sport
Hockey
2 ore
L’hockey stravagante di Sankt Moritz ’48
75 anni fa, al termine di una lunga pausa forzata, per ospitare i primi Giochi dopo la pace ritrovata furono scelte la Svizzera e le nevi engadinesi
il dopopartita
7 ore
L’Ambrì espugna Zugo ‘con la testa e con la lotta’
Uno spunto di Heed dopo 14" di overtime regala la decima vittoria da due punti ai suoi. Pestoni: ‘Ora sottovalutare l’Ajoie sarebbe un errore gigantesco’.
IL DOPOPARTITA
7 ore
Lugano in bianco in un martedì nero. ‘Questione di feeling’
Cinque schiaffi nel primo tempo, triste primato di una partita che si spegne subito. Gianinazzi ‘Probabilmente, un domani gestirei la cosa diversamente’
Altri sport
7 ore
Hockey su prato, Lugano promosso in Serie B Indoor
Decisivi i due successi ottenuti contro Grasshopper e Berna al torneo finale di Prima Lega a Zurigo
Hockey
9 ore
Tim Heed regala due punti d’oro all’Ambrì Piotta
Ottima prestazione dei leventinesi a Zugo: la sfida ha premiato la truppa di Cereda, vittoriosa 3-2 dopo l’overtime
Hockey
9 ore
Nuovo tonfo del Lugano, gode il Friborgo
Dolorosa sconfitta per la truppa di Luca Gianinazzi: ospiti padroni totali alla Cornèr Arena e vincenti per 6-1, con cinque gol nei primi 20’.
Unihockey
12 ore
Ticino fermato dal Kloten
I bellinzonesi, sconfitti in casa dai Jets 7-3, chiudono settimi in classifica e sfideranno nei playoff l’Ad Astra
sci nordico
12 ore
Campionati regionali, vince un... varesino
Fra le donne successo di Manuela Leonardi di Bedretto, fra le ragazze vince Anna Pronzini e fra i ragazzi Levin Arduser
Basket
12 ore
Nancy Fora: ‘Importante la cultura del lavoro’
La cestista ticinese spiega i segreti dei successi dell’Elfic Friborgo, squadra che in Svizzera non ha praticamente rivali
Basket
13 ore
Mercoledì di nuovo in campo Lugano e Massagno
La Sam vincitrice della Coppa di Lega ospita il Neuchatel, mentre i Tigers ricevono il Vevey forse privo di Sefolosha
© Regiopress, All rights reserved