laRegione
Hockey
laR
 
13.09.21 - 17:54
Aggiornamento: 18:58

‘Brandon, Peter e Juuso, che trio!’

Il ‘Gm’ dello Jokerit Jari Kurri tesse le lodi dei biancoblù Kozun, Regin e Hietanen

di Kurt Wechsler
brandon-peter-e-juuso-che-trio
Di nuovo insieme (Ti-Press)

È una sorta di leggenda vivente dell’hockey. Prima, fino alla stagione 1997/98, di quello giocato, con la bellezza di poco meno di 1’500 partite e diciassette stagioni in Nhl, e successivamente di quello... dall’altra parte della transenna. Della Nazionale del suo Paese, la Finlandia, Jari Kurri è stato sia assistente del selezionatore, sia general manager. Ma, soprattutto, dal campionato 2013/14 lo è dello Jokerit di Helsinki (di cui nel frattempo è divenuto anche comproprietario), squadra che la stagione successiva, sotto la guida dello stesso Kurri, è sbarcata sulla ribalta della Khl. E squadra in cui, soprattutto, hanno militato anche due giocatori sbarcati quest’estate ad Ambrì: Brandon Kozun (che con i finlandesi aveva disputato il campionato 2015/16) e Peter Regin (dal 2015 alla passata stagione).

Che tipo di giocatori sono? Nel descrivere le loro caratteristiche, Kurri ne tesse le lodi. Cominciando da quel Kozun che grazie al gol nella partita inaugurale contro gli Zsc Lions e alla doppietta dell’indomani, contro il Friborgo, nella partita che ha tenuto a battesimo il nuovo stadio dell’Ambrì Piotta, si è guadagnato i galloni del topscorer dei biancoblù e occupa il quarto posto nella classifica dei migliori realizzatori dell’interno campionato. «Brandon è un ottimo giocatore, veloce, bravo e completo – racconta Jari Kurri –. Lo reputo un professionista modello; uno col fiuto del gol ma al tempo stesso un ottimo playmaker. È stato uno dei giocatori più veloci della Khl (di questo, sabato Hughes ha avuto modo di rendersene conto in prima persona…, ndr)». Ciononostante, dopo una sola stagione con lo Jokerit, Kozun ha cambiato squadra… «Non certo per scelta nostra. Brandon ci ha lasciati dopo appena un anno perché aveva ricevuto un’offerta migliore da un altro club di Khl (il Lokomotiv Yaroslavl). È il business, ed è così che va nell’hockey». Un capitolo, quello della Khl, che Kozun ha poi chiuso al termine della passata stagione, accettando l’offerta dell’Ambrì Piotta: «Sportivamente parlando, la Khl è sicuramente una bella sfida visto l’alto tasso tecnico delle squadre che vi partecipano, ma è anche una bella sfida per il fisico: i lunghi viaggi per le trasferte sono qualcosa di veramente estenuante. Brandon ha tutte le qualità per poter ancora militare in Khl, ma probabilmente voleva vedere e provare qualcosa di nuovo. Sono convinto che saprà adattarsi subito alla nuova realtà: i numeri per fare molto bene in National League li ha tutti». A riprova di ciò, come detto, le prime due uscite gli hanno già fruttato quattro punti: davvero niente male come biglietto da visita.

Peter Regin, invece, è rimasto alla corte di Jari Kurri dal 2015 al 2021, meritandosi anche per quattro stagioni il ruolo di capitano dello Jokerit: che tipo di giocatore è? «Peter è un grande leader, dentro e fuori dal ghiaccio. Anche dai suoi tifosi sapeva farsi apprezzare. Il fatto che per anni sia stato scelto come capitano testimonia anche di quanto la dirigenza lo apprezzasse. Peter è un giocatore che ha le qualità per prendere in mano il resto del gruppo. È anche un ‘allrounder’, cosa che rappresenta un valore aggiunto per l’economia di squadra: averlo in rosa è sicuramente un bel vantaggio per chiunque».

Detto di Kozun e Regin, Jari Kurri però un’idea ben distinta in questi anni se l’è fatta pure di un altro straniero dell’Ambrì Piotta: Juuso Hietanen, giocatore selezionato più volte per vestire la maglia della Nazionale finlandese, con cui alle Olimpiadi del 2014 a Sochi vinse pure la medaglia di bronzo. «Juuso ha giocato per parecchie stagioni in Khl, vestendo la maglia di diverse squadre. Lo ritengo un buon difensore, con una solida esperienza e dotato di un buon senso dell’hockey. Non da ultimo, sa dare un apporto significativo negli special team, tanto in boxplay, quanto in powerplay».

Un bel trio insomma quello messo sotto contratto dal direttore sportivo biancoblù Paolo Duca: «Sì, decisamente. Kozun ha nella velocità il suo asso nella manica, Hietanen, nella solidità difensiva e Regin nella tecnica, nel controllo del disco e nell’apporto negli spiecial team. Con loro, l’Ambrì Piotta può contare su un tris di stranieri decisamente interessante: sono curioso di vedere quale sarà il loro rendimento una volta che avranno affinato le dinamiche di squadra». Un primo assaggio, del resto, l’hanno già dato in queste prime due uscite.

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
HC Aspi Capitals
9867
2
LucHC Lions
9639
3
Sparta Becherovka
9402
4
Team Belozoglu
9342
5
FHM2223
9301
6
TrigoAce1
9215
7
HC Kaski Male
9203
8
thibault_gav
9191
9
Hirschi21
9008
10
Team7
9007
TOP NEWS Sport
Calcio
8 ore
‘Tifosi granata, stateci sempre vicini’
A due giorni dalla ripresa del campionato cadetto, il nuovo coach dell’Acb Stefano Maccoppi fa il punto della situazione e presenta tre nuovi arrivi
MOUNTAIN BIKE
22 ore
Nel 2023 per Filippo Colombo soffia un vento di novità
Il biker ticinese ha cambiato squadra (è passato alla Scott) e con la Q36.5 vuole intensificare l’attività su strada. ‘Ma punto a Cdm e Mondiali di mtb’
hockey
1 gior
Anche un po’ di Ticino alla finale di Champions League
Il linesman Eric Cattaneo selezionato per arbitrare Luleå-Tappara Tampere il prossimo 18 febbraio. Con lui Stolc e due tedeschi
Basket
1 gior
Ufficiale, Sefolosha a Vevey
Il primo svizzero ad aver giocato nella Nba torna a 38 anni nel club con cui aveva esordito
tennis
1 gior
Australian Open, continua la marcia di Aryna Sabalenka
La bielorussa accede alla finale di Melbourne dopo aver eliminato in due set 7-6 6-2 la polacca Magda Linette. Ora affronterà la kazaka Rybakina
Tennis
1 gior
Elena Rybakina prima finalista degli Australian Open
La kazaka ha eliminato in due set (7-6, 6-3) la bielorussa Viktoria Azarenka
Calcio
1 gior
Abramovich, Todd Boehly e il calciomercato del Chelsea
Il nuovo padrone dei Blues, dopo aver fatto piazza pulita dello staff, ha adottato un’innovativa e azzardata politica di ingaggio dei giocatori
COSE DELL'ALTRO MONDO
1 gior
Il sogno prosegue, Mr. Irrelevant non si vuole più svegliare
Brock Purdy ha vinto l’undicesima partita consecutiva, portando San Francisco alla finale della Nfc. A Kansas City brividi per l’infortunio a Pat Mahomes
Sci
1 gior
A Schladming arriva il gran giorno di Loïc Meillard
Il 26enne di Hérémence conquista infine il primo trionfo in gigante, lasciandosi alle spalle il grigionese Gino Caviezel in un mercoledì da incorniciare
SPORT
1 gior
Discriminazione nello sport, Berna scende in campo
Etica e competizione, il Consiglio federale vara un pacchetto di misure volte a rafforzare, in particolare, la protezione dei giovani atleti
© Regiopress, All rights reserved