laRegione
Olanda
0
Argentina
1
2. tempo
(0-1)
Langnau
2
Bienne
0
2. tempo
(0-0 : 2-0)
Ajoie
2
Lugano
2
2. tempo
(0-2 : 2-0)
Zurigo
2
Kloten
1
2. tempo
(1-1 : 1-0)
Lakers
4
Losanna
2
2. tempo
(1-2 : 3-0)
Ginevra
4
Ambrì
1
2. tempo
(1-1 : 3-0)
Berna
5
Zugo
2
2. tempo
(2-0 : 3-2)
19.04.21 - 22:18
Aggiornamento: 20.04.21 - 15:02

Lugano ancora kappaò. E ora è spalle al muro

Torna Cervenka, e per la terza volta di fila il Rapperswil mette sotto i bianconeri: ora nella loro serie dei quarti non hanno più diritto all'errore

lugano-ancora-kappao-e-ora-e-spalle-al-muro
Già autore del gol d'apertura, il canadese Kevin Clark cerca di mettere sotto pressione Niklas Schlegel (Keystone)

È ancora il Rapperswil a uscire dal ghiaccio con il sorriso. Per la terza volta di fila. Al termine di un delicato atto quarto della serie dei quarti con il Lugano di Serge Pelletier. Che non cambia gli uomini in pista, ma stavolta modifica in sostanza tre linee su quattro, promuovendo Bertaggia in prima con Arcobello e Boedker, mentre Bürgler scende in seconda e Walker è tredicesimo attaccante, con Zangger che va ad affiancarsi a Morini e Sannitz. La novità di giornata più grande, però, è sul fronte sangallese, con Jeff Tomlinson che può tornare a contare sul suo regista, Roman Cervenka. E la presenza del ceco si fa immediatamente sentire, e alla prima vera conclusione il 'Rappi' è già in vantaggio: appoggio di Cervenka sulla porta e deviazione imparabile di Clark. Per i bianconeri, insomma, peggior inizio non potrebbe esserci. E la squadra di Pelletier accusa il colpo. Tanto che per vedere le prime offensive ospiti bisogna attendere il nono minuto, quando Moses finisce sulla panchina dei puniti: prima Lajunen, poi Morini non riescono però a pungere. Ciò che, invece, sanno fare benissimo quelli del Rapperswil. I quali riescono ad andare alla pausa addirittura in vantaggio di due gol, dopo un'azione di Rowe che sembrava destinata a non avere alcuna velleità e che, invece, il taglio dell'americano libera Eggenberger a due passi da uno Schlegel che nulla può.

A quel punto, Tomlinson non può che essere soddisfatto. Perché due gol di vantaggio sono comunque un buon cuscinetto, ma soprattutto perché la sua squadra sul ghiaccio è di una disciplina quasi estrema e praticamente non sbaglia un disco, mettendo così ancor più in difficoltà un Lugano che, di suo, non riesce a trovare gli argomenti per smuovere i sangallesi dalle loro certezze. Poi, però, dopo un secondo tempo senza reti, a rianimare la serata (e il Lugano?) ci pensa Giovanni Morini. O meglio: ci pensa il difensore sangallese Fabian Maier, il cui appoggio nel vuoto si trasforma nel migliore degli spunti per Romain Loeffel, che al 46'18'' entra nel terzo e scarica il puck all'attaccante numero 23, che trova infine il modo di battere Nyffeler. A quel punto, naturalmente, in pista il clima cambia: il Lugano dà l'impressione di crederci fino in fondo, e al 50'35'' solo la traversa nega a Bertaggia la gioia del gol. Poi i bianconeri possono beneficiare di 2' con l'uomo in più per una penalità inflitta a Egli, per sgambetto, ma nonostante un paio di buone occasioni il risultato non cambia. Il Rappi, però, adesso è sotto pressione: Herburger, Boedker e Loeffel. Ma non basta. Neppure l'assalto finale, a gabbia sguarnita. Anzi, a un secondo dalla fine i padroni di casa segnano anche il 3-1 a porta vuota. E adesso sono sul 3-1 nella serie. Mentre il Lugano è con le spalle al muro.

Rapperswil - Lugano (2-0 0-0 1-1) 3-1
Reti: 1'05'' Clark (Cervenka) 1-0. 17'32'' Eggenberger (Rowe, Vukovic) 2-0. 46'18'' Morini (Loeffel) 2-1. 59'59'' Eggenberger (Lehmann/a porta vuota) 3-1
Rapperswil: Nyffeler; Jelovac, Vukovic; Maier, Sataric; Profico, Egli; Dufner, Randegger; Eggenberger, Rowe, Lehmann; Schweri, Cervenka, Clark; Loosli, Wick, Moses; Forrer, Ness, Wetter.
Lugano: Schlegel; Loeffel, Riva; Heed, Wellinger; Chiesa, Wolf; Nodari; Bürgler, Lajunen, Suri; Boedker, Arcobello, Bertaggia; Fazzini, Herburger, Lammer; Zangger, Sannitz, Morini; Walker.
Arbitri: Stricker, Stolc (A); Altmann, Wolf.
Note: 50 spettatori. Penalità: 3 x 2' + 1 x 10' (Randegger) contro il Rapperswil; 4 x 2' contro il Lugano. Tiri: 21-35 (12-11, 3-11, 7-12). Rapperswil senza Payr, Dünner, Lhotak (infortunati), Rüegger, Rehak e Scheidegger (in soprannumero); Lugano privo di Traber (convalescente), Haussener, Josephs, Brennan, Antonietti, Vedova e Romanenghi (tutti in soprannumero). Pali: 23'41'' Dufner. 50'35'' Bertaggia (traversa). Al 57'49'' timeout chiesto dal Lugano, che gioca senza portiere fino al 58'34'' e poi 59'00'' al 59'28'' e dal 59'40'' al 59'59''. Premiati a fine partita, quali migliori in pista, Andrew Rowe e Giovanni Morini. 

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
EHC Rofels
6276
2
HC Aspi Capitals
6155
3
HC Kaski Male
6145
4
GregBeaud
6058
5
LucHC Lions
6037
6
Team Belozoglu
6022
7
Chop
5931
8
TrigoAce1
5924
9
HC TUT-TUT
5884
10
SV Rokaner
5882
TOP NEWS Sport
QATAR 2022
2 ore
I rigori premiano la Croazia, il Brasile fa le valigie
In vantaggio al 105’ con Neymar, i sudamericani si fanno rimontare a pochi minuti dal traguardo e dal dischetto pagano gli errori di Rodrygo e Marquinhos
Tennis
2 ore
Wawrinka sconfitto da Medvedev
L’avventura dello svizzero nel torneo d’esibizione in Arabia Saudita si conclude in semifinale, con il doppio 6-4 in favore del russo
Basket
5 ore
Lugano-Olympic, all’Elvetico arriva un po’ d’Europa
Mentre la Sam stasera va in campo per ricevere lo Swiss Central, i Tigers si preparano a sfidare l’eterno nemico, il club meglio gestito di tutto il Paese
QATAR 2022
5 ore
L’Africa chiede al Marocco di scrivere la storia
La selezione magrebina potrebbe essere la prima del Continente nero a raggiungere le semifinali di un Mondiale
SCI NORDICO
7 ore
Nadine Fähndrich trionfa nello sprint classico a Beitostölen
In Norvegia la 27enne lucernese ha colto il terzo successo in Coppa del mondo, precedendo la norvegese Weng e la finlandese Matintalo
roller hockey
8 ore
Il Biasca asfalta il Wimmis e accede ai quarti di Coppa
La partita finisce su un perentorio 9-3, grazie al poker di Gregorio Boll e alla tripletta di ‘Timo’ Devittori
Atletica
9 ore
A Biasca poker per Sam Massagno e Sab Bellinzona
Alle finali regionali dell’Ubs Kids Cup Team ci saranno anche Virtus Locarno e Sfg Biasca
Tennis
13 ore
Bollettieri, il fabbricatore di campioni
Vita, metodi, successi e segreti del più celebre allenatore della storia del tennis, scomparso pochi giorni fa a 91 anni
gallery
sci freestyle
15 ore
L’addio di Nicole Gasparini alle gobbe: ‘Non ne avevo più’
La 25enne ticinese si ritira: ‘Un po’ di paura del cambiamento c’è, ma ora mi accorgo di aver vissuto moltissime esperienze’
I mondiali dal divano
15 ore
Siamo tutti marocchini (almeno una volta nella vita)
La vittoria del Marocco contro la Spagna può anche essere vissuta come una sorta di rivalsa dei migranti contro i padroni di casa
© Regiopress, All rights reserved