laRegione
HOCKEY
laR
 
14.04.21 - 21:55

Fazzini e il Rapperswil. ‘Stessa pressione, dal primo cambio'

L'attaccante numero 17 dei bianconeri dimentica gara 1 e lancia il secondo atto della sfida. ‘Abbiamo 4 blocchi che sanno segnare, e non è sempre stato così‘

di Daniele Neri
fazzini-e-il-rapperswil-stessa-pressione-dal-primo-cambio
Fazzini e Lammer si congratulano con il rientrante Lajunen per il suo gol in gara 1 (Ti-Press/Crinari)

Lugano – Il gol lo tranquillizza e nello stesso tempo lo esalta. Luca Fazzini è nato per segnare, e anche martedi, nel vittorioso esordio nei playoff contro il Rappeswil, si è subito messo in scena firmando al 53’ la quinta rete bianconera. Per lui anche un assist, in seconda. «Penso che l’approccio alla partita è stato quello giusto – spiega il ventiseienne attaccante ticinese –. Nei primi minuti abbiamo messo tanta intensità e molto furore agonistico, ma purtroppo non siamo riusciti a segnare altre reti. Sul 3-2 per noi è stata molto importante la rete di Bürgler, che ci ha dato tranquillità, poi nel terzo tempo abbiamo preso il largo. Siamo nei playoff, non è sempre facile tenere alto il ritmo per 60 minuti e sapevamo delle loro qualità, ma penso alla fine abbiamo conquistato una bella e meritata vittoria».

Ma non c'è tempo per gustarsi l’esordio felice: domani si torna subito in pista. «Sin dal primo cambio vogliamo mettere la stessa pressione, fare il nostro gioco, mettere tanti dischi sulla porta evitando di prendere inutili penalità, com'è capitato soprattutto nel primo tempo di gara 1. Io sono fiducioso: in questa stagione possiamo contare su quattro blocchi forti, in cui tutti sanno segnare, e negli ultimi anni non è stato sempre così. Basta dare uno sguardo al tabellino: sei giocatori diversi sono andati in gol martedì. Potrebbe essere un nostro punto di forza, ne siamo consapevoli. Senza dimenticare, però, che tutti e quattro questi blocchi stanno pure difendendo molto bene. Abbiamo una squadra compatta, forse potrebbe essere questo il nostro segreto per arrivare lontano».

Qual è la sensazione che si prova a giocare una sfida dei playoff senza pubblico? «Non lo nascondo, per una partita del genere l'atmosfera era molto strana: soprattutto in questo momento della stagione, la mancanza di pubblico si fa chiaramente sentire, perché quando la pista è piena di tifosi è un’altra cosa. Anche se per noi, sul ghiaccio non è cambiato niente: si è subito sentito che rispetto ad altre partite c'era un'altra fisicità, e il Rapperswil è anche una squadra che predilige quel tipo di gioco. Le nostre capacità tecniche, però, alla fine sono state determinanti, pur se anche noi alle balaustre ci siamo fatti sentire. Ci ha fatto molto bene, guardare molti video dei precedenti scontri diretti per capire bene quali sono i loro punti deboli».

Pensando a gara 2, squadra che vince non si tocca, per un Serge Pelletier che può contare su tutti i giocatori della rosa, a parte Tim Traber. E il coach bianconero ha già individuato quali sono i punti da migliorare: «Non tutto ha sempre funzionato come vorrei – dice il tecnico del Lugano –. A Rapperswil chiedo 60 minuti pieni di concentrazione, in cui non bisogna essere troppo belli ma piuttosto efficaci, quindi evidando di forzare la manovra concedendo agli avversari break importanti o situazioni di superiorità numerica».

Con l’avvento della fase decisiva, sono saliti alla ribalta giocatori come Sannitz o Walker, che in questo tipo di gara sanno esaltarsi, anche se manca il pubblico. «È vero, ma non vale solo per loro: tutti devono mettersi in sintonia con il ritmo playoff. Cito volentieri un altro giocatore, Jani Lajunen, che era al suo rientro: solido difensivamente, porta una presenza fisica importante e il suo apporto è stato appagante. Era lui che avrebbe dovuto avere un occhio di riguardo per Cervenka, ma poi il topscorer del Rapperswil ha giocato solo qualche minuto». 

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
EHC Rofels
5420
2
HC Aspi Capitals
5399
3
HC Kaski Male
5355
4
HC TUT-TUT
5333
5
LucHC Lions
5176
6
ASIA TEAM
5158
7
SV Rokaner
5141
8
AmStars
5136
9
Team Belozoglu
5136
10
HC Klo10Flies
5134
TOP NEWS Sport
Qatar 2022
7 ore
Un missile di Fullkrug tiene in corsa i tedeschi
Finisce in parità la sfida più attesa tra una Spagna che dovrà stare attenta al Giappone e una Germania che si gioca tutto con il Costarica
Sci
9 ore
Wendy, il gran giorno è arrivato. Ma lo deve condividere
Sulle nevi del Vermont la svittese centra infine un trionfo nello slalom che inseguiva da una vita. A far festa con lei, però, c’è anche Larson
Qatar 2022
10 ore
Senza Neymar l’esame di maturità di Yakin
Il tecnico rossocrociato, che 15 mesi fa allenava ancora in Challenge League, contro il Brasile non disporrà di Okafor
Qatar 2022
10 ore
Davies illude il Canada, Kramaric lo elimina
La Croazia rimonta grazie soprattutto a una doppietta della punta dell’Hoffenheim
IL DOPOPARTITA
11 ore
Un weekend in bianco: ‘Restiamo positivi, meritavamo di più’
L’Ambrì rende nuovamente la vita dura allo Zurigo, che però trova il modo di spuntarla. ‘La fortuna? Non è stata dalla nostra, ma bisogna anche cercarla’
QATAR 2022
12 ore
Belgio sconfitto, a Bruxelles scoppiano disordini
La polizia è intervenuta con cannoni ad acqua per disperdere i tifosi facinorosi. Le autorità hanno chiesto alla popolazione di non recarsi in centro
QATAR 2022
13 ore
‘Battere il Brasile? Non mi stupirebbe’
Nestor Subiat fiducioso sulle qualità della Nazionale svizzera. ‘E per l’Argentina il Mondiale inizia adesso’. Il ricordo del 1994 e di Andres Escobar
Qatar 2022
13 ore
Marocco troppo forte per il Belgio
Dopo il pareggio coi croati vicecampioni del mondo, i magrebini colgono la posta piena coi Diavoli rossi
Qatar 2022
15 ore
Bandiera del Kosovo nello spogliatoio serbo: ‘Fifa ipocrita’
Criticata dal governo della Serbia la decisione di avviare un procedimento disciplinare contro la locale Federcalcio per il vessillo esposto ai Mondiali
Tennis
16 ore
Coppa Davis, nelle qualificazioni Svizzera-Germania
Trasferta impegnativa per i rossocrociati, che sfideranno Zverev e compagni all’inizio di febbraio
© Regiopress, All rights reserved