laRegione
Udinese
1
Verona
1
2. tempo
(1-1)
laR
 
12.04.21 - 17:54
Aggiornamento: 18:27

‘Occhio al Rapperswil: non è solo Clark, Cervenka e Moses’

Serge Pelletier lancia il quarto di finale contro i sangallesi. Che per i tifosi del Lugano porta con sé una novità per le partite casalinghe

occhio-al-rapperswil-non-e-solo-clark-cervenka-e-moses
Ritorno nei ranghi per il finlandese (Ti-Press)

L'attesa è quasi finita. Ed è stata una lunga attesa, visto che l'ultima volta che alla Cornèr Arena si è respirata aria di playoff è stata oltre due anni fa. Era la sera del 16 marzo 2019, alla fine di un'interminabile gara 4 poi conclusasi a pochi minuti dallo scadere del secondo tempo supplementare. Quella sera i bianconeri – allora diretti alla transenna da Greg Ireland – rimediarono la loro quarta sconfitta in altrettante partite nella serie dei quarti di finale contro lo Zugo, chiudendo lì la loro stagione. Due anni e un mese dopo, e dopo un playoff cancellato dalla pandemia (in cui il primo ostacolo nella corsa verso il titolo sarebbe dovuto essere lo Zurigo), la Cornèr Arena si rimette l'abito dei playoff. Con tutto quel che ne consegue, a cominciare dagli allenamenti rigorosamente a porte chiuse. E con l'aggiunta, dettata ovviamente dall'emergenza sanitaria, della doppia bolla per giocatori e staff. «Ma in fondo, a questa condizione siamo abituati – premette il tecnico dei bianconeri Serge Pelletier –. Avevamo già dovuto allenarci in questa modalità in occasione del primo stop causa quarantena, e bene o male è tutta la stagione che siamo confrontati con un sistema che prevede allenamenti e partite con contatti ridotti ai minimi termini. Ciò che cambia è la vita fuori dalla pista, ma del resto durante i playoff di vita fuori dal ghiaccio non ce n'è mai granché». Questo per dire che a entrare in modalità playoff non è solo la pista, ma anche tutta la squadra: «Siamo pronti per il grande ballo. È vero che rispetto al solito abbiamo avuto qualche giorno in meno per studiare l'avversario, ma ci siamo allenati bene: la nostra preparazione è stata ideale». Entrando nel dettaglio, come avete trascorso la settimana di tregua agonistica? «Dopo la partita di Ginevra i giocatori hanno potuto beneficiare di un paio di giorni di congedo, per recuperare le energie ma anche e soprattutto per fare una sorta di 'reset' mentale in modo da poter affrontare al meglio la seconda, distinta, parte della stagione. Al momento di riattaccare la spina la squadra ha sostenuto due allenamenti piuttosto intensi, a cui ha fatto seguito un altro giorno di stop. Da ultimo, domenica e oggi, ci siamo concentrati sull'aspetto tattico». Anche perché il nome dell'avversario del Lugano in questi quarti di finale, il Rapperswil, Pelletier e i suoi uomini l'hanno saputo solo venerdì sera. Stupito che l'avversario sia la formazione di Tomlinson anziché il Bienne? «In una serie al meglio delle tre partite può succedere di tutto: è più facile che si verifichi qualche sorpresa, perché di tempo per rimediare a eventuali scivoloni praticamente non ne hai. Abbiamo guardato le due partite della serie tra sangallesi e Seeländer, e abbiamo comunque potuto vedere un Rapperswil determinato, capace di portare in pista un buon hockey. Per quanto mostrato, Clark e compagni il loro biglietto per i quarti di finale se lo sono pienamente meritato».

Avversario che i bianconeri in stagione hanno affrontato sei volte, con un bilancio di tre successi a testa: (due casalinghi e uno in trasferta per entrambi; 17-15 in favore del Lugano il bilancio delle reti). «Sfide che ci hanno permesso di prendere un po' le misure dell'avversario che ci troveremo di fronte in questa serie. Ed è un avversario assai disciplinato, che può contare su un ottimo primo blocco. Inoltre sa essere parecchio pericoloso in superiorità numerica, ragion per cui più staremo alla larga dalla panchina dei penalizzati meglio sarà per noi. E non si commetta l'errore di pensare che tutta la forza del Rapperswil siano unicamente i vari Cervenka, Clark e Moses: Tomlinson ha nelle sue corde diversi altri elementi di tutti rispetto: Lehmann, con la sua velocità, è ad esempio un attaccante che sa rendersi parecchio pericoloso. Se devo citarne un altro, mi piace anche Eggenberger, dotato di un buon gioco anche fisico. Per non parlare di Nyffeler ed Egli». Chiedere al Bienne per le conferme del caso...

Una delle novità di questo post-season della stagione della pandemia è la cadenza delle partite, con match che anziché i classici martedì, giovedì e sabato, saranno programmati ogni due giorni. Con gara 4 che si giocherà dunque già lunedì anziché martedì, come sarebbe stato il caso negli anni precedenti. «Novità che per la prima settimana non comporta particolari cambiamenti, ma che sì, a conti fatti potrebbe portare due squadre a giocare addirittura quattro partite nella seconda. Ma, nei playoff più che mai, è inutile pensare a così in là, a quanto succederà da qui a una settimana: meglio, molto meglio concentrarci sul presente, e in particolare su gara 1».

E la squadra, è già al livello che ti aspettavi per questo primo assaggio di playoff? «Questa settimana di lavoro ho visto tanta energia in pista e la giusta concentrazione, per cui mi sembra che la squadra sia nelle condizioni ideali per affrontare il primo atto di questi playoff».

Dagli spogliatoi

Riecco Lajunen, Josephs in soprannumero

È Traber l'unica assenza nelle file del Lugano per il primo atto dei quarti di finale contro il Rapperswil. Rientrano dunque nei ranghi Herburger, Wellinger e Lajunen, che per vari motivi avevano saltato l'ultima trasferta di stagione regolare a Ginevra. A far posto nel roster al finlandese («È un piacere riaverlo in squadra: Jani è molto importante per l'assetto della squadra») sarà di conseguenza Josephs, in soprannumero così come l'ultimo arrivato Brennan.

Pubblico più vicino via social

Impossibilitati ad assistere le partite dal vivo, i tifosi bianconeri avranno la possibilità di manifestare la loro vicinanza alla squadra attraverso i social. Negli scorsi giorni infatti il club ha posato uno schermo gigante lungo la Tribuna Ovest, sul quale durante le partite casalinghe saranno proiettati i post più originali (che non potranno contenere video, stories o contenuti audio al fine di non ostacolare la produzione televisiva) che i tifosi possono pubblicare (sin da subito) con l’hashtag #forzaluganoforza tramite Instagram, Facebook e Twitter. Si potranno ovviamente sfoggiare i gadget della squadra, acquistabili allo Shop'41 domani tra le 13.30 e le 19.

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
HC Aspi Capitals
10137
2
LucHC Lions
10020
3
Sparta Becherovka
9709
4
thibault_gav
9610
5
FHM2223
9586
6
TrigoAce1
9551
7
Team Belozoglu
9533
8
Team7
9511
9
HC Kaski Male
9447
10
Tschernobyl
9378
TOP NEWS Sport
Tennis
1 ora
Djokovic più forte di tutti e di tutto
Il serbo ha conquistato l’Open australiano mostrando, oltre a una netta superiorità tecnica, pure una forza mentale impressionante
Calcio
2 ore
‘Situazione difficile, aiuteremo i giocatori’
Dopo il fallimento del Fc Chiasso, i sindacati hanno incontrato i calciatori e hanno spiegato loro come muoversi per far valere i propri diritti
CROSS
4 ore
Roberto Delorenzi vince a Moghegno
La prova generale dei Campionati svizzeri di cross 2024 nobilitata dalla presenza di alcuni talenti confederati protagonisti delle prove di Cross Cup
BASKET
6 ore
Juwann James, quando il senso del dovere è più forte del dolore
Asterischi a margine della finale di Sbl Cup vinta dalla Spinelli Massagno. Lo statunitense avrebbe meritato il riconoscimento di Mvp
COSE DELL’ALTRO MONDO
7 ore
Eagles e Chiefs staccano il biglietto per il Super Bowl
Philadelphia supera San Francisco colpito dalla sfortuna, Kansas City si prende la rivincita su Cincinnati grazie a uno stupido fallo
Hockey
8 ore
Il Davos rinforza la difesa con Aaron Irving
Il ventiseienne canadese arriva dal SaiPa in Finlandia e si è accordato con i gialloblù fino al termine della stagione
Calcio
11 ore
Un mese di stop per Allan Arigoni
Il terzino del Lugano ha subito una lussazione acromion-clavicolare di secondo grado della spalla sinistra
IL DOPOPARTITA
22 ore
Sono le situazioni a rendere speciale il ‘Rappi’
Un ottimo Lugano costretto alla resa dal powerplay sangallese. Gianinazzi: ‘Dobbiamo crescere in boxplay e stare alla larga dalla panchina’
HOCKEY
23 ore
Il powerplay del Rapperswil è micidiale, Lugano battuto
La trasferta sangallese ha interrotto la striscia positiva dei bianconeri, sconfitti per 5-2 dagli uomini allenati da Stefan Hedlund
VOLLEY
1 gior
Sconfitto in campionato, il Lugano si rifà in Coppa
Le bianconere cedono strada all’Aesch Pfeffingen, prima di conquistare il biglietto per le semifinali nell’inedito derby con le ragazze di Bellinzona
© Regiopress, All rights reserved