laRegione
HOCKEY
12.04.21 - 11:31

Domenichelli: ‘Siamo noi, i nostri primi avversari’

Il general manager bianconero e il suo Lugano aspettano l'arrivo del sorprendente Rapperswil. 'Ha battuto due volte il Bienne e merita di essere ai quarti'

domenichelli-siamo-noi-i-nostri-primi-avversari
'Questo, però, è il momento della squadra e dell’allenatore, non il mio. E non vedono l'ora di cominciare' (Ti-Press/Crinari)

Oltre una settimana senza giocare dopo la difficile trasferta a Ginevra, e qualche giorno per tirare il fiato e riprendere a lavorare in attesa di conoscere l'avversario nei quarti. Alla fine, e a sorpresa, si può ben dire, al Lugano tocca il Rapperswil di Jeff Tomlinson, il terz'ultimo all'epilogo della prima parte di stagione. Ma a chi gli chiede se davvero era meglio arrivare secondi a fine regular season, visto che alla capolista Zugo tocca il Berna, Hnat Domenichelli risponde così. «Abbiamo rispetto per tutti, ma paura di nessuno – dice il direttore sportivo bianconero –. Perché, non è la prima volta che lo dico quest'anno, il nostro primo avversario siamo noi stessi: possiamo battere chiunque, l'abbiamo dimostrato, ma al tempo stesso quando non eravamo pronti a giocare, contro chiunque abbiamo fatto fatica».

Tu che prima di essere un dirigente sei stato un giocatore, non trovi crudele che la terzultima classificata vincendo due partite possa buttar fuori una squadra che è sempre stata tra le prime sei o sette? «È questo, l'hockey (sorride, ndr). Nessuno ti fa regali: devi dimostrare ogni giorno ciò che vali. Senza contare, poi, che le regole erano chiare per tutti, sin da settembre. E il Rapperswil, che ha vinto due partite di fila contro il Bienne, merita di essere ai quarti di finale».

Sta di fatto che questa regola è stata introdotta a causa del Covid, per mettere un po' di pepe in un finale di stagione che, altrimenti, per le ultime quattro della classifica si sarebbe un po' svuotato di significato, vista l'assenza della retrocessione: credi che l'esperimento dei pre playoff possa continuare anche in futuro? «Vedremo in futuro cosa decideranno di fare i club, sinceramente non ne ho idea. Però questa formula esiste in altri campionati, in Svezia è così da sempre».

Un anno fa, l’arrivo della prima ondata impose di chiudere tutto proprio sul più bello, quindi alla vigilia dei playoff. Adesso invece ci siete, quindi il campionato sembra destinato ad arrivare fino in fondo, ciò che non era poi così scontato visto che siamo pur sempre ancora in mezzo a una pandemia. «A dire il vero, ora come ora più che al virus io penso alle partite. Questo, però, è il momento della squadra e dell’allenatore, quindi non il mio, visto che non gioco (ride, ndr). E tutti sono pronti e non vedono l’ora di cominciare».

Con la complicazione di dover lavorare nella cosiddetta doppia 'bolla'. «Ma i giocatori avevano già vissuto qualcosa di simile settimane fa, in occasione della quarantena, quindi non è proprio una novità. E poi adesso che si gioca un giorno sì e uno no, o sei in pista o te ne stai a casa: durante i playoff non c’è tempo per le altre cose. Ne abbiamo parlato anche ai giocatori, che devono entrare in una certa routine e pensare soltanto a gara 1, martedì».

'Pensavo che la squadra fosse più forte, per quel motivo potevamo chiedere di più'

Allenandosi a porte chiuse, quindi lontano da giornalisti o curiosi come succede ormai da qualche stagione. Oppure stavolta c’entrano anche i protocolli Covid? «No, si tratta semplicemente di permettere ai giocatori di avere tempo per prepararsi in tranquillità. Però è chiaro, vista la situazione il fatto che i giocatori siano isolati è meglio per tutti. Ma la scelta è nostra, e credo che ognuno sia libero di fare come vuole, al di là delle regole imposte dalla Lega per la pandemia, che sono chiare a tutti».

A settembre, in sede di presentazione della stagione avevi lasciato intendere che l’obiettivo era arrivare a questo punto tra le prime quattro, e difatti siete arrivati secondi. Adesso, invece, il traguardo qual è? «A settembre, quando nei parlai, pensavo che la squadra fosse più forte dell'anno precedente, e per quel motivo potevamo chiedere un po' di più. Di obiettivi bisogna averne, è così che si avanza. Diciamo che abbiamo fatto un primo step, e ora proveremo a vincere questo quarto di finale».

Per piazzarsi, dunque, nuovamente tra le migliori quattro: è questo il tuo prossimo obiettivo? «Sì, passo dopo passo. Del resto – conclude – non avrebbe senso fare i playoff se non hai l'ambizione di andare lontano. Quindi adesso cerchiamo di vincere questo quarto di finale con il Rapperswil, senza pensare a nient'altro».

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
EHC Rofels
5878
2
HC Kaski Male
5839
3
HC Aspi Capitals
5769
4
HC TUT-TUT
5622
5
GregBeaud
5615
6
LucHC Lions
5577
7
SV Rokaner
5562
8
Team Belozoglu
5556
9
HC Klo10Flies
5524
10
Chop
5519
TOP NEWS Sport
Hockey
2 ore
Tre giornate e multa a Bachofner
Dopo la carica alla balaustra ai danni di Bykov, squalifica e 3’200 fr. di ammenda per l’attaccante dello Zurigo
Qatar 2022
15 ore
Il Giappone che non t’aspetti: primo posto di gruppo
Dopo i tedeschi, i nipponici mandano al tappeto anche la Spagna, che però va comunque agli ottavi: i primi sfideranno i croati, i secondi i marocchini
Qatar 2022
15 ore
La vittoria non basta: dopo i belgi, anche i tedeschi a casa
La vittoria per 4-2 sul Costarica non permette alla Germania di evitare la seconda eliminazione di fila dopo la fase a gironi a un Mondiale
Hockey
16 ore
Colpo Bienne, da Buffalo arriva Riley Sheahan
Liberato dall’impegno con i Sabres, il trentunenne centro canadese ha firmato con i Seeländer un contratto valido sino a fine stagione
Calcio
19 ore
Juventus, l’Uefa indaga su violazioni del fair play finanziario
L’inchiesta della Federcalcio europea mira a verificare la corrispondenza al vero della situazione finanziaria che permise la transazione in agosto
Qatar 2022
19 ore
Per la Svizzera è giunta l’ora della verità
Contro la Serbia ci si gioca un posto agli ottavi. Le due squadre sono al completo. Sow: ‘Dobbiamo provocare più occasioni da rete’
Qatar 2022
20 ore
Il Marocco batte anche un Canada senza ambizioni ed è primo
Ziyech ed En-Nesyri regalano agli africani la loro seconda qualificazione alla fase a eliminazione diretta a un Mondiale, dopo quella del 1986
Qatar 2022
20 ore
Con un po’ di fortuna la Croazia manda a casa il Belgio
La sfida tra secondi e terzi dell’ultimo Mondiale termina 0-0 e spedisce i balcanici agli ottavi e i Diavoli rossi a casa
Sci
21 ore
Gli esami in Svizzera confermano: trauma cranico per Caviezel
Di rientro da Lake Louise, il trentaquattrenne si è sottoposto a nuovi esami che hanno convalidato la tesi canadese. Tuttavia sono previsti nuovi test
SPORTS AWARDS
22 ore
Noè, Lara e gli altri dei di Olimpia tra i finalisti di Zurigo
Anche i due ticinesi nominati per la serata di Gala dell’11 dicembre, dove verranno eletti i successori di Marco Odermatt e Belinda Bencic
© Regiopress, All rights reserved