laRegione
Canada
Marocco
16:00
 
Croazia
Belgio
16:00
 
HOCKEY
03.04.21 - 15:10

Lugano, il weekend in cui tutto si decide. ‘È lotta serrata’

I bianconeri vanno a Rapperswil e a Ginevra a ’scegliersi‘ l'avversario, dopo un terzo tempo di fuoco giovedì. ‘Voglio quell'atteggiamento per 60 minuti’

di Daniele Neri
lugano-il-weekend-in-cui-tutto-si-decide-e-lotta-serrata
La gioia di Suri e Loeffel la dice lunga su quanto sia stata dura giovedì: 'Nel terzo tempo ho visto ancora molta energia e voglia di vincere' (Ti-Press/Golay)

Lugano – Nel venerdì che precede l'ultimissimo weekend di regular-season la Cornèr Arena è temporaneamente inagibile per lavori di manutenzione, così l'allenamento si svolge sul ghiaccio della Reseghina. Dove, nonostante la seduta sia facoltativa, sono molti i giocatori della rosa bianconera che si ritrovano in pista puntuali alle 11. Tra i presenti c'è anche Alessio Bertaggia, di rientro da infortunio (quindi è possibile un suo impiego nel finesettimana), unitamente al rinforzo statunitense Terrence Brennan, sul cui casco spicca il numero 43, e pure al finlandese Jani Lajunen. Il suo rientro, tuttavia, non è previsto per stasera a Rapperswil. «È tornato ad allenarsi, e sta molto meglio, ma non ci prenderemo alcun rischio, visto che siamo così vicini all'inizio dei playoff – spiega l’allenatore del Lugano Serge Pelletier –. Magari lunedì pomeriggio a Ginevra potrebbe provare, ma, ripeto, non abbiamo alcuna fretta».

A proposito di playoff: grazie al successo sul Langnau, giovedì, ora c'è la matematica certezza della qualificazione diretta, ma quanta fatica per conquistare quei tre punti... «Questo genere di partite che devi assolutamente vincere a tutti costi non sono sempre facili da approcciare. Però alla fine sono contento per il risultato: nel terzo e decisivo tempo s'è visto che c’era ancora tanta energia e molta voglia di vincere. Ed è lo stesso atteggiamento che voglio rivedere in pista stasera a Rapperswil, ma per tutti i sessanta minuti. L’obiettivo è arrivare in classifica al miglior piazzamento possibile. La lotta è molto serrata».

Giovedì si è rivisto in pista l’attaccante Loic Vedova, autore anche di una segnatura: per il valmaggese si è trattato soltanto della terza presenza in bianconero in una stagione praticamente tutta vissuta con addosso la maglia dei Ticino Rockets. «Ci tenevo che Loic potesse giocare con noi prima della fine del campionato, perché volevo sincerarmi del suo stato di forma. Mi ha fatto una buona impressione, e poi con l’uscita di scena di Dominic Lammer, per infortunio, ha avuto più ghiaccio del previsto, rispondendo molto bene alla sollecitazione. La sua è stata una buona prestazione».

'Il casa-lavoro noi già la conosciamo'

Playoff, oltre a fatica e stress, quest'anno fa rima anche con 'bolla'. Doppia nella fattispecie, stando alle primissime disposizioni diramate nelle scorse settimane dalla Lega, con i giocatori che nella post season praticamente vivranno soltanto tra casa e pista. «Ormai dobbiamo accettare queste regole: da molti mesi viviamo in questo modo, molto isolati dal resto del mondo. Come Hockey club Lugano avevamo messo in atto un protocollo molto severo, che abbiamo rispettato alla lettera per tutta la stagione, ma da quando partiranno i playoff saremo così focalizzati sulle partite che ci attendono che, per forza, la nostra vita si svolgerà tutta nello spogliatoio, sul ghiaccio e a casa propria».

Nulla di veramente nuovo, insomma. «Non per noi. A partire dall’8 aprile torneremo in sostanza a fare quello che già avevamo vissuto qualche mese fa, quando il medico cantonale ci aveva concesso di allenarci nella cosiddetta “bolla” in occasione della prima quarantena, lo scorso ottobre (quando vennero scoperti i primi tre casi di positività al Coronavirus, quelli di Bertaggia, Zurkirchen e Traber, ndr). In sostanza, dovremo limitare allo stretto necessario il contatto con persone che non fanno parte di questo gruppo, quindi ci divideremo tra la Cornèr Arena e le mura di casa finché saremo 'vivi' nei playoff, sportivamente parlando, e l'obiettivo è che questo periodo possa essere il più lungo possibile». 

Ma se, invece, nonostante tutte le misure, qualche giocatore dovesse risultare positivo? Finirebbe in quarantena soltanto lui, mentre il resto della squadra continuerebbe a giocare? «La Lega per il momento non ha ancora comunicati il piano definitivo, quindi non siamo ancora a conoscenza di tutti i dettagli. Ciò che posso dire è che se effettivamente ci fosse un unico caso, quel giocatore verrebbe isolato mentre la squadra potrebbe continuare a giocare. Se invece mi chiedete cosa capiterebbe nel caso in cui i contagi fossero più di uno non saprei cosa rispondere – conclude Serge Pelletier –. Per questo motivo aspettiamo di essere a conoscenza delle decisioni definitive da parte della Lega».

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
EHC Rofels
5769
2
HC Aspi Capitals
5696
3
HC Kaski Male
5643
4
HC TUT-TUT
5576
5
Team Belozoglu
5471
6
HCbierrafeu
5470
7
LucHC Lions
5469
8
GregBeaud
5448
9
HC Klo10Flies
5436
10
Chop
5413
TOP NEWS Sport
Qatar 2022
3 ore
Elvedi e Sommer non si sono allenati
Entrambi raffreddati alla vigilia di Svizzera-Serbia, hanno saltato la seduta di giovedì
I mondiali dal divano
10 ore
I segreti dei suoi occhi
Le Coppe del mondo passano, i ricordi restano. Poi diventano tesori nelle nostre memorie
QATAR
17 ore
In campo c’è solo l’Argentina, avanti con Mac Allister e Alvarez
Szczesny il migliore di una Polonia che passa per il rotto della cuffia. Al Messico non basta il 2-1 sull’Arabia Saudita
FREESTYLE
20 ore
Marco Tadé infortunato in Finlandia durante un allenamento
Il 26enne ticinese, già rimpatriato e ospedalizzato a Lugano, ha subito la rottura di quattro costole, di una clavicola e la perforazione di un polmone
QATAR 2022
21 ore
L’Australia raggiunge la Francia negli ottavi di finale
I ‘socceroos’ superano una deludentissima Danimarca con un gol di Leckie. Nell’altra partita, vittoria inutile della Tunisia
Calcio
22 ore
Pelé di nuovo ricoverato
O’Rey, che è malato di cancro, sarebbe in condizioni critiche
CICLISMO
22 ore
Morto Davide Rebellin, investito in bicicletta da un camion
Il dramma nel comune di Montebello Vicentino. Il 51enne italiano aveva chiuso la carriera nel 2022, dopo aver vinto Freccia (3 volte), Liegi e Amstel
Qatar 2022
23 ore
In silenzio Xhaka e Shaqiri
L’Asf, per evitare qualsiasi polemica coi serbi, impedisce di parlare ai due protagonisti della sfida di quattro anni fa
SCI ALPINO
1 gior
La lotta di Eliasch sui diritti tv potrebbe sfociare in crisi
Il nuovo presidente Fis intende centralizzarli, ma deve lottare contro l’opposizione di federazioni potenti come quelle svizzera, austriaca e tedesca
Calcio
1 gior
Il futuro della Juve fra rischi, Agnelli ed ex bandiere
Dopo le dimissioni del presidente e dell’intero CdA, per il club bianconero si apre un’era fitta di interrogativi
© Regiopress, All rights reserved