laRegione
30.03.21 - 22:08

Il Losanna spezza l'incanto e il Lugano si deve fermare

Dopo otto vittorie di fila i bianconeri costretti alla resa nello scontro diretto con i vodesi, che fanno la differenza segnando tre gol nel periodo centrale

il-losanna-spezza-l-incanto-e-il-lugano-si-deve-fermare
Duello ravvicinato tra Boltshauser e Morini (Ti-Press/Crinari)

Si ferma a otto vittorie la striscia di vittorie del Lugano. E la sconfitta arriva proprio nella sera dello scontro con il Losanna di Craig McTavish, giunto alla Cornèr Arena via Coira, dove ha pernottato al termine della sfida persa la sera prima a Davos, e va sul ghiaccio per la sua sesta partita in dieci giorni al pari degli stessi bianconeri, i quali per l'occasione ritrovano sì Julian Walker, schierato come tredicesimo attaccante, ma rispetto all'altra sera a Davos - oltre a Zurkirchen, vittima di un colpo alla testa nei Grigioni - devono fare a meno anche di Elia Riva, ammalato. 

Il Losanna prova subito ad aggredire il Lugano, e tra le tante occasioni la più grosse è il palo di Emmerton, al 11'05''. Di rimessa, però, anche i ticinesi si creano qualche occasione, soprattutto quelle capitate a Fazzini e al canadese Josephs. FInché, al 12'47'', contro l'andamento del gioco, arriva il vantaggio bianconero, nato in verità da un disco scippato dai vodesi in attaco a Troy Josephs. L'immediato recupero di Wolf dà però il la a un pericolosissimo contropiede a tre contro due per i bianconeri, con lo stesso Wolf che dopo aver fraseggiato con Lammer si presenta davanti a Boltshauser, la cui respinta viene ribadita in rete da Herburger.

Quel gol resiste fino alla prima pausa. Poi l'inizio di secondo tempo è scoppiettante: dopo dieci secondi, al primo affondo, Boedker centra una clamorosa traversa, poi una trentina di secondi dopo Jooris trova il modo di piazzare il disco alle spalle di Schlegel, ma il suo colpo di tacco alla Van Basten dei tempi che furono, di certo non può trovare gli arbitri d'accordo. Per gli ospiti, però, quello è solo l'inizio. Prima, al 26'11'', arriva il pareggio di Bozon, nove secondi dopo la fine di una penalità inflitta a Bürgler, dopo un centro di Almond che rimbalza causalmente addosso a Chiesa e si trasforma nel più comodo degli assist. Poi, al 33'27'', i vodesi operano il sorpasso, in mischia, con il tocco dello stesso Almond che s'infila tra i gambali di Schlegel, che riesce solo a toccarlo, senza bloccarne la corsa. Infine, al 38'40'' ecco pure il 3-1: nel tentativo di riviare un disco in uscita di terzo, Chiesa sventuratamente si ritrova il bastone spezzato tra le mani, ed è costretto a lanciarlo sul ghiaccio, con Bertschy che non crede ai suoi occhi, e il polsino del friborghese è una sventola che s'infila sotto l'asta.

Nel terzo tempo il Lugano non si dà per vinto, e prova a spingere per cambiare volto alla serata. Il Losanna, però, non cede. L'occasione migliore per i bianconeri arriva al 51': gran sventola di Fazzini sull'incrocio dei pali, poi miracoloso salvataggio di Boltshauser sul tocco in seconda battuta di Herburger. Il gol, però, non arriva. Neppure nel forcing finale, con il Losanna che si difende con ordine e se ne torna a casa con tre preziosi punti in tasca. 

Lugano - Losanna (1-0 0-3 0-0) 1-3

Reti: 12'47'' Herburger (Wolf, Lammer) 1-0. 26'11'' Bozon 1-1. 33'27'' Almond (Bozon) 1-2. 38'40'' Bertschy 1-3.

Lugano: Schlegel; Loeffel, Chiesa; Nodari, Wolf; Heed, Wellinger; Antonietti; Lammer, Herburger, Josephs; Bürgler, Arcobello, Boedker; Fazzini, Morini, Suri; Zangger, Sannitz, Haussener; Walker.

Losanna: Boltshauser; Barberio, Grossmann; Heldner, Frick; Krueger, Genazzi; Schneeberger; Almond, Malgin, Jooris; Bertschy, Emmerton, Kenins; Bozon, GIbbons, Hudon; Jäger, Froidevaux, Douay; Krakauskas. 

Arbitri: Nikolic (A), Salonen (Fin); Obwegeser, Progin

Note: partita a porte chiuse. Penalità: 4 x 2' + 1 x 10' contro il Lugano; 3 x 2' contro il Losanna. Tiri: 26-37 (7-17, 9-14, 9-5). Lugano privo di Bertaggia, Traber, Lajunen, Zurkirchen (tutti infortunati), Riva (ammalato), Vedova e Romanenghi (in soprannumero); Losanna senza Hudacek, Maillard (entrambi infortunati), Marti (squalificato) e Roth (straniero in soprannumero). Pali: 11'05'' Emmerton, 20'09'' Boedker, 50'45'' Fazzini. Al 20'45'' rete annullata a Jooris (tocco con il pattino). Al 57'00'' timeout chiesto dal Lugano, che gioca senza portiere 56'56'' al 58'40'', dal 59'00'' al 59'05'' e dal 59'20'' fino al termine. Premiati a fine partita, quali migliori giocatori in pista, Niklas Schlegel e Luca Boltshauser.

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
EHC Rofels
5420
2
HC Aspi Capitals
5399
3
HC Kaski Male
5355
4
HC TUT-TUT
5333
5
LucHC Lions
5176
6
ASIA TEAM
5158
7
SV Rokaner
5141
8
AmStars
5136
9
Team Belozoglu
5136
10
HC Klo10Flies
5134
TOP NEWS Sport
Qatar 2022
8 ore
Un missile di Fullkrug tiene in corsa i tedeschi
Finisce in parità la sfida più attesa tra una Spagna che dovrà stare attenta al Giappone e una Germania che si gioca tutto con il Costarica
Sci
10 ore
Wendy, il gran giorno è arrivato. Ma lo deve condividere
Sulle nevi del Vermont la svittese centra infine un trionfo nello slalom che inseguiva da una vita. A far festa con lei, però, c’è anche Larson
Qatar 2022
10 ore
Senza Neymar l’esame di maturità di Yakin
Il tecnico rossocrociato, che 15 mesi fa allenava ancora in Challenge League, contro il Brasile non disporrà di Okafor
Qatar 2022
11 ore
Davies illude il Canada, Kramaric lo elimina
La Croazia rimonta grazie soprattutto a una doppietta della punta dell’Hoffenheim
IL DOPOPARTITA
12 ore
Un weekend in bianco: ‘Restiamo positivi, meritavamo di più’
L’Ambrì rende nuovamente la vita dura allo Zurigo, che però trova il modo di spuntarla. ‘La fortuna? Non è stata dalla nostra, ma bisogna anche cercarla’
QATAR 2022
13 ore
Belgio sconfitto, a Bruxelles scoppiano disordini
La polizia è intervenuta con cannoni ad acqua per disperdere i tifosi facinorosi. Le autorità hanno chiesto alla popolazione di non recarsi in centro
QATAR 2022
14 ore
‘Battere il Brasile? Non mi stupirebbe’
Nestor Subiat fiducioso sulle qualità della Nazionale svizzera. ‘E per l’Argentina il Mondiale inizia adesso’. Il ricordo del 1994 e di Andres Escobar
Qatar 2022
14 ore
Marocco troppo forte per il Belgio
Dopo il pareggio coi croati vicecampioni del mondo, i magrebini colgono la posta piena coi Diavoli rossi
Qatar 2022
16 ore
Bandiera del Kosovo nello spogliatoio serbo: ‘Fifa ipocrita’
Criticata dal governo della Serbia la decisione di avviare un procedimento disciplinare contro la locale Federcalcio per il vessillo esposto ai Mondiali
Tennis
17 ore
Coppa Davis, nelle qualificazioni Svizzera-Germania
Trasferta impegnativa per i rossocrociati, che sfideranno Zverev e compagni all’inizio di febbraio
© Regiopress, All rights reserved