laRegione
lugano-la-trasferta-a-davos-frutta-altri-due-punti
Marc Arcobello cerca di frenare la corsa del grigionese Chris Egli (Keystone)
27.03.21 - 22:22
Aggiornamento: 28.03.21 - 17:08

Lugano, la trasferta a Davos frutta altri due punti

In vantaggio prima 4-1 e poi 5-2 i bianconeri per la prima volta in stagione sono costretti ad arrivare ai rigori, dove decidono Fazzini, Boedker e Josephs

Ottava vittoria di fila per il Lugano di Serge Pelletier. Anche se stavolta i punti sono soltanto due, in un sabato sera in cui i primi a passare sono proprio i ticinesi, già al secondo minuto di gioco. E in quell'azione ci mette nuovamente lo zampino il nuovo arrivato Troy Josephs, che scippa il disco a Jung, quindi Lammer e Herburger seminano scompiglio nello slot, e Mayer può soltanto restare a guardare. Poi, un paio di minuti dopo, quando Heed finisce sulla panca dei cattivi per uno sgambetto ai danni di Corvi, il Lugano va subito vicino al 2-0, dopo un gran lavoro di Boedker che porta il disco fin dentro al terzo, e sull'accorrente Wellinger il portiere del Davos è costretto a superarsi. Alla fine, però, Il raddoppio ticinese arriva. Nell'epilogo di tempo, quando i bianconeri si mettono a monopolizzare il disco, con i cinque del Davos che si trascinano sul ghiaccio sfiniti, schiacciati come sono nel loro terzo per un minuto abbondante: il puck gestito da Arcobello dietro la gabbia viene messo in mezzo per Boedker, che infila Mayer sul palo più vicino. 

Una penalità inflitta a Morini sul finire del tempo, ancora per sgambetto, riporta però i grigionesi in partita all'inizio del tempo di mezzo: bastano ventitré secondi a Marc Wieser per mettere alle spalel di Zurkirchen il provvisorio 1-2. Tuttavia, la speranza per i padroni di casa è di brevissima durata: la sanzione successiva, un aggancio fischiato a Sund, porta un caparbio Lammer a trovare il terzo gol al 24'49''. E il ventottenne attaccante zurighese che non segnava da una vita, ovvero dal 31 gennaio del 2020 (!), addirittura si ripete al 27'43'', dopo una splendida sgroppata di Romain Loeffel.

La brutta fine del bastone di Mayer

L'1-4 è il gol di troppo per Robert Mayer. Infuriato, l'ex portiere del Servette frantuma il bastone sul palo della propria porta (tra le proteste della panchina bianconera) e visibilmente infuriato s'avvia verso la panchina grigionese, mentre Marc Aeschlimann ne prende il posto sul ghiaccio. Una nuova infrazione, stavolta sul conto di Josephs, permette nuovamente al Davos di provare a rifarsi sotto, al 35'00'', con Ullström. Tuttavia non passano che ventisei secondi e l'attaccante canadese piovuto da Visp trova subito il modo di farsi perdonare, freddando Marc Aeschlimann con un gran polsino nel 'sette'. In un secondo tempo delle porte aperte, tuttavia, non finisce lì: una disattenzione bianconera permette a Frehner di trovarsi tutto solo davanti a un Zurkirchen che nulla può (3-5 al 38'31''), mentre a un minuto esatto dalla seconda sirena arriva persino anche il 4-5, con un tiro dalla distanza del solito Nygren.

In pista con Schlegel al posto di Zurkirchen, per i bianconeri l'inizio del terzo tempo non è tanto diverso dalla fine del secondo. Infatti, un tiro certo non imparabile ancora di Ullström finisce tra i gambali del numero 39, il quale inavvertitamente completa l'opera dell'insperata rimonta grigionese (del resto, il Lugano ancora al 36' si trovava avanti di tre gol) spingendo il disco in porta con il pattino, prima del definitivo tocco di Corvi. Schlegel che al 45'18'' deve pure ringraziare la traversa, su un tiro a botta sicura di Sund, mentre al 46'41'' il palo dice di no a un tentativo di Herzog. Insomma, il Davos non è più quello di prima. Ma a poco a poco il Lugano torna ad affacciarsi in attacco. Finché a tre minuti dalla fine Marc Aeschlimann deve fare gli straordinari per riuscire a fermare i tentativi ravvicinati di Herburger e Loeffel. Il risultato però non muterà più fino al sessantesimo, così si va al prolungamento per stabilire il nome del vincitore. Dove il Lugano beneficia di una superiorità numerica per una bastonata di Herzog a Fazzini, con lo stesso Fazzini che a powerplay ormai concluso va a colpire una traversa a dir poco clamorosa. Alla fine, e per la prima volta in stagione, i bianconeri sono così costretti ad andare fino ai rigori, dove a decidere tutto sono le conclusioni di Fazzini, Boedker e Josephs. 

Davos - Lugano (0-2 4-3 1-0 0-0; 0-1) d.r. 5-6

Reti: 1'51'' Herburger (Lammer) 0-1. 19'05'' Boedker (Arcobello, Bürgler) 0-2. 20'23'' Marc Wieser (Ullström, Corvi/esp. Morini) 1-2. 24'49'' Lammer (Bürgler/esp. Sund) 1-3. 27'43'' Lammer (Loeffel) 1-4. 35'00'' Ullström (esp. Josephs) 2-4. 35'26'' Josephs 2-5. 38'31'' Frehner (Baumgartner) 3-5. 39'00'' Nygren (Herzog) 4-5. 41'07'' Corvi (Ullström) 5-5. Rigori: Fazzini 0-1, Palushaj -; Arcobello -, Ullström -; Boedker 0-2, Ambühl 1-2; Josephs 1-3, Marc Wieser -  

Davos: Mayer (27'43'' Sandro Aeschlimann); Nygren, Sund; Guerra, Heinen; Jung, Hänggi; Barandun, Stoop; Herzog, Egli, Frehner; Ullström, Corvi, Palushaj; Ambühl, Nussbaumer, Marc Wieser; Baumgartner, Marc Aeschlimann, Kienzle.

Lugano: Zurkirchen (dal 40'00'' Schlegel); Loeffel, Chiesa; Heed, Wellinger; Wolf, Nodari; Riva; Bürgler, Arcobello, Boedker; Fazzini, Morini, Suri; Lammer, Herburger, Josephs; Zangger, Sannitz, Haussener; Romanenghi.

Arbitri: Tscherrig, Lemelin (Usa); Pitton, Steenstra (Can)

Note: partita a porte chiuse. Penalità: 6 x 2' contro il Davos; 3 x 2 contro il Lugano. Tiri: 37-38 (8-14, 15-16, 11-8, 0-2). Davos senza Dino Wieser, Du Bois, Paschoud, Rubanik (tutti infortunati) e Turunen (straniero in soprannumero); Lugano privo di Bertaggia, Traber, Lajunen, Walker (tutti infortunati), Antonietti e Vedova (in soprannumero). Pali: 45'18'' Sund, 46'41'' Herzog. Al 62'23'' timeout chiesto dal Lugano. Premiati quali migliori giocatori in pista Chris Egli e Dominic Lammer.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
davos hc lugano hcl hockey club lugano lugano national league
Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Calcio
13 ore
Il Lugano stende il Basilea ed espugna il St. Jakob Park
La truppa di Mattia Croci-Torti ha superato i renani all’ultimo respiro con il punteggio di 2-0
Nuoto
15 ore
Noè Ponti è d’argento agli Europei
Il campione ticinese ha colto la seconda posizione nei 100m delfino, dietro all’imprendibile Krisof Milak.
Tennis
1 gior
Wawrinka contro Murray come prima portata a Cincinnati
Sfida dal sapore nostalgico all’Atp 1000 a stelle e strisce, tra il vodese (Atp 3222) e lo scozzese, numero 48 delle gerarchie
Nuoto
1 gior
Noè Ponti davanti a tutti nelle qualificazioni
Il locarnese vola in semifinale dei 100 m delfino con il miglior tempo e nuovo primato nazionale: 51"56
il ritratto
2 gior
Serena Williams, il tennis corpo a corpo
Lascia dopo 23 Slam. Il suo fisico massiccio ed esplosivo è sempre stato al centro dell’attenzione, mostrando il razzismo di chi la criticava
calcio
2 gior
Bellinzona in letargo, l’Aarau ne approfitta
Brutta prestazione e seconda sconfitta stagionale per i granata, mai realmente in partita contro gli argoviesi: uno 0-4 che non fa una grinza.
hockey
2 gior
L’Ambrì ne fa sei ai Rockets
L’amichevole di Biasca finisce sull’1-6, in gol i nuovi acquisti Hofer, Zündel, Shore e Chlapik e per i biaschesi di Bennett
nuoto
2 gior
Roman Mityukov migliora il suo record nei 200 dorso
Il 22enne migliora il suo stesso primato e si qualifica per la finale con il primo tempo assoluto. Ugolkova ottava nei 100 stile libero
Altri sport
2 gior
Ducarroz soltanto quinta
Due sbavature tengono la ginevrina fuori dal podio continentale
ATLETICA
2 gior
Crouser e Lavillenie al Galà dei Castelli
Altri due nomi importanti si aggiungono alla lista dei presenti al meeting del prossimo 12 settembre. Il pesista Usa è fresco di titolo mondiale a Eugene
© Regiopress, All rights reserved