laRegione
Spagna
0
Germania
0
1. tempo
(0-0)
Zugo
1
Zurigo
3
1. tempo
(1-3)
laR
 
11.03.21 - 19:10
Aggiornamento: 19:37

‘Sarà tutto un altro Ambrì rispetto a quello di domenica’

È un Kneubuehler determinato quello che lancia il quinto derby stagionale: ‘Ogni sfida col Lugano è speciale, ma questa lo sarà ancora di più’

sara-tutto-un-altro-ambri-rispetto-a-quello-di-domenica

C’è voglia di riscatto in Leventina. Per un Ambrì Piotta che domani disputerà il suo ultimo derby nella vecchia Valascia, reduce da quattro sconfitte consecutive di cui la penultima domenica proprio contro il Lugano. «Sarà una partita ancora più speciale – sottolinea un determinato Johhny Kneubuehler –. Per un motivo o per l’altro, questo derby è carico di significati. Non dico che ci sarà più pressione del solito, ma che stavolta più che mai dovremo dare il massimo e oltre: abbiamo qualcosa da dimostrare a noi stessi e al nostro pubblico, che nonostante l’impossibilità di seguirci dalle tribune sicuramente lo farà dalla televisione, e lo vogliamo fare nel miglior modo possibile. Vogliamo contribuire a scrivere un’altra pagina di storia dell’Ambrì. So quanto partite come queste stiano a cuore ai tifosi, e anche per questo mi sento in dovere di fare il possibile per realizzare i loro sogni».

Tra il derby di domenica a quello di domani c’è però di mezzo la pesante sconfitta alle Vernets: come ci si rialza dopo una simile caduta? «Mentirei se dicessi che una sconfitta così non ci abbia fatto male. Abbiamo cercato di individuare le cause di quel kappaò, come pure quelle che domenica ci avevano portato alla sconfitta contro il Lugano. Ci sono parecchie cose che devono essere migliorate, ma c’è anche l’atteggiamento giusto per farlo per davvero: vogliamo reagire, lo vogliamo per noi e per i nostri tifosi». E cosa, in particolare, dovrà cambiare rispetto al derby di domenica? «Tante cose. A cominciare dal nostro modo di giocare, dalla mentalità con cui siamo scesi in pista per affrontare quel confronto. Sono comunque convinto che tutti i telespettatori che guarderanno questa partita vedranno tutto un altro Ambrì rispetto a quello di domenica». Con un bottino di quattro reti e sei assist in 37 partite, il 24enne originario di Reiden ma cresciuto nelle giovanili del Ginevra sta vivendo la stagione sin qui più prolifica in National League: di che essere soddisfatto... «I motivi per essere soddisfatto non mi mancano. A cominciare dal fatto che quest’anno non ho avuto grossi infortuni, e di questo posso essere grato. E soddisfatto lo posso anche essere per lo spazio che Cereda mi dà sul ghiaccio. Ma so anche bene che migliorare è sempre possibile».

Da diverse partite Cereda ti ha messo in linea con Perlini e Flynn per formare uno dei terzetti offensivi tra i più in luce ultimamente... «L’intesa con loro va benone. Giocare in prima linea, al fianco di due stranieri, comporta una certa responsabilità, ma non mi spaventa: accetto questo ruolo e faccio di tutto per essere all’altezza del compito che il coach mi ha affidato. E, comunque, non è che la prima linea sia tanto diversa dalle altre: qui ad Ambrì giochiamo con quattro blocchi, e da ognuno ci si aspetta la medesima intensità. Sono preciò persuaso che indipendentemente dal fatto che io giochi in prima o in quarta linea, l’intensità che ci metterei in pista sarebbe la stessa. Ad ogni modo il fatto di poter giocare in linea con giocatori come Flynn e Perlini è una bella occasione per me: sono entrambi molto bravi. Specie Perlini: si vede che ha alle spalle un trascorso in Nhl; Brendan crea molte occasioni da rete, oltre che a portare uno spirito positivo dentro lo spogliatoio e in pista. Anche se è vero che nelle ultime partite abbiamo trascorso parecchio tempo in difesa...».

La sconfitta di Ginevra e il concomitante successo del Rapperswil a Zurigo di martedì di fatto hanno riacceso la bagarre per l’accesso ai pre-playoff: la guardi la classifica? «Sì, ogni giorno... Ormai quest’anno, con partite quasi tutti i giorni della settimana, è inevitabile che con occhio sia costantemente puntato sulla graduatoria, per capire un po’ cosa sta succedendo. Adesso effettivamente la lotta per chiudere tra le prime dieci si è fatta ancora più serrata, ma ad ogni buon conto quello che è successo finora fa parte del passato: ora dobbiamo pensare al presente, prendendo più che mai una partita alla volta, cominciando dal derby di stasera. Se vogliamo arrivare da qualche parte dobbiamo vincere la prossima partita, e poi quella dopo e quella dopo ancora, e via discorrendo».

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
EHC Rofels
5420
2
HC Aspi Capitals
5399
3
HC Kaski Male
5355
4
HC TUT-TUT
5333
5
LucHC Lions
5176
6
ASIA TEAM
5158
7
SV Rokaner
5141
8
AmStars
5136
9
Team Belozoglu
5136
10
HC Klo10Flies
5134
TOP NEWS Sport
Sci
51 min
Wendy, il gran giorno è arrivato. Ma lo deve condividere
Sulle nevi del Vermont la svittese centra infine un trionfo nello slalom che inseguiva da una vita. A far festa con lei, però, c’è anche Larson
Qatar 2022
57 min
Senza Neymar l’esame di maturità di Yakin
Il tecnico rossocrociato, che 15 mesi fa allenava ancora in Challenge League, contro il Brasile non disporrà di Okafor
Qatar 2022
1 ora
Davies illude il Canada, Kramaric lo elimina
La Croazia rimonta grazie soprattutto a una doppietta della punta dell’Hoffenheim
IL DOPOPARTITA
2 ore
Un weekend in bianco: ‘Restiamo positivi, meritavamo di più’
L’Ambrì rende nuovamente la vita dura allo Zurigo, che però trova il modo di spuntarla. ‘La fortuna? Non è stata dalla nostra, ma bisogna anche cercarla’
QATAR 2022
3 ore
Belgio sconfitto, a Bruxelles scoppiano disordini
La polizia è intervenuta con cannoni ad acqua per disperdere i tifosi facinorosi. Le autorità hanno chiesto alla popolazione di non recarsi in centro
QATAR 2022
4 ore
‘Battere il Brasile? Non mi stupirebbe’
Nestor Subiat fiducioso sulle qualità della Nazionale svizzera. ‘E per l’Argentina il Mondiale inizia adesso’. Il ricordo del 1994 e di Andres Escobar
Qatar 2022
4 ore
Marocco troppo forte per il Belgio
Dopo il pareggio coi croati vicecampioni del mondo, i magrebini colgono la posta piena coi Diavoli rossi
Qatar 2022
6 ore
Bandiera del Kosovo nello spogliatoio serbo: ‘Fifa ipocrita’
Criticata dal governo della Serbia la decisione di avviare un procedimento disciplinare contro la locale Federcalcio per il vessillo esposto ai Mondiali
Tennis
7 ore
Coppa Davis, nelle qualificazioni Svizzera-Germania
Trasferta impegnativa per i rossocrociati, che sfideranno Zverev e compagni all’inizio di febbraio
Qatar 2022
7 ore
Il Costarica batte il Giappone e riapre il gruppo E
I nipponici, che all’esordio avevano superato la Germania, vengono beffati a 10’ dal termine (1-0) dal solo tiro subito
© Regiopress, All rights reserved