laRegione
mcnamara-pronto-in-rampa-di-lancio-dei-rockets
A Bienne una parentesi durata sei anni (Keystone)
Hockey
07.07.20 - 06:100

McNamara pronto in rampa di lancio dei Rockets

Otto anni dopo la sua partenza (da Lugano), il 71enne tecnico ritrova il Ticino. 'A Biasca mi attende una bella sfida'

Quando risponde al telefono, Mike McNamara sta preparandosi per andare sul ghiaccio a dirigere l’allenamento conclusivo con i Novizi. Sono gli ultimi giorni a Bienne per il 71enne tecnico canado-americano, che da agosto vestirà i panni di assistente allenatore di Eric Landry alla transenna dei Ticino Rockets. «Sarò in Ticino già nei prossimi per regolare le principali questioni amministrative, e non da ultimo trovare una sistemazione più a medio termine visto che ora come ora mi è stato organizzato qualcosa di molto temporaneo», sottolinea McNamara. Che, otto anni dopo averlo lasciato - quando cioè il Losanna lo aveva prelevato da Lugano (dove allenava gli Juniores Elite) per affidargli il ruolo di braccio destro di Gerd Zenhäusern sulla panchina dei vodesi, allora nel campionato cadetto - si appresta dunque a far ritorno in Ticino. Con che sentimenti? «Nello sport, gran parte dei rapporti di lavoro arrivano alla loro fine o perché la società non è contenta del tuo operato, o perché tu ti sei trovato in disaccordo con il club. Ma tra me e il Bienne non è andata così, anzi… Quella di lasciare il club non è stata una decisione facile, anche perché qui mi sono sempre trovato bene. Allo stesso tempo la prospettiva di poter tornare a lavorare in Ticino mi stuzzicava, e alla fine mi sono lasciato convincere». E così, sei anni dopo essere sbarcato a Bienne, per McNamara è dunque venuto il momento di lasciare il canton Berna.

Ciò che ti attende alla BiascArena non è però un compito all’acqua di rose… «Sul piano sportivo è sicuramente una sfida molto grande. Ma proprio per questo non vedo l’ora di cominciare: sotto questo aspetto gli stimoli non mi mancheranno di certo».

Da settembre, alla transenna dei ticinesi, come detto, ci sarà dunque l’inedita coppia McNamara-Landry: da dove nasce questa sinergia? «Di persona non ci siamo ancora incontrati, ma ho parlato con Eric un paio di volte, soprattutto per farmi un’idea del tipo di gioco che lui si aspetta dalla squadra. E da quanto mi è parso di capire, siamo sulla stessa lunghezza d’onda. Ma non siamo andati oltre, anche perché prima di tutto dobbiamo capire quando sarà disponibile il ghiaccio per poter lavorare: la pandemia ha evidentemente rallentato un po’ tutto, lasciando sul campo parecchie incognite. Tutti punti interrogativi a cui spero di poter dare risposta con il mio primo ritorno in Ticino nei panni di futuro assistant coach dei Rockets».

Già, il coronavirus che a Bienne ha fatto la sua comparsa pure all’interno dello spogliatoio della prima squadra: come l’avete vissuta la situazione lì? «Messo il punto finale in fretta e furia alla passata stagione, abbiamo giocoforza dovuto iniziare l’avvicinamento a quella entrante in modo non convenzionale: ognuno ha ricevuto il suo programma individuale degli allenamenti via computer. Poi, dopo il lockdown, quando il mondo sportivo si è pian piano rimesso in moto, abbiamo potuto pure noi riprendere gli allenamenti, ma sempre attenendosi a rigorose norme per evitare ogni rischio di contagio. Anche perché non è ancora tempo di abbassare la guardia: il sensibile aumento dei casi di persone infette degli scorsi giorni è lì a dimostrarlo».

‘Swiss League ridimensionata dalla pandemia’

Senza l’assillo di dover lottare per la salvezza, quali saranno i vostri compiti per la prossima stagione? «I Rockets sono da sempre un trampolino di lancio per i giovani delle società partner in National League, e quest’anno tale vocazione della squadra sarà ancora più marcata. Il fatto che abbiano deciso di affidare a me il ruolo di braccio destro di Landry non è del resto frutto del caso…». Parole, quelle di McNamara, che trovano riscontro nei risultati di spessore a livello nazionale centrati dalle squadre giovanili dei Seeländer a cui il 71enne ha messo mano, e nell’alto numero di giovani plasmati proprio da McNamara e ora pronti per fare il grande passo e calcare la ribalta del massimo campionato a Bienne: «Quest’anno ci sono ben cinque giovani nati nel 2000 nell’orbita della prima squadra, e sono persuaso che quattro di loro saranno impiegati con regolarità».

Formazione ma non solo però: quali saranno i vostri obiettivi sul piano sportivo in quel di Biasca? «Sia io sia Eric, che me l’ha ribadito quando ci siamo sentiti, speriamo ovviamente di abbellire la nostra stagione con qualche vittoria in più rispetto alle stagioni passate. Anche perché, complice la situazione che è venuta a crearsi con questa pandemia, molte formazioni del campionato cadetto sono costrette a ridimensionare il loro budget. Langenthal e Chaux-de-Fonds, tanto per citare due esempi, hanno già detto di voler puntare sui loro giovani, con i bernesi intenzionati a iniziare il campionato senza stranieri. Cosa che del resto potrebbe essere il caso anche per noi. La mia impressione è che la pandemia abbia innescato una sorta di processo che porterà la Swiss League a diventare una piazza di formazione in modo ancora più significativo che in passato».

HOCKEY: Risultati e classifiche

HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Calcio
9 ore
Il Chiasso cambia rotta: esonerato il tecnico Alessandro Lupi
L'avventura dell'allenatore italiano sulla panchina rossoblù termina dopo appena una stagione. Prende il suo posto Giovanni Zichella, direttore tecnico Ezequiel Carboni
Altri sport
12 ore
Francia, bufera #MeToo: coinvolti 20 allenatori di pattinaggio
In un lungo rapporto commissionato dal ministero dello sport di Parigi viene confermato il clima di omertà in seno alla Fédération des Sports de Glace
Basket
15 ore
Due nuovi stranieri per i Lugano Tigers
In vista della prossima stagione di Lna il club sottocenerino ha annunciato l'ingaggio del playmaker Derek Jackson e dell'ala Elijah Minnie, entrambi statunitensi.
Atletica
16 ore
Al Galà con Del Ponte il meglio dell'atletica svizzera
Per l'appuntamento del 15 settembre a Bellinzona (diretta Rsi) confermato tra gli altri Jason Joseph (record nazionale e secondo tempo mondiale sui 110 ostacoli)
MotoGp
19 ore
Marquez operato una seconda volta al braccio fratturato
Per il campione spagnolo sostituzione della placca di titanio che era stata utilizzata per riparare l'omero rotto per una caduta in gara.
CALCIO
1 gior
Il Lugano chiude con tre punti, il Thun va allo spareggio
L'ultimo turno di Super League condanna i bernesi e salva il Sion dopo un'emozionante altalena di risultati. I bianconeri di Jacobacci terminano al quinto posto
CALCIO
1 gior
Jordan Lotomba lascia lo Young Boys alla volta di Nizza
Il laterale vodese ha annunciato il trasferimento a pochi giorni dalla conquista del terzo titolo nazionale. Se ne andrà da Berna anche il danese Sörensen
CALCIO
1 gior
La Fifa ribadisce: infondate le accuse contro Infantino
Caso Lauber: 'Sarebbe meglio occuparsi dei vecchi casi con sospetti ben più gravi', ha affermato in una conferenza stampa il vice segretario Alasdair Bell
Gallery
Hockey
1 gior
Pelletier (Hc Lugano): ‘Lavoriamo sulla velocità del gioco’
Primo allenamento sul ghiaccio per i bianconeri. Mikkel Boedker: ‘Volevo una nuova esperienza in Europa, il Lugano mi ha dato determinate garanzie’
Gallery
Triathlon
1 gior
Bilham domina, Engelhardt corre come il vento
I portacolori del KeForma Performance Team in evidenza all'Aronamen. Adriano, fuori classifica per un guasto alla bici, corre 21 km in 1h09'42
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile