laRegione
Hockey
17.01.20 - 22:100

Con l'amaro in bocca

I leventinesi escono sconfitti da Zugo 3-1 al termine di una prova più che decorosa.

L’Ambrì si presenta a Zugo senza Matt D’Agostini (malato), al suo posto c’è Sabolic. Assente pure Mazzolini, infortunato. Nei leventinesi torna a disposizione capitan Bianchi. In porta c’è Manzato, che festeggia il suo 36esimo compleanno. I locali possono contare sul ritorno di Capitan Diaz e Bachofner.

Il primo tempo è molto equilibrato, l’Ambrì con il suo forechecking complica la vita ai locali che fanno molta fatica a ricamare trame. Le vere occasioni da rete sono poche, Müller falliisce la migliore e Dotti impegna severamente Genoni con un bel tiro. Lo Zugo si rende minaccioso solo con Klingberg. A 12 secondi dalla sirena arriva la doccia fredda. Il “buebetrickli” di Thorell viene deviato nella propria porta in maniera sfortunata da Flynn (che porta il casco giallo di topscorer) e così lo Zugo va alla prima pausa in vantaggio per 1-0.

Anche il secondo tempo è combattuto, le vere opportunità da rete sono rare. Un po’ dal nulla arriva il raddoppio di Morant al 28’. L’Ambrì, abile a respingere diverse situazioni di powerplay, non molla e al 35’ dimezza lo scarto con Trisconi. Da notare anche un palo di Hofmann. Da parte leventinese c’è da recriminare per due bastonate in faccia ricevute da Zwerger e non sanzionate.

Nel terzo periodo l’Ambrì ci prova, Müller fallisce qualche buona occasione. Più scaltro lo Zugo che al 47’ segna il terzo punto con Klingberg. È in sostanza il punto che chiude la contesa. I locali si limitano ad amministrare il vantaggio, mentre l’Ambrì si prodiga nel cercare la rimonta miracolosa, ma non riesce nell’intento.

 

TOP NEWS Sport
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile