laRegione
FORMULA 1
10.10.22 - 18:14
Aggiornamento: 19:35

La Red Bull ha sforato il budget cap, ma rischia sanzioni lievi

La Federazione internazionale ha concluso l’inchiesta. Le infrazioni del 2021 non rischiano di costare a Max Verstappen il suo primo titolo mondiale

la-red-bull-ha-sforato-il-budget-cap-ma-rischia-sanzioni-lievi

La Red Bull non deve temere una severa penalizzazione per il superamento del tetto di spesa nel 2021. Questo perché l’infrazione è considerata una violazione minore, come annunciato dalla Federazione internazionale dell’automobile (Fia).

Dopo mesi di indagini, la Fia ha scoperto che la Red Bull ha sforato il budget cap, spendendo, nella stagione in cui Max Verstappen si era laureato per la prima volta campione del mondo, più soldi di quanto consentito dal regolamento.

Come ha annunciato oggi l’organo di governo mondiale dell’automobilismo, l’anno scorso la squadra corse ha superato di poco il limite di spesa stabilito. Il rapporto mostra che anche la Red Bull, come il team Aston Martin di Sebastian Vettel, ha violato le regole procedurali nell’ambito delle linee guida sul budget.

La Fia intende ora esaminare eventuali sanzioni nei confronti delle due scuderie. L’organo di governo ha sottolineato che le infrazioni delle squadre potrebbero comportare sanzioni finanziarie e sportive. Tuttavia, la detrazione obbligatoria dei punti del Campionato del mondo e nel Campionato costruttori avverrebbe solo se il budget cap di 148,6 milioni di dollari fosse superato in modo importante (oltre il 5%). Siccome l’infrazione sembra essere sensibilmente minore, il primo titolo iridato di Verstappen non appare in pericolo.

Il tetto massimo dei costi è stato pensato per aumentare le pari opportunità, anche se non sono incluse voci importanti come gli stipendi dei piloti. Il piano è stato elaborato congiuntamente da tutti i team.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Calcio
7 ore
‘Tifosi granata, stateci sempre vicini’
A due giorni dalla ripresa del campionato cadetto, il nuovo coach dell’Acb Stefano Maccoppi fa il punto della situazione e presenta tre nuovi arrivi
MOUNTAIN BIKE
21 ore
Nel 2023 per Filippo Colombo soffia un vento di novità
Il biker ticinese ha cambiato squadra (è passato alla Scott) e con la Q36.5 vuole intensificare l’attività su strada. ‘Ma punto a Cdm e Mondiali di mtb’
hockey
23 ore
Anche un po’ di Ticino alla finale di Champions League
Il linesman Eric Cattaneo selezionato per arbitrare Luleå-Tappara Tampere il prossimo 18 febbraio. Con lui Stolc e due tedeschi
Basket
23 ore
Ufficiale, Sefolosha a Vevey
Il primo svizzero ad aver giocato nella Nba torna a 38 anni nel club con cui aveva esordito
tennis
1 gior
Australian Open, continua la marcia di Aryna Sabalenka
La bielorussa accede alla finale di Melbourne dopo aver eliminato in due set 7-6 6-2 la polacca Magda Linette. Ora affronterà la kazaka Rybakina
Tennis
1 gior
Elena Rybakina prima finalista degli Australian Open
La kazaka ha eliminato in due set (7-6, 6-3) la bielorussa Viktoria Azarenka
Calcio
1 gior
Abramovich, Todd Boehly e il calciomercato del Chelsea
Il nuovo padrone dei Blues, dopo aver fatto piazza pulita dello staff, ha adottato un’innovativa e azzardata politica di ingaggio dei giocatori
COSE DELL'ALTRO MONDO
1 gior
Il sogno prosegue, Mr. Irrelevant non si vuole più svegliare
Brock Purdy ha vinto l’undicesima partita consecutiva, portando San Francisco alla finale della Nfc. A Kansas City brividi per l’infortunio a Pat Mahomes
Sci
1 gior
A Schladming arriva il gran giorno di Loïc Meillard
Il 26enne di Hérémence conquista infine il primo trionfo in gigante, lasciandosi alle spalle il grigionese Gino Caviezel in un mercoledì da incorniciare
SPORT
1 gior
Discriminazione nello sport, Berna scende in campo
Etica e competizione, il Consiglio federale vara un pacchetto di misure volte a rafforzare, in particolare, la protezione dei giovani atleti
© Regiopress, All rights reserved