laRegione
09.09.22 - 08:45
Aggiornamento: 15:10

La traccia di Regazzoni nei 100 anni di Monza

Sul leggendario circuito brianzolo il pilota luganese, in Formula 1, riuscì a imporsi in ben due occasioni

la-traccia-di-regazzoni-nei-100-anni-di-monza

Il circuito di Monza, dove domenica si correrà il Gp d’Italia, compie proprio in questi giorni 100 anni ed è impossibile per gli sportivi ticinesi dimenticare i successi colti laggiù da Clay Regazzoni. Ben due volte, infatti, il pilota luganese riuscì a vincere al volante della Ferrari sulla pista forse più iconica della Formula 1. E furono proprio quei due trionfi sul tracciato brianzolo a fare di lui un idolo del popolo del Cavallino rampante, amato dalla gente ancora oggi con la stessa intensità di cinquant’anni fa. Clay firmò la prima vittoria a Monza il 6 settembre del 1970 – malgrado una perdita di benzina nei giri conclusivi – davanti al britannico Jackie Stewart su March e al francese Jean-Pierre Beltoise, che all’epoca guidava una Matra. Per il ferrarista di Porza, che aveva esordito nel giugno di quell’anno, si trattò fra l’altro della prima affermazione nella categoria regina del motorismo. Memorabili, a fine gara, l’invasione del rettilineo del traguardo e l’abbraccio in cui i tifosi, pazzi di gioia, strinsero il pilota che ancora si trovava nell’abitacolo. Quel weekend, purtroppo, viene ricordato anche per il tragico incidente occorso a Jochen Rindt, che il sabato - giorno del 31° compleanno di Clay - in qualifica perse il controllo della sua vettura prima della Parabolica e trovò la morte in seguito allo schianto contro il guard-rail. Il pilota austro-tedesco della Lotus era primo nella classifica del Mondiale e per il resto della stagione non fu mai raggiunto da alcun avversario, diventando dunque campione iridato quand’era già scomparso.

Il bis, cinque anni dopo

La festa in pista fu ancora più impressionante in occasione dell’altro successo monzese di Regazzoni, il 7 settembre 1975, durante il secondo passaggio in Ferrari del luganese dopo una breve parentesi alla Brm. I sostenitori della Rossa quel giorno celebrarono molto di più il pilota svizzero - vincitore di giornata - che non il suo compagno di scuderia Niki Lauda, che chiudendo terzo dietro Fittipaldi si laureò matematicamente campione del mondo, riportando a Maranello un titolo che mancava da 11 anni. L’austriaco, pur fortissimo al volante, non era infatti così amato come il ticinese, probabilmente per via del distacco che sempre manteneva fra sé e il resto del mondo. Il Clay invece era l’opposto: generoso e istintivo in pista, cordiale e sempre disponibile coi meccanici, la stampa e i tifosi. La gente dunque lo ha adorato, e continua a farlo malgrado sia scomparso ormai da 16 anni, benché - proprio come Gilles Villeneuve - abbia vinto meno spesso di altri piloti. I ferraristi, non a caso, ai Mondiali portati a casa da Sheckter (1979) o Raikkonen (2007) continuano a preferire il titolo solo sfiorato da Regazzoni nel 1974, sfumato soltanto all’ultima corsa stagionale per colpa della sfortuna e dell’ostinazione dei dirigenti, che per tutto l’anno continuarono a privilegiare Lauda benché ad avere i risultati migliori fosse il ticinese.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
QATAR 2022
41 min
Murat Yakin ammette: ‘Sono responsabile di quanto successo ieri’
Conferenza stampa di bilancio per la Svizzera a poche ore dall’uscita di scena dal Mondiale
Hockey
4 ore
Fischer chiama Mirco Müller, Calvin Thürkauf (e Michael Fora)
A Friborgo, per gli Swiss Ice Hockey Days, il selezionatore dei rossocrociati schiererà due bianconeri
Ciclismo
5 ore
Charly Gaul, l’uomo delle imprese leggendarie
In occasione di ciò che sarebbe stato il suo 90° compleanno, ricordiamo la storia vincente ma triste del ciclista lussemburghese, scalatore leggendario
Qatar 2022
18 ore
Shaqiri: ‘Dobbiamo solo chiedere scusa alla gente’
Enorme la delusione rossocrociata al termine di una gara in cui nulla ha funzionato come ci si attendeva
gallery
Qatar 2022
20 ore
Che umiliazione
La Svizzera non è pervenuta e con il Portogallo viene rispedita a casa con un pesantissimo 6-1
QATAR 2022
22 ore
I rigori mandano il Marocco in Paradiso e la Spagna a casa
Gli africani per la prima volta ai quarti di finale dopo una partita difensiva. Gli iberici deludenti e senza idee sbagliano tre volte dal dischetto
Angolo Bocce
1 gior
Alessandro Eichenberger e Aramis Gianinazzi vincono in Austria
La giovane coppia dell’Ideal di Coldrerio si è imposta nel torneo internazionale di Hard, contro i chiassesi Peschiera e Dalle Fratte
Hockey
1 gior
Qualche settimana d’assenza per Kostner e Kneubuehler
Contro il Rapperswil i due hanno subito una contusione alla spalla sinistra, rispettivamente un infortunio muscolare al torace
COSE DELL'ALTRO MONDO
1 gior
Mr. Irrilevant, anche gli ultimi hanno il loro giorno di gloria
Scelto quale 262° giocatore al draft 2022, Brock Purdy è salito agli onori della cronaca con San Francisco. Ma nella Nfl la carriera è molto breve
TIRI LIBERI
1 gior
I progetti del basket svizzero sembrano usciti da un incubo
Dall’assurdità di una fase a orologio basata sulla classifica della scorsa stagione a una Coppa Svizzera che produce palestre vuote
© Regiopress, All rights reserved