laRegione
MANNARINO A. (FRA)
1
Wawrinka S. (SUI)
1
3 set
(1-6 : 6-2 : 2-2)
FORMULA 1
22.07.22 - 20:14
Aggiornamento: 21:34

Per il Circus è scoccata l’ora di Le Castellet

Weekend francese sul circuito storico, il primo a veder sparire la ghiaia da bordo pista. Dove Leclerc cerca la ‘pole’, ma senza l’aiuto di Sainz al via

di Paolo Spalluto
per-il-circus-e-scoccata-l-ora-di-le-castellet
Keystone
Venerdì da primattore per lo spagnolo del Cavallino

La pista è di quelle che hanno fatto la storia della Formula 1, sino a quando alla fine degli anni Novanta si decise di prediligere Magny Cours. Allora Bernie Ecclestone se la comperò con l’idea di portarci test e prove per le case automobilistiche. Ciò che rende particolare il tracciato di Le Castellet sono i disegni colorati ai lati della pista, fatti di una miscela per asfalto di sistemi drenanti e abrasivi. Questo permetteva alle auto di uscire e non finire nella sabbia, rovinandosi, e generare così attese invece di rientrare rapidamente. Da questo punto di vista il Paul Ricard, così si chiamava, fu il primo tracciato al mondo a togliere appunto la ghiaia in uscita a favore della pavimentazione. Il nome deriva dal magnate dei liquori francese, in particolare produttore del noto Pastis che per i francesi è una bevanda culto. Quando poi Ecclestone decise di vendere la Fomrula 1, tra le varie attività riuscì a mettere a contratto che Le Castellet restasse una pista della massima formula, e così sarà ancora per qualche anno. In particolare, mitico è il Mistral, dal nome del vento che lì spira vicino al mare, con un rettifilo di due chilometri e nel quale il Drs la fa da padrone ovviamente. Bella anche la curva di Signes, tra i punti che sono restati intonsi del vecchio disegno.

Nelle libere del venerdì la Ferrari di Carlos Sainz è stata la migliore, e ha portato in pista il nuovo fondo modificato e vicino al regolamento, staccando Verstappen (terzo) di oltre mezzo secondo. La sostituzione della centralina costerà dieci posti in griglia, ma è praticamente certo che la Ferrari opterà nel frattempo per cambiare altre parti, dunque con alta probabilità vedremo lo spagnolo scattare all’ultimo posto domenica.

Secondo, Leclerc commosso con un casco molto particolare, in memoria del papà Hervé, che un tumore si portò via prima che potesse vedere l’amato figlio ascendere alla gloria della F1, e l’altra parte dedicata al suo grande amico Jules Bianchi, di cui ricorre l’anniversario della scomparsa proprio in questi giorni.

Verstappen oggi ha avuto problemi di stabilità con la sua monoposto, ma abbiamo oramai tutti appreso come e quanto le FP2 del venerdì siano sì indicative, ma non affidabili al 100% sul reale settaggio dei singoli team: meglio dedicarsi oggi alla visione delle qualifiche ufficiali. E sono qualifiche da seguire: Leclerc solo secondo nelle libere deve prendersi la ‘pole’, ma sapendo di non poter avere a fianco Sainz deve parimenti studiare bene una partenza che, invece, Verstappen ha spesso ben imbroccato in questa stagione.

Un po’ tutti i piloti si stanno lamentando delle proprie auto: Hamilton critica i pacchetti e giudica la sua Mercedes-Benz come la peggiore che abbia mai guidato; Perez afferma che sul veloce circuito transalpino non sente la sensibilità con la sua Red Bull delle inserzioni nel misto. Una pletora di mugugni che certamente deve farci riflettere, sul fatto che domani e dopo la Rossa debba allungare il suo percorso di avvicinamento all’olandese: tecnicamente il team può farlo, ma deve dare stabilità e affidabilità alla squadra tutta. Sempre un poco in rincorsa invece le Sauber, mentre non è brillante per ora Mick Schumacher, specie se contrapposto alla posizione del suo collega Magnussen.

Come sempre al giovedì ci sono le conferenze stampa dei team. Tra le più interessanti quella di Vettel, che – contrariamente alle voci – ha confermato di non volersi ritirare, ma semmai di voler proseguire con Aston Martin ancora un altro anno. Nostre informazioni ritengono questa opzione non semplice, per nulla, perché papà Stroll vuole far salire il team di un gradino deciso. Nell’attesa ha presentato il nuovo logo.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
hockey
9 ore
Con cinismo e solidità l’Ambrì espugna Zugo
Le doppiette di Bürgler e Heim e il gol di Shore alla Bossard Arena, regalano ai biancoblù un weekend da cinque punti che li proietta al quarto posto
HCAP
11 ore
L’Ambrì giganteggia in trasferta: Zugo espugnata
Gli uomini di Luca Cereda hanno prevalso 5-4, doppiette per Spacek e Bürgler.
CALCIO
13 ore
Bellinzona tradito dai dettagli, lo Sciaffusa ringrazia
Granata sconfitti al Comunale (e i tifosi contestano la gestione del club). Inutile la rete di Pollero, determinante l’espulsione di Izmirlioglu
Calcio
14 ore
Prima vittoria casalinga stagionale del Lugano
I bianconeri, pur soffrendo, riescono a battere 1-0 il Servette
TENNIS
15 ore
A Sofia, Marc-Andrea Hüsler conquista il suo primo titolo Atp
Lo zurighese ha superato in due set il danese Holger Rune. In settimana sarà impegnato nell’Atp 500 di Astana da 61esimo giocatore del ranking mondiale
FORMULA 1
15 ore
La Red Bull si consola con il trionfo di Sergio Perez
Solo settimo, Max Verstappen non ha potuto festeggiare il suo secondo titolo mondiale. Il messicano davanti a Leclerc e Sainz
BASKET
19 ore
La stagione inizia nel segno della Spinelli
Massagno ha nettamente sconfitto i Lugano Tigers nel primo derby. Gli uomini di Montini hanno retto soltanto nei minuti iniziali
BMX
20 ore
Zoé Classens di nuovo sul podio
In Colombia la vodese chiude per la quarta volta in stagione nei primi 3
CALCIO
20 ore
Una brutta giornata per chiudere una brutta settimana
Promotion League, il Chiasso sconfitto a Nyon al culmine di giorni in cui si è parlato molto di aspetti che esulano dal campo. Tre espulsi tra i rossoblù
MOTOMONDIALE
20 ore
MotoGP, Quartararo braccato da Bagnaia
In Thailandia vince Oliveira, in Moto2 si impone Arbolino, in Moto3 successo per Foggia
© Regiopress, All rights reserved