laRegione
FORMULA 1
08.07.22 - 20:36
Aggiornamento: 22:31

È tempo di Austria, nel regno di Red Bull

Verstappen davanti alle due Ferrari nella griglia della qualifica sprint. Tutti a Spielberg con un occhio rivolto al presente e l’altro al futuro.

di Paolo Spalluto
e-tempo-di-austria-nel-regno-di-red-bull
Ieri le Rosse pregustavano la doppietta, sogno rovinato dall’olandese volante

Spielberg è la casa di Red Bull. Il grande finanziamento che ha portato questa pista al livello che tutti conosciamo e apprezziamo è figlia di un munifico sponsor quale è Dieter Mateschitz, che in questa porzione di Stiria ha messo mano all’A1 Ring progettato da Hermann Tilke a metà anni Novanta e che necessitava di revisione e un nuovo concetto. Red Bull voleva che il tracciato fosse un luogo per le famiglie, la cui visuale fosse pressoché completa da qualsiasi angolazione, ricca di spazi per camper e roulotte e che il verdeggiante proscenio della Stiria ne uscisse arricchito e meglio conosciuto. La missione è pienamente riuscita e se avrete un giorno la possibilità di andarci di persona ne resterete affascinati nel complesso, pur se non per la qualità del disegno tecnico del tracciato, anche per via della brevità del percorso.

Ma parliamo ora di corse e piloti. Oggi le libere erano determinanti, in quanto domani si corre la qualifica sprint che designa lo schieramento per domenica, e anche se non è amata da tutti – semmai spesso è oggetto di critiche – resta un momento di battaglia migliore che non il giro secco. Ha dominato ancora una volta Verstappen, seguito nell’arco di un decimo di secondo da Leclerc e Sainz che confermano la bontà del progetto delle rosse, specie in qualifica. Quarto Perez, poi retrocesso dai commissari per sorpasso della linea gialla (al suo posto è stato promosso Russell). Si sono viste assai bene ancora una volta le Haas, mentre le Mercedes sono state meno brillanti, con Hamilton che è andato duramente a sbattere a muro e partirà nono domenica, danni permettendo.

Lo scorso weekend la notizia dei primi punti mondiali di Mick Schumacher ha fatto il giro del mondo: la commozione della sorella Gina Maria, l’affetto di milioni di fan, suoi e del papà. Un percorso emotivamente molto complesso il suo: essere un predestinato con tutti i vantaggi del caso, ma anche sottoposto a giudizi impietosi. La commistione tra le sue capacità e il valore oggettivo di marketing che rappresenta per la F1 rimangono temi assai delicati da affrontare. La sua Haas – e lo conferma anche ieri Magnussen – riceve il propulsore evoluzione della Ferrari, e non siamo certi che sia il medesimo di cui gode la Sauber. I pessimi rapporti personali tra Vasseur e Binotto non agevolano certo la fluidità delle relazioni, anche per questioni tecniche.

Alcune annotazioni, infine. Ieri la Q3 è stata fermata due volte per due uscite a muro sia di Russell sia, come detto, di Hamilton. I due episodi ci dicono che i due piloti abbiano dovuto spingere molto per portare la proprio monoposto a una prestazione accettabile. La seconda è la capacità innata di Verstappen di caricarsi emotivamente in modo autonomo: anche ieri solo negli ultimi secondi ha beffato i due ferraristi che stavano sognando una prima fila tutta rossa.

Quanto al futuro, nel 2026 entrano in vigore le nuove regole e motori per la F1, e c’è un poco di ritardo nell’emanazione del protocollo attuativo a causa di mille conflitti in corso. Ieri Helmuth Marko ha confermato che Volkswagen Group entrerà sia con Audi, sia con Porsche. Quest’ultima sarà la partner tecnica di Red Bull, con probabile annuncio ufficiale in autunno per i motivi sopra descritti. In assenza del capitolato tecnico le due marche a piena ragioni non se la sentono di chiudere contratti rilevanti in termini di denaro e carico temporale.

Ci si domanda invece ove vada Audi: noi possiamo solo sperare che un accordo con Sauber possa essere trovato. Altri contatti sono in corso e vertono sull’interruzione di filiere di fornitura di power unit Amg nel settore commerciale, quindi McLaren e Aston Martin. Tema un poco a incastro, a dire il vero.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
BASKET
3 ore
Molti volti nuovi per il derby tra Tigers e Spinelli
Le due ticinesi in campo domani all’Elvetico nella prima giornata di un campionato che vede l’Olympic Friborgo quale grande favorito
Calcio
8 ore
Rabbia Mihajlovic, gioia Pollero
Sentimenti contrastanti a Bellinzona, con l’uruguagio che diventerà papà di una bimba e il ticinese che vorrebbe disporre di strutture migliori
IPPICA
15 ore
Svizzera in finale a Barcellona: sfiderà il Belgio per i Giochi
In attesa di Steve Guerdat, Schmitz, Schwizer, Rutschi e Fuchs centrano l’atto conclusivo al Premio delle nazioni, dove si giocano il posto a Parigi 2024
Hockey
17 ore
Hischier è costretto a fermarsi: avvio di stagione a rischio
Un problema alla coscia obbliga alla pausa forzata il ventitreenne capitano dei New Jersey Devils, a due settimane dall’inizio del campionato Nhl
SCACCHI
17 ore
‘Hans ha barato!’. Adesso la Federazione vuol vederci chiaro
Dopo le proteste della superstar Magnus Carlsen, la Fide apre l’inchiesta sull’accusa nei confronti del rivale americano che già aveva imbrogliato sul web
Tennis
20 ore
L’exploit di Hüsler: batte Carreño Busta e vola in semifinale
Secondo successo in carriera contro un giocatore piazzato nella top 20 per lo zurighese, che a Sofia riesce a piegare la resistenza dell’iberico in 3 set
MOTOCICLISMO
22 ore
Aegerter passerà alla Superbike
L’elvetico premiato dalla Yamaha per le sue prestazioni in Supersport
Hockey
1 gior
Torneo a Friborgo per la Nazionale in dicembre
Fissato anche un match di gala sul ghiaccio di Zurigo per il 9 febbraio 2023, contro la Finlandia
Calcio
1 gior
Coppa Svizzera, due ottavi di finale nel 2023
Il match di Super League fra Lucerna e Basilea, rimandato al 9 novembre, impedisce di completare il turno di Coppa entro fine anno
CANOA
1 gior
Pagaiando in kayak lungo i 1’230 km del Reno
L’emozionante avventura della scorsa estate di due amici ticinesi appassionati di canoa
© Regiopress, All rights reserved