laRegione
formula 1
27.05.22 - 21:04

Montecarlo, il sogno di Charles Leclerc

Il ferrarista, padrone di casa, è stato il più veloce nelle prove libere. Ci sono però le incognite della meteo e della tenuta del motore

di di Paolo Spalluto
montecarlo-il-sogno-di-charles-leclerc

Charles Leclerc è cittadino monegasco, ma non di quelli per ragioni fiscali e nulla più, no lui ci abita sin da ragazzo, conosce ogni centimetro del circuito, lo ha odorato e amato sin da bimbo, racconta di averci giocato con l’amico del cuore con le automobiline sul terrazzo mentre sotto si tenevano le prove. Per Charles vincere a Montecarlo, con la Ferrari, dopo la debacle di settimana scorsa a Barcellona è quasi un imperativo. Leclerc è però preoccupato: oggi le unità Ferrari che animano Haas e Sauber hanno avuto problemi, è dunque facile pensare che possa accadere di nuovo anche sulla sua. Eppure questo circuito è sapientemente preparato, come da decenni, ogni tombino saldato, asfalto nuovo tirato a biliardo, monoposto settata in altezza, rotazione del volante aumentata per poter affrontare le curve più strette. Oggi il monegasco ha attaccato e staccato le Red Bull in modo imperioso, seguito dal compagno Sainz. Un distacco che resta da verificare nelle prove di domani, ma che è giusto segnalare come davvero significativo, così come, per onore di cronaca, va rammentato quanto il passo gara in Spagna del monegasco fosse nei primi 28 giri (fino alla rottura del turbo) micidiale e inarrivabile per gli altri.

Le Red Bull ci sono, ma patiscono quel ritardo che anche la conformazione del circuito monegasco propone loro: sono le più veloci dello schieramento, le Rosse le più dolci ad affrontare le curve e dunque questo era da inizio campionato un luogo ove pensare a una vittoria rossa, la meteo potrebbe metterci lo zampino, perché tende ad appiattire la prestazione limandola verso il basso, così lo spazio per errori. In tutto il weekend ci potrebbero essere rovesci e questa incognita deve assolutamente far ottenere la pole position al pilota che voglia poi vincere, perché in pochi altri tracciati come qui partire davanti si trasforma in un vantaggio oggettivo.

Tutti gli altri appaiono a distanza dai quattro leader e dunque la storia si farà tra loro. È in corso qualche burrasca sul tema della benzina raffreddata da parte della Red Bull e del vantaggio prestazionale che ciò darebbe. In realtà Binotto ha paventato il dubbio senza per ora denunciare formalmente la cosa, Horner ha risposto offeso in quell’arte che gli appartiene, ma qualcosa sembra poter esserci. La Fia indaga, ma, se del caso, troppo tardi.

Il budget cap divide

Altro tema sul quale in primis ieri Vasseur è stato categorico è il rispetto del budget cap a 142 milioni per stagione (140 per 20 gare e i 2 di indennizzo per quelle aggiuntive). Il team principal Sauber ha detto che non rispettarlo o barare, sarebbe inquinare un mondiale vincente, e lo ha volutamente affermato proprio mentre Horner chiedeva un’estensione affermando che molti team non potranno correre le ultime quattro gare. Per Adrian Newey il budget cap è lo spauracchio del suo approccio alle corse, sempre votato al miglioramento e alla crescita, elementi questi che hanno però un vincolo con il quale mai si era confrontato. Sarà questo un tema da seguire.

Un’altra informazione di carattere politico: l’avvicinamento della F1 con la Formula E nel segreto dei corridoi prosegue, specie dopo la bocciatura della E-Fuel che l’Unione Europea parrebbe voler sanzionare dal 2035. Una convergenza d’interessi appare sempre più logica e anche auspicabile, con la F1 a governare il cambiamento, specie in un momento in cui almeno cinque/sei team desiderano entrarvi a competere.

Domani alle 16 le prove, ci sarà di divertirsi, è sicuro. Monaco non tradisce mai.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Calcio
9 ore
Flamenco nel pallone, Al Hilal in finale
La formazione saudita batte 3-2 i brasiliani e approda all’atto decisivo del Mondiale per club, dove sfiderà il Real o gli egiziani dell’Al Ahly
HOCKEY
11 ore
Gdt Bellinzona, è ancora tempo di emozioni
Dopo la semifinale di Coppa persa contro il Martigny, che quel trofeo l’ha poi vinto, da giovedì spazio alla magia playoff. ‘C’è il livello per salire’
Salto con gli sci
14 ore
Mondiali, Simon Ammann ci sarà
Il ‘Folletto del Toggenburgo’ farà parte del contingente rossocrociato per le gare iridate di Planica, previste dal 21 febbraio al 5 marzo
Atletica
14 ore
Moggi e Petrucciani da record a Macolin
I due ticinesi dell’Lcz tra i grandi protagonisti nel weekend, ma da segnalare ci sono anche i due primati di categoria stabiliti da Laura Torino Imberti
COSE DELL'ALTRO MONDO
14 ore
Una squadra in Europa? No, meglio quattro
La Nfl sta pensando di sbarcare sul Continente con un’intera division. Un’idea che non andrà in porto prima di un decennio, viste le molte incognite
Sci
15 ore
Lara a difesa del suo titolo iridato
In programma mercoledì a Méribel il superG femminile, con la ticinese – campionessa in carica – ovviamente fra le favoritissime
NATIONAL LEAGUE
16 ore
Il Berna mette le mani su Josh Teves
Il ventisettenne difensore canadese rinforzerà gli Orsi fino al termine della stagione: arriva dai finlandesi dell’Jyväskylä
Formula 1
16 ore
Nuovo look per l’Alfa Sauber
Livrea rosso-nera per la vettura del team con sede a Hinwil, che conferma i piloti Bottas e Zhou nel Mondiale che scatta il 5 marzo in Bahrain
Parigi 2024
16 ore
‘Niente russi finché c’è la guerra’
Anne Hidalgo, sindaca della capitale francese, cambia idea: ora è contraria alla presenza di Mosca alle Olimpiadi di Parigi del 2024
Basket
18 ore
Calendari troppo fitti e time out sprecati
Fra i problemi del nostro basket c’è l’uso spesso improprio e controproducente da parte degli allenatori dei minuti di sospensione
© Regiopress, All rights reserved