laRegione
la-prima-di-miami-dice-verstappen-ma-la-ferrari-c-e
FORMULA 1
08.05.22 - 23:45
di Paolo Spalluto

La ‘prima’ di Miami dice Verstappen, ma la Ferrari c’è

L’olandese vince un Gran premio divertente davanti a Charles Leclerc che lo ha insidiato fino a pochi giri dal termine

Possiamo dire di tutto su questo Mondiale, ma certamente ci divertiamo ogni gara con Verstappen e Leclerc che onorano, Gp dopo Gp, il mandato di rendere le corse all’ultimo giro meritevoli di essere viste. A Miami si è consumata una gara che sino al termine ha visto le posizioni dei primi dieci in discussione e lotta. L’olandese incamera 26 punti contro i 18 del monegasco che resta in cima alla classifica mondiale e li ottiene con un moderato dominio. La Ferrari c’è, in questo momento di un’inezia indietro alla Red Bull, ma va scritto, in accoppiata con Max. È questo binomio che fa la differenza, e lo conferma il risultato Sainz-Perez che ha visto ieri prevalere lo spagnolo.

Un’osservazione tecnica va fatta sulla sbavatura della Ferrari di Leclerc a pochi giri dal termine: il monegasco riusciva a stare nella finestra Drs sperando così magari di portare un attacco finale a sorpresa. La Rossa negli stretti era un poco meno performante della Red Bull, ha commesso un errore salto per avere stretto troppo la chicane e da quel momento il gap è aumentato e non è più stato colmato. L’apparenza dice si tratti di un errore, in realtà Charles è il tipo che ieri ha dovuto andare oltre il limite per cercare di recuperare sul campione del mondo e quando si va al limite, l’errore è dietro l’angolo.

A proposito di errori, Perez si è divorato il podio tirando una staccata con gomme medie nuove contro le dure vecchie di Sainz. Lo spagnolo con intelligenza ha tenuto una posizione centrale prima della piega della curva a destra, il messicano è arrivato lungo, Carlos si è tenuto il terzo posto, rispedendo Checo oltre il limite del Drs. Quindi, in materia di costruttori ottimo bottino per Maranello.

Russell era partito con le dure, ha giocato la carta della sorte: il contatto Norris-Gasly ha portato a non molti giri dal termine la Safety Car in pista, lui ha cambiato pneumatici passando alle medie eha battuto inesroabilmente il lamentoso compagno di squadra che di nome fa Lewis Hamilton, il cui morale anche verso il team pare assai compromesso.

Fino a poco dal termine, Bottas era solido quinto, autore di una gara semplicemente encomiabile e capace di tenersi fuori da disastri e collisioni. Nel finale ha commesso una sbavatura e in curva ha piegato sinistra, appoggiandosi dolcemente al muro e facendosi così passare dai due alfieri della Mercedes-Benz. Vedere oggi la Sauber quinta nel Mondiale costruttori e il finlandese ottavo è certamente un buon auspicio e motivo di gioia per tutta Hinwil. Il lavoro paga, lo sta ottenendo Maranello, lo riceve anche il team elvetico che tanto orgoglio porta nella Confederazione. Paese che, vessato da ambientalisti di ogni tipo, ha saputo esprimere campioni e team vincenti pur essendo tenuto in castigo nell’organizzazione delle corse.

Il circuito di Miami, tanto spettacolare quanto non esattamente un tempio colto della velocità, ha molto ben retto all’impatto del pubblico e della F1, a parte alcune problematiche di tenuta della copertura dell’asfalto che siamo sicuri non si ripeteranno nella prossima stagione.

Il costruttore dice con chiarezza che l’erosione della Red Bull nei confronti della Ferrari è in corso e dopo Imola si conferma come la monoposto di Newey abbia qualcosa in più, non significativo, ma sostanziale. Adrian Newey lo chiamiamo spesso genio e così è, ha la capacità inusuale di fare migliorare di qualcosa la sua macchina in ogni gara, di non fermarsi mai, di non accontentarsi. Maranello è chiamata a dare questo tipo di risposta: dopo il blitz delle prime gare, se vuole tornare in vetta deve lavorare e migliorare l’ottimo progetto. Per i Tifosi una certezza, la Rossa è tornata e se la gioca, anche grazie a un gran pilota.

Barcellona sarà la cartina tornasole, come sempre è stato e sarà. Lewis Hamilton lo sa, meglio di tutti.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
charles leclerc formula 1 gp miami max verstappen
Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Tennis
1 gior
Wawrinka contro Murray come prima portata a Cincinnati
Sfida dal sapore nostalgico all’Atp 1000 a stelle e strisce, tra il vodese (Atp 3222) e lo scozzese, numero 48 delle gerarchie
Nuoto
1 gior
Noè Ponti davanti a tutti nelle qualificazioni
Il locarnese vola in semifinale dei 100 m delfino con il miglior tempo e nuovo primato nazionale: 51"56
il ritratto
1 gior
Serena Williams, il tennis corpo a corpo
Lascia dopo 23 Slam. Il suo fisico massiccio ed esplosivo è sempre stato al centro dell’attenzione, mostrando il razzismo di chi la criticava
calcio
1 gior
Bellinzona in letargo, l’Aarau ne approfitta
Brutta prestazione e seconda sconfitta stagionale per i granata, mai realmente in partita contro gli argoviesi: uno 0-4 che non fa una grinza.
hockey
1 gior
L’Ambrì ne fa sei ai Rockets
L’amichevole di Biasca finisce sull’1-6, in gol i nuovi acquisti Hofer, Zündel, Shore e Chlapik e per i biaschesi di Bennett
nuoto
1 gior
Roman Mityukov migliora il suo record nei 200 dorso
Il 22enne migliora il suo stesso primato e si qualifica per la finale con il primo tempo assoluto. Ugolkova ottava nei 100 stile libero
Altri sport
2 gior
Ducarroz soltanto quinta
Due sbavature tengono la ginevrina fuori dal podio continentale
ATLETICA
2 gior
Crouser e Lavillenie al Galà dei Castelli
Altri due nomi importanti si aggiungono alla lista dei presenti al meeting del prossimo 12 settembre. Il pesista Usa è fresco di titolo mondiale a Eugene
HOCKEY
2 gior
Seconda sconfitta per la Svizzera U20
Ai Mondiali di Edmonton i giovani rossocrociati sono stati battuti 7-1 dagli Stati Uniti. Quarti di finale appesi alle sfide con Germania e Austria
NUOTO
2 gior
Mityukov, Ugolkova e Mamié in semifinale agli Europei
La ticinese ha ottenuto il 13º tempo nei 50 rana. Non ce l’hanno fatta, invece, Julia Ullmann (50 rana) e la staffetta 4x100 quattro stili mista
© Regiopress, All rights reserved