laRegione
22.04.22 - 20:34
Aggiornamento: 21:34

Piove su Imola, largo al divertimento

Marea rossa al Gran Premio d’Emilia Romagna, dove però il primo acuto lo piazza Max Verstappen: sarà lui domani in ‘pole’ nella Sprint race

di Paolo Spalluto
piove-su-imola-largo-al-divertimento
Keystone
Mentre Sainz finisce addosso al muro: lo spagnolo sente la pressione di Leclerc

Una marea rossa, non era difficile immaginarlo: dopo l’inizio prodigioso della Ferrari nella stagione attuale, i tifosi del Cavallino si sono riversati sulla pista del Santerno, a Imola, per celebrare la loro passione ritrovata. Tutto nella normalità, anche se in realtà a pochi chilometri da lì c’è Faenza con la sede di quella ex Minardi, ex Toro Rosso e oggi Alpha Tauri che ha in questo spicchio di Romagna il suo cuore pulsante e operativo. Ma tant’è, il confronto con una leggenda come Ferrari non regge per nessuno.

Oggi pioveva, faceva fresco, con la pista bagnata per la prima volta in stagione, pertanto con ‘setting’ tutti da studiare e riflettere, curve da ripensare e coperture da saggiare. L’ideale per avere qualche occasione di puro thrilling e verificare il valore delle prime tre gare, a caccia di conferme puntualmente arrivate. La più sorprendente è certamente la conclamata crisi della Mercedes-Benz, che non si è qualificata con nessuno dei suoi piloti nemmeno nella Q2, cosa che non accadeva da tempo immemore. Hamilton – che di questi tempi afferma di voler partecipare con la tennista Serena Williams all’acquisto del club calcistico del Chelsea – era davvero senza parole, adirato di tale pessima performance, mentre Russell era abbacchiato e preoccupato. Rammentiamo che i risultati odierni formeranno lo schieramento della Sprint race di domani, esperimento non proprio amato da tutti, voluto fortemente da Liberty e che consta di 100 chilometri di corsa per stabilire l’ordine di partenza di domenica pomeriggio. Un’idea che negli intenti voleva dare un poco di azione e brivido alle qualifiche del sabato, ma che almeno nella stagione 2021 ha regalato nella pratica due giri divertenti allo start, e poi molta ‘melina’ per contenere i rischi.

Intanto Helmut Marko ha dato un’informazione importante all’emittente austriaca Orf che ha fatto subito il giro del mondo: il ritiro di Verstappen in Australia non fu causato da problemi di motore, ma da un pezzo che si è rotto a causa del barcollamento in rettifilo, che lo ha usurato. Ha pure affermato che il problema è stato compreso e risolto, e lo stesso vale per il contenimento di un saltellamento ridotto in modo sensibile.

Tornando alle prove, Sainz sente la pressione di Leclerc, ora è certo: il muro contro il quale è andato a sbattere in prova, ciò che l’ha relegato al decimo posto, lui che spesso è preciso e costante, è la conferma che il confronto inizi a procurare qualche comprensibile cedimento del morale. Del resto il Leclerc delle prime tre gare è oggettivamente brillante, furbo, veloce ed efficace. Verstappen ha invece piazzato la zampata che gli appartiene, staccando il miglior cronometro e beffando il monegasco: sarà lui a partire davanti a tutti nella Sprint Race. Per il resto bravissimo Norris, sempre più in spolvero, Magnussen ottimo quarto con la Haas a motore Ferrari, e si conferma la sagacia poco divertente ma funzionale di Bottas, oggi ottavo. La scelta del finlandese è quella di collezionare piazzamenti, quindi punti, quindi denaro per il team elvetico che sta proseguendo in grande silenzio la trattativa con Audi, sempre più disposta a finanziare e far crescere la scuderia di quanto non voglia far credere Stellantis, oltre ai giochi del marketing e dell’immagine. Un’occasione da non perdere per Hinwil.

Ma la fotografia di questo venerdì è certamente la discussione concitata tra Hamilton e Wolff dopo le brevi qualifiche: il momento nel quale la tensione colpisce tutti, anche dei pluri campioni che hanno dominato per anni il Mondiale e che ora, almeno per ora, arrancano vicino alle Williams.

Oggi a Imola sarà inferno Rosso, ma le sorprese sono molto vicine, con Verstappen cosciente di non poter lasciare vincere di nuovo la Rossa. Vallo a dire ai suoi tifosi.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
NATIONS LEAGUE
8 ore
Svizzera corsara, successo storico in Spagna
Dominando nel primo tempo e soffrendo nella ripresa, i rossocrociati trovano tre punti importantissimi: a segno Akanji ed Embolo
Hockey
9 ore
Il Lugano accelera ma non decolla
Buona prestazione dei bianconeri che però soccombono anche al Losanna
Hockey
9 ore
Ambrì, la prima sconfitta sotto gli occhi di McCourt
In vantaggio di un gol fino al 49’, i biancoblù di Cereda beffati da un Ginevra Servette che aggancia il capolista Bienne grazie a due gol in un minuto
CALCIO
14 ore
Rossocrociati in Spagna pensando già al Qatar
La nazionale Svizzera affronta stasera le Furie rosse per la Nations League
CICLISMO
17 ore
Le speranze mondiali dell’emergente Mauro Schmid
Domani a Wollongong, in Australia, in palio il titolo iridato della corsa in linea
TENNIS
23 ore
La notte dei sorrisi (e delle lacrime) che non scorderemo mai
A Londra, nel torneo da lui stesso ideato, King Roger ha chiuso una carriera irripetibile. Federer nell’Olimpo come Muhammad Ali e Michael Jordan.
HOCKEY
1 gior
Un ottimo tempo non basta, Lugano kappaò a Ginevra
Alle Vernets seconda sconfitta in tre partite per i bianconeri, nella sera del debutto di Connolly. ‘Dobbiamo capire il power-play cos’ha che non va’.
HOCKEY
1 gior
Ambrì, la fuga, il rilassamento e il sollievo
Dopo un avvio strepitoso i biancoblù lasciano rientrare in partita l’Ajoie, ma all’overtime riesce a trovare la quarta vittoria di fila, grazie a Virtanen
HCL
1 gior
Il Lugano fermato a Ginevra, nonostante un ottimo primo tempo
Nella loro prima trasferta stagionale bianconeri battuti alle Vernets nella sera del debutto di Connolly. Le due reti ticinesi firmate da Granlund e
HCAP
1 gior
L’Ambrì sbanca Porrentruy
I biancoblù infilano la quarta vittoria consecutiva, vincendo in terra giurassiana dopo il supplementare per 5-4
© Regiopress, All rights reserved