laRegione
22.04.22 - 20:34
Aggiornamento: 21:34

Piove su Imola, largo al divertimento

Marea rossa al Gran Premio d’Emilia Romagna, dove però il primo acuto lo piazza Max Verstappen: sarà lui domani in ‘pole’ nella Sprint race

di Paolo Spalluto
piove-su-imola-largo-al-divertimento
Keystone
Mentre Sainz finisce addosso al muro: lo spagnolo sente la pressione di Leclerc

Una marea rossa, non era difficile immaginarlo: dopo l’inizio prodigioso della Ferrari nella stagione attuale, i tifosi del Cavallino si sono riversati sulla pista del Santerno, a Imola, per celebrare la loro passione ritrovata. Tutto nella normalità, anche se in realtà a pochi chilometri da lì c’è Faenza con la sede di quella ex Minardi, ex Toro Rosso e oggi Alpha Tauri che ha in questo spicchio di Romagna il suo cuore pulsante e operativo. Ma tant’è, il confronto con una leggenda come Ferrari non regge per nessuno.

Oggi pioveva, faceva fresco, con la pista bagnata per la prima volta in stagione, pertanto con ‘setting’ tutti da studiare e riflettere, curve da ripensare e coperture da saggiare. L’ideale per avere qualche occasione di puro thrilling e verificare il valore delle prime tre gare, a caccia di conferme puntualmente arrivate. La più sorprendente è certamente la conclamata crisi della Mercedes-Benz, che non si è qualificata con nessuno dei suoi piloti nemmeno nella Q2, cosa che non accadeva da tempo immemore. Hamilton – che di questi tempi afferma di voler partecipare con la tennista Serena Williams all’acquisto del club calcistico del Chelsea – era davvero senza parole, adirato di tale pessima performance, mentre Russell era abbacchiato e preoccupato. Rammentiamo che i risultati odierni formeranno lo schieramento della Sprint race di domani, esperimento non proprio amato da tutti, voluto fortemente da Liberty e che consta di 100 chilometri di corsa per stabilire l’ordine di partenza di domenica pomeriggio. Un’idea che negli intenti voleva dare un poco di azione e brivido alle qualifiche del sabato, ma che almeno nella stagione 2021 ha regalato nella pratica due giri divertenti allo start, e poi molta ‘melina’ per contenere i rischi.

Intanto Helmut Marko ha dato un’informazione importante all’emittente austriaca Orf che ha fatto subito il giro del mondo: il ritiro di Verstappen in Australia non fu causato da problemi di motore, ma da un pezzo che si è rotto a causa del barcollamento in rettifilo, che lo ha usurato. Ha pure affermato che il problema è stato compreso e risolto, e lo stesso vale per il contenimento di un saltellamento ridotto in modo sensibile.

Tornando alle prove, Sainz sente la pressione di Leclerc, ora è certo: il muro contro il quale è andato a sbattere in prova, ciò che l’ha relegato al decimo posto, lui che spesso è preciso e costante, è la conferma che il confronto inizi a procurare qualche comprensibile cedimento del morale. Del resto il Leclerc delle prime tre gare è oggettivamente brillante, furbo, veloce ed efficace. Verstappen ha invece piazzato la zampata che gli appartiene, staccando il miglior cronometro e beffando il monegasco: sarà lui a partire davanti a tutti nella Sprint Race. Per il resto bravissimo Norris, sempre più in spolvero, Magnussen ottimo quarto con la Haas a motore Ferrari, e si conferma la sagacia poco divertente ma funzionale di Bottas, oggi ottavo. La scelta del finlandese è quella di collezionare piazzamenti, quindi punti, quindi denaro per il team elvetico che sta proseguendo in grande silenzio la trattativa con Audi, sempre più disposta a finanziare e far crescere la scuderia di quanto non voglia far credere Stellantis, oltre ai giochi del marketing e dell’immagine. Un’occasione da non perdere per Hinwil.

Ma la fotografia di questo venerdì è certamente la discussione concitata tra Hamilton e Wolff dopo le brevi qualifiche: il momento nel quale la tensione colpisce tutti, anche dei pluri campioni che hanno dominato per anni il Mondiale e che ora, almeno per ora, arrancano vicino alle Williams.

Oggi a Imola sarà inferno Rosso, ma le sorprese sono molto vicine, con Verstappen cosciente di non poter lasciare vincere di nuovo la Rossa. Vallo a dire ai suoi tifosi.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
unihockey
2 ore
Il Ticino è ai playoff ‘e non era evidente’
I rossoblù di capitan Monighetti hanno chiuso settimi la regular season, ora nei quarti c’è l’Obvaldo: ‘Avversario giocabile, ciò che viene, viene’
OLIMPIADI
12 ore
La posizione di Washington: ‘Sì ai russi, ma senza bandiera’
Anche gli americani dicono la loro sulla presenza degli atleti di Russia e Bielorussia a Parigi. ‘Dev’essere chiaro che non rappresentano il loro Paese’
Formula 1
13 ore
È morto Jean-Pierre Jabouille. Aveva ottant’anni
Si è spento l’uomo che segnò l’inizio di un’epoca, portando per la prima volta al successo una vettura turbo sul tracciato di Digione, nel luglio del 1979
CALCIO
16 ore
Preparazione fisica, il tallone d’Achille della Nazionale
Pier Tami ha presentato le conclusioni dell’analisi svolta dall’Asf dopo i Mondiali. ‘Negli ottavi ci stiamo benissimo, per i quarti serve l’exploit’
Calcio
20 ore
Joaquin Ardaiz in prestito al Winterthur
Il 24enne uruguaiano lascia il Lucerna dopo mezzo campionato e un solo gol
pallanuoto
21 ore
I Lugano Sharks a Basilea per i quarti di Coppa svizzera
Venerdì all’Eglisee gli uomini di Jonathan Del Galdo vogliono dar seguito al successo sullo Sciaffusa e qualificarsi per il final four
Calcio
21 ore
Varane non vestirà più la maglia ‘Bleu’
Il difensore centrale della Francia ha deciso di lasciare la Nazionale dopo 93 presenze e un titolo mondiale
TENNIS
21 ore
Marc-Andrea Hüsler aprirà le danze in Coppa Davis
Sarà lo zurighese a disputare la prima partita della sfida tra Germania e Svizzera. Nella seconda scenderà in campo Stan Wawrinka
SCI ALPINO
22 ore
Lucas Braathen operato di appendicite, addio Mondiali
Il 22enne norvegese ben difficilmente sarà ristabilito per il gigante (17 febbraio) e lo slalom (19 febbraio) della rassegna al via lunedì a Courchevel
BASKET
1 gior
La Sam domina il Neuchâtel, i Tigers resistono un tempo al Vevey
Una vittoria e una sconfitta nel turno infrasettimanale. Decisivi due parziali: la Spinelli piazza un 32-0, il Lugano incassa un 10-29
© Regiopress, All rights reserved