laRegione
09.03.22 - 16:47
Aggiornamento: 17:02

Mazepin vuole aiutare le ‘vittime’ politiche come lui

Il 23enne pilota russo licenziato dalla Haas dopo l’allontanamento dello sponsor (l’azienda del padre, legato a Putin) intende creare una fondazione

mazepin-vuole-aiutare-le-vittime-politiche-come-lui

Nikita Mazepin non ci sta e quattro giorni dopo essere stato lasciato a casa dalla scuderia di Formula 1 Haas a seguito dell’invasione russa in Ucraina e del conseguente scioglimento del contratto da parte del team americano con lo sponsor principale Uralkali – il cui proprietario è il padre del 23enne di Mosca (imprenditore amico di Putin), che non esclude la possibilità di chiedere un risarcimento per la sua azienda –, ha annunciato la creazione di una fondazione a sostegno degli sportivi che secondo lui come lui vengono discriminati "per ragioni politiche o semplicemente per il loro passaporto".

"Non credo si possa usare lo sport come pubblica piazza per rivendicazioni politiche, è questo lo sport che vogliamo – si è chiesto il giovane pilota russo presentando la fondazione dallo slogan "We Compete As One", che sarà finanziata con l’eventuale rimborso di Haas e la parte restante del finanziamento dello sponsor di Uralkali per il 2022 –? Sosterremo questi atleti che non possono gareggiare o a cui viene tolta la possibilità di competere, per rispetto dei sacrifici che hanno fatto e contro le conseguenze legate a un’esclusione di cui non sono responsabili, la nostra porta è aperta a tutti. Io avevo accettato di correre senza bandiera, la mia squadra mi ha proprio impedito di farlo".

La Fia (Federazione internazionale dell’automobile) aveva infatti imposto come sanzione che i piloti di Russia e Bielorussia corressero senza bandiera, ma non venissero esclusi dai vari campionati, solo l’Inghilterra ha introdotto uno specifico divieto di gara per loro sul territorio inglese. Ma la Haas è andata oltre e Mazepin non ha nascosto tutta la sua delusione. "È qualcosa che si è consumato in due fasi, nella prima ho saputo che la Fia mi avrebbe consentito di correre da pilota senza bandiera e l’avevo accettato. Ma non ho avuto tempo perché ho ricevuto la lettera della Haas che mi ha unilateralmente licenziato. Non c’è alcuna motivazione legale dietro a questa decisione, la Fia mi aveva dato il permesso di gareggiare. È uno dei momenti più dolorosi della mia vita, questa guerra colpisce persone da ambo le parti con cui ho legami, il mio destino è meno importante. Posso solo dire che la decisione di licenziarmi è stata unilaterale della Haas e legalmente immotivata. Se farò causa? Ogni opzione è sul tavolo e la valuteremo. Ma di base non ha senso avere a che fare con chi non ti vuole. La F1 è uno sport pericoloso e devo avere piena fiducia in una squadra che prepara la mia macchina. Ma non mi fido più di loro".

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Calcio
2 ore
L’Italia chiede al Brasile l’estradizione di Robinho
L’ex attaccante del Milan violentò una 23enne a Milano nel 2013. È condannato a nove anni di reclusione per violenza sessuale di gruppo
CORSA D'ORIENTAMENTO
3 ore
La finale di Coppa del mondo sorride agli svizzeri
A Davos e Klosters, ottime prove degli elvetici che hanno tenuto testa a svedesi e norvegesi. Elena Roos terza nella prova long
TIRI LIBERI
5 ore
Lugano in costruzione, Sam già rodata
Cosa ha lasciato il primo turno di campionato al di là della sconfitta del favorito Friborgo. Tigers al lavoro, la Spinelli attende esami più tosti
Storie mondiali
10 ore
Mondiali ’98, Jean-Marie Le Pen e la Francia multicolore
Il successo dei Galletti nel Mondiale del 1998, cavalcato o misconosciuto a seconda delle fazioni, si portò appresso diverse implicazioni politiche
CALCIO
19 ore
Gonzalo Higuain annuncia il ritiro
L’attaccante argentino, vicecampione del mondo 2014, chiuderà la carriera al termine della stagione di Mls con l’Inter Miami
CALCIO
22 ore
La settimana della verità per Gerardo Seoane
Il Bayer Leverkusen confrontato con il peggior inizio di stagione da 40 anni a questa parte. Il tecnico lucernese obbligato a vincere con Porto e Schalke
CALCIO
1 gior
Anche 32 bambini tra le vittime del massacro di Malang
Delle 125 vittime, la più giovane aveva due o tre anni. Il governo indonesiano formerà una commissione d’inchiesta, molte Ong chiedono sia indipendente
Calcio
1 gior
Scontri allo stadio: quattro arresti e sedici perquisizioni
I fatti risalgono al 23 ottobre 2021 dopo la partita di calcio che opponeva l’Fc Zurigo e il Grasshopper e dove vi fu uno scambio di materiale pirotecnico
hockey
1 gior
Con cinismo e solidità l’Ambrì espugna Zugo
Le doppiette di Bürgler e Heim e il gol di Shore alla Bossard Arena, regalano ai biancoblù un weekend da cinque punti che li proietta al quarto posto
HCAP
1 gior
L’Ambrì giganteggia in trasferta: Zugo espugnata
Gli uomini di Luca Cereda hanno prevalso 5-4, doppiette per Spacek e Bürgler.
© Regiopress, All rights reserved