laRegione
FORMULA 1
17.02.22 - 19:01
Aggiornamento: 20:52

Michael Masi non è più direttore di corsa

L’australiano è stato rimosso dopo le controversie nate a seguito dell’ultimo Gp della scorsa stagione che aveva regalato il Mondiale a Max Verstappen

michael-masi-non-e-piu-direttore-di-corsa

Michael Masi è stato rimosso dalla posizione di direttore di gara di Formula 1 dopo le sue controverse decisioni che avevano permesso a Max Verstappen di vincere il Gp di Abu Dhabi dello scorso 12 dicembre e, di conseguenza, il Mondiale. La decisione dell’australiano di far riprendere la corsa all’ultimo giro, dopo che era stata neutralizzata dietro la safety car, aveva dato all’olandese l’opportunità di superare Lewis Hamilton. Il britannico aveva denunciato con forza il modo di agire di Masi, ritenendo falsata la gara.

"Niels Wittich ed Eduardo Freitas si alterneranno come direttori di gara, assistiti da Herbie Blash come consigliere senior permanente", ha fatto sapere in un video il nuovo presidente della Federazione internazionale dei motori (Fia), Mohammed Ben Sulayem, aggiungendo che a Masi sarebbe stata offerta una nuova posizione all’interno della Fia.

"Verrà creata una sala di controllo virtuale della gara. Come per l’arbitro addetto al Var nel calcio, sarà posizionata in uno degli uffici della Fia fuori dal circuito. Collegandosi in tempo reale con il direttore di gara, aiuterà a far rispettare i regolamenti sportivi", ha affermato Ben Sulayem. Il quale ha aggiunto che "tutte le comunicazioni radio durante la gara – tra direttore di gara e team manager –, attualmente trasmesse in diretta televisiva, saranno rimosse per proteggere il direttore da qualsiasi pressione".

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Qatar 2022
11 ore
Un missile di Fullkrug tiene in corsa i tedeschi
Finisce in parità la sfida più attesa tra una Spagna che dovrà stare attenta al Giappone e una Germania che si gioca tutto con il Costarica
Sci
13 ore
Wendy, il gran giorno è arrivato. Ma lo deve condividere
Sulle nevi del Vermont la svittese centra infine un trionfo nello slalom che inseguiva da una vita. A far festa con lei, però, c’è anche Larson
Qatar 2022
13 ore
Senza Neymar l’esame di maturità di Yakin
Il tecnico rossocrociato, che 15 mesi fa allenava ancora in Challenge League, contro il Brasile non disporrà di Okafor
Qatar 2022
14 ore
Davies illude il Canada, Kramaric lo elimina
La Croazia rimonta grazie soprattutto a una doppietta della punta dell’Hoffenheim
IL DOPOPARTITA
15 ore
Un weekend in bianco: ‘Restiamo positivi, meritavamo di più’
L’Ambrì rende nuovamente la vita dura allo Zurigo, che però trova il modo di spuntarla. ‘La fortuna? Non è stata dalla nostra, ma bisogna anche cercarla’
QATAR 2022
16 ore
Belgio sconfitto, a Bruxelles scoppiano disordini
La polizia è intervenuta con cannoni ad acqua per disperdere i tifosi facinorosi. Le autorità hanno chiesto alla popolazione di non recarsi in centro
QATAR 2022
17 ore
‘Battere il Brasile? Non mi stupirebbe’
Nestor Subiat fiducioso sulle qualità della Nazionale svizzera. ‘E per l’Argentina il Mondiale inizia adesso’. Il ricordo del 1994 e di Andres Escobar
Qatar 2022
17 ore
Marocco troppo forte per il Belgio
Dopo il pareggio coi croati vicecampioni del mondo, i magrebini colgono la posta piena coi Diavoli rossi
Qatar 2022
18 ore
Bandiera del Kosovo nello spogliatoio serbo: ‘Fifa ipocrita’
Criticata dal governo della Serbia la decisione di avviare un procedimento disciplinare contro la locale Federcalcio per il vessillo esposto ai Mondiali
Tennis
20 ore
Coppa Davis, nelle qualificazioni Svizzera-Germania
Trasferta impegnativa per i rossocrociati, che sfideranno Zverev e compagni all’inizio di febbraio
© Regiopress, All rights reserved