laRegione
12.12.21 - 15:38
Aggiornamento: 21:06

Pazza domenica dal finale folle. E Verstappen è campione

All’ultimo giro, anche grazie all’incidente di Latifi che fa entrare in pista la safety car, l’olandese passa Hamilton e vince. Ricorsi Mercedes respinti

pazza-domenica-dal-finale-folle-e-verstappen-e-campione
C’è un olandese, ed è il primo, sul tetto del mondo (Keystone)

Un finale palpitante, in chiusura di una stagione a dir poco incredibile. Con quell’incidente di Nicolas Latifi negli ultimissimi istanti del Gran Premio di Abu Dhabi, l’ultimissimo della stagione, in cui si assegna il titolo mondiale di F1. Un duello fino all’ultimo giro, con Lewis Hamilton e la sua Mercedes che sembravano lanciatissimi verso il successo, fino appunto all’uscita del canadese della Williams, che costringe la safety car a entrare in pista. A quel punto, l’altro grande protagonista di questo Mondiale, Max Verstappen, si fionda ai box per cambiare le gomme soft, riaprendo improvvisamente tutto. Quando si riparte, all’ultimissimo giro, con le gomme nuovissime si lancia in un folle sprint, con il pubblico in visibilio. Un ultimo giro incredibile, in cui ci si gioca l’intera stagione, con l’olandese che riesce a passare il britannico, il quale prova a rientrare sul rivale, senza però riuscirci, vedendo così sfumare proprio negli ultimissimi metri la possibilità di mettere le mani sul suo ottavo titolo mondiale. In un epilogo di stagione incredibile, impensabile.

Doppio reclamo per «irregolarità». Ma è tutto inutile

L’intensissima domenica, tuttavia, non poteva non avere degli strascischi anche post gara. Infatti la scuderia Mercedes ha ufficialmente contestato il risultato di Abu Dhabi, in particolare protestando per quanto avvenuto in regime di safety car, dopo il quale Verstappen ha superato all’ultimo il britannico.

La safety car era entrata in pista dopo un incidente occorso alla Williams, al giro 53: in un primo momento, il direttore di gara Michael Masi non aveva permesso ai piloti in ritardo - compreso quindi Verstappen, che aveva cambiato le gomme - di tornare alle loro posizioni originali, ma poi ha cambiato idea con l’olandese che è potuto tornare alle spalle di Hamilton, poi superato alla ripresa della corsa. Secondo la Mercedes, però, non tutte le auto sarebbero tornare alla posizione originale al momento della ripartenza, quindi questa non sarebbe stata regolare.

Una tesi, quest’ultima, che dopo molte discussioni, al termine di un’udienza in cui sono state sentite tutte le parti, iniziata alle 19.45 ora locale, è stata rigettata dai commissari di gara, che hanno deciso di respingere entrambi i ricorsi Mercedes, certificando così la conquista del titolo mondiale piloti da parte dell’olandese della Red Bull.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
QATAR 2022
8 ore
Un buon Ambrì cede alla distanza contro gli Zsc Lions
I biancoblù disputano due tempi di buon livello ma sprecano un doppio vantaggio, mentre i padroni di casa si affidano alle fiammate e al powerplay
QATAR 2022
8 ore
Il genio di Messi tiene in vita l’Argentina
Al 69’ una rete da fuori area della Pulce stende il Messico (nel finale il raddoppio di Fernandez). Ma l’Albiceleste ancora non convince
QATAR 2022
11 ore
Doppietta di Mbappé, la Francia è agli ottavi
Battuta una Danimarca che ha saputo rispondere alla strapotenza transalpina, ma che dovrà giocarsi la qualificazione contro l’Australia
QATAR 2022
14 ore
La Polonia vince, l’Arabia Saudita si mangia le mani
La compagine europea in rete con Zielinski e Lewandowski, quella asiatica domina ma sbaglia un rigore con Al Dawsari. Szczesny migliore in campo
QATAR 2022
17 ore
All’Australia basta un gol di Duke
Grazie a una strenua difesa la Nazionale dell’Oceania resiste al tentativo di rimonta di una Tunisia che è quasi fuori dal Mondiale
CURLING
18 ore
Finali stregate, due medaglie d’argento per la Svizzera
Agli Europei di Östersund, Silvana Tirinzoni e compagne battute dalla Danimarca, il team di Yannick Schwaller superato dalla Scozia
Video
Qatar 2022
21 ore
Spogliatoio lasciato come... nuovo: il Giappone incanta
Dai tifosi ai giocatori nipponici il grande senso civico dimostrato nel ripulire spalti e cabine prima e dopo la vittoria contro la Germania
i mondiali dal divano
1 gior
Ipercinetico Armando: fenomenologia di un telecronista
Fra metafore, immagini, neologismi e modi di dire, Ceroni tramanda ai posteri un modo di fare giornalismo sportivo singolare e (forse) sottovalutato
il dopopartita
1 gior
Sarebbe servita una terza fase ‘e più velocità’
Dopo quattro vittorie di fila e una buona prima metà di gara, il Lugano ritorna a perdere a Friborgo. Marco Müller: ‘Entrambe le squadre brave in difesa’.
IL DOPOPARTITA
1 gior
Il ritorno della sconfitta. ‘Avessimo dato il 5% in più...’
Johnny Kneubuehler e un venerdì a secco di gol e di punti, con il portiere del Bienne Harri Säteri assoluto protagonista. ‘È frustrante perdere così”
© Regiopress, All rights reserved