laRegione
laR
 
11.12.21 - 05:30

L’esperienza di Lewis favorita sulla freschezza di Max

Ad Abu Dhabi si decide il testa a testa tra Hamilton e Verstappen, con il caraibico e la Mercedes leggermente favoriti sull’olandese e la Red Bull.

di Paolo Spalluto
l-esperienza-di-lewis-favorita-sulla-freschezza-di-max

Dobbiamo essere onesti con il pubblico: anche se in molti sognano un cambio sul trono del Mondiale con la vittoria di Verstappen, proprio per dare un senso di novità a una noiosa dominazione Mercedes che dura ormai dal 2014 (sempre con Hamilton a parte in un 2016 che aveva incoronato Rosberg), è il caraibico quello che con maggior probabilità sarà campione del mondo. Se avete (anche) osservato alcuni dei suoi comportamenti paraverbali al momento della vittoria in Arabia Saudita, il sette volte campione è in forma come non lo era da tempo. Aveva bisogno di un avversario, di una presa, di una sfida per tornare brillante e capace. E tutto il team lo ha sostenuto, regalandogli costanti migliorie a una Mercedes-Benz che gli dava qualche pensiero, ma che sembra tornata il bolide di sempre.

L’olandese non è da meno, ma la solidità di carattere e ovviamente l’esperienza giocano un fattore determinante in una lotta così serrata. A tal proposito, certi muscolosi e giovanili comportamenti tenuti in pista una settimana fa sono parte del percorso che l’olandese deve compiere per essere il migliore. La proporzione corretta a nostro modo di vedere è di due terzi a favore della Mercedes-Benz e un terzo per Red Bull.

Un tracciato più rotondo

La pista di Yas Marina ha subìto alcuni significativi cambiamenti di percorso che rendono il tracciato un poco più fluido e con curvoni veloci che sono molto apprezzati dai piloti. Si sono trovate non a loro agio le Ferrari, in particolare Sainz, che ha lamentato ripetutamente il fatto che la sua monoposto non fosse bilanciata. Ha pure precisato di esserne sorpreso, visto che di solito la Rossa pur non riuscendo mai ad andare al massimo rispetto ai primi due team, proprio nella capacità di leggere i tracciati ha trovato un suo punto di forza per tutta la stagione.

I team si sono molto dedicati al cosiddetto “long run”, che è il vero strumento di preparazione alla gara. Verstappen si è detto sereno trovandosi molto vicino alla Mercedes-Benz in questa situazione, mentre con sincerità ha ammesso di vedere complessa la conquista della pole position. Questa è una pista sulla quale sorpassare fortunatamente non ha il livello di complessità di sette giorni fa in Arabia Saudita e quindi possiamo attenderci, specie nei primi giri, molta lotta. Sarà decisiva la posizione e il supporto che i due scudieri Perez e Bottas sapranno dare ai loro rispettivi capitani. Il messicano ha precisato che volutamente le Red Bull hanno girato con setting opposti per verificare i limiti e le possibilità di performance a cui aspirare per vincere questo Mondiale. Che ricordiamo, in caso di un ritiro di entrambi i contendenti al titolo, vincerebbe Verstappen per la differenza di Gran Premi ottenuti, 9 a 8 per l’olandese. Vengono in mente le lotte Prost-Senna, Schumacher-Villeneuve, ma il tempo dei commissari e dei regolamenti è oggi assai diverso e quindi certi comportamenti al limite non trovano tolleranza.

L’ultimo Gp di ‘Iceman’ Raikkonen

Tempo di ritiri o cambi di casacche: è in primis il caso dell’icona Raikkonen, all’ultimo Gp di una lunga luminosa carriera. Alla domanda di quanto gli dispiaccia, il finlandese ha risposto che “la F1 non è mai stata la mia vita”. Parole perfette per alimentare il mito del personaggio, ma in realtà quando a Hinwil lo hanno festeggiato con una lunga standing ovation, la sua commozione era visibile. Iceman è fatto così, passa dal mutismo all’ilarità più completa. Bottas lascia Mercedes-Benz, Giovinazzi va a correre in Formula E, il cambiamento fa parte di questo sport. Molte le celebrazioni, i caschi speciali, le frasi applicate alle fiancate delle monoposto.

E un finale da brivido. Sì, Yas Marina è davvero qualcosa di speciale quest’anno: il dono di una F1 come la intendiamo nel senso migliore, e arrivare all’ultimo Gran Premio con due campioni, uno maturo e uno giovane, a giocarsi il titolo è quanto di meglio potevamo chiedere. Alle 14 di domani andrà in scena l’essenza dello sport motoristico, la lotta alla corda migliore, alla partenza più rapida, alla staccata al limite. Uno spettacolo.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
il dopopartita
5 ore
È un Lugano poco cinico: ‘Abbiamo fatto tutto da soli’
A Bienne i bianconeri partono bene ma poi calano. Gianinazzi: ‘È mancata concretezza, ma a volte bisogna accettare che le partite girino in questo modo’.
il dopopartita
5 ore
I due volti dell’Ambrì: ‘Vinto con le nostre forze e col gruppo’
Successo biancoblù con il Rappi nonostante le assenze e il brutto inizio. Mentre si avvicina la Spengler: ‘Atmosfera che non vediamo l’ora di rivivere’.
Qatar 2022
6 ore
Tre gol al Senegal, l’Inghilterra brinda ai quarti
Dopo mezz’ora di difficoltà, la selezoine dei Tre Leoni sblocca la partita e poi tira dritta per la propria strada, mentre gli africani sparicono di scena
Sci
9 ore
La domenica incorona Corine Suter. Per due centesimi
Terza gara nel weekend canadese, terzo podio per la ventottenne svittese. Poca fortuna invece per Lara, fuori dai giochi proprio mentre stava spingendo
Sci
9 ore
Il duello Kilde-Odermatt va di nuovo al norvegese
Nel SuperG di Beaver Creek i due sono separati da 20 centesimi. Terzo a 30 centesimi Pinturault, buon quarto Gino Caviezel.
Basket
10 ore
La Sam e un weekend che è un bell’affare
Spinelli sempre più leader, con quattro punti di margine grazie alla sconfitta del Vevey a opera del Boncourt. Il Lugano, invece, s’arrende a Ginevra
QATAR 2020
10 ore
Mbappé incontenibile, la Francia annienta la Polonia
Doppietta per il fenomeno del Psg, ma la selezione di Deschamps concede troppe occasioni a una Polonia finalmente propositiva
Volley
11 ore
Düdingen troppo forte, luganesi costrette alla resa
Dopo sette vittorie filate le bianconere cadono in casa propria, con le friborghesi che chiudono il match vincendo tutti e tre i set
Ciclismo
11 ore
Ciclocross, ad Anversa domina Van der Poel
All’esordio in Coppa del mondo l’attesissimo belga Wout van Aert si deve arrendere allo strapotere dell’olandese
Formula 1
12 ore
Il Circus piange la morte di Patrick Tambay
Ex pilota parigino di Ferrari, McLaren e Renault soffriva da tempo del morbo di Parkinson. Nel 1982 vinse il suo primo Gp, dedicandolo a Gilles Villeneuve
© Regiopress, All rights reserved