laRegione
FORMULA 1
05.11.21 - 22:11

Messico e nuvole. E un titolo mondiale in palio

L’olandese Verstappen non vuole lasciarsi scappare l’occasione di un ulteriore allungo in classifica, su una pista che vede le Red Bull favorite

di Paolo Spalluto
messico-e-nuvole-e-un-titolo-mondiale-in-palio

Il GP in altura è sempre interessante perché il cambio di rarefazione dell’aria cambia le prestazioni delle monoposto. I freni respirano meno e scaldano più a lungo, il regime motore cambia e fatica agli alti giri, la pressione respiratoria cambia indubitabilmente le capacità di resistenza dei piloti. Una bella gara insomma che vede le Red Bull ampiamente favorite da sempre perché il loro setting lavora proprio in ambito aerodinamico più che di propulsore, come invece è il caso di Mercedes-Benz.

Verstappen sa di avere in mano l’asso dell’allungo ulteriore su Hamilton perché l’olandese non è così sciocco da non rendersi conto che attendere l’ultima gara ad Abu Dhabi per decidere il proprio mondiale sarebbe oltremodo rischioso con una volpe come il caraibico.

Ieri era il compleanno di Binotto e la festa che si è tenuta in pista ha cercato di smorzare gli animi sempre preoccupati che ci sono a Maranello nei confronti della mancanza di risultati del team che certo è in crescita, ma pure in assenza di risultati all’altezza del blasone.

La Sauber prosegue la sua trattativa con Andretti, ma Finn, da persona seria quale è sempre stato, chiede garanzie occupazionali, di mantenimento della sede in Svizzera e un piano di finanziamento quinquennale dell’attività. Senza questa garanzia non si vende, questa in pratica la lungimirante opinione dello svedese. Si parla quindi di un aggiunta di circa 200 milioni di dollari da mettere sul tavolo, non esattamente bruscolini.

Giovinazzi è la vittima di questa logorante attesa: se entrano gli americani il pilota sarà di quella nazione, se non entrano non sarà Zhou che proprio a parte la valigia di dollari non convince. Vi è una terza scelta francese legata ad Alpine e amata da Vasseur, ma Alfa Romeo preme un poco per mantenere un pilota italiano in F1.

La gara sarà certamente divertente, specie per quel catino di pubblico prima del rettifilo box che rende la pista unica ed emozionante, oltre che carica di storia e ricordi.

Tre informazioni per concludere: la Porsche pensa seriamente al rientro nella massima formula, sta decidendo se comperare un team o proporsi individualmente. La Fia ha tranquillizzato sul retrotreno di Mercedes-Benz. La Red Bull può stare tranquilla insomma che il cablaggio del posteriore è certamente regolare. Infine, il sistema di budget cap sta portando verso la F1 un numero di interessati maggiori che non nel passato e di questo certamente i tifosi di tutto il mondo possono rallegrarsi. Porsche per prima.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Qatar 2022
1 ora
Shaqiri: ‘Dobbiamo solo chiedere scusa alla gente’
Enorme la delusione rossocrociata al termine di una gara in cui nulla ha funzionato come ci si attendeva
gallery
Qatar 2022
2 ore
Che umiliazione
La Svizzera non è pervenuta e con il Portogallo viene rispedita a casa con un pesantissimo 6-1
QATAR 2022
5 ore
I rigori mandano il Marocco in Paradiso e la Spagna a casa
Gli africani per la prima volta ai quarti di finale dopo una partita difensiva. Gli iberici deludenti e senza idee sbagliano tre volte dal dischetto
Angolo Bocce
8 ore
Alessandro Eichenberger e Aramis Gianinazzi vincono in Austria
La giovane coppia dell’Ideal di Coldrerio si è imposta nel torneo internazionale di Hard, contro i chiassesi Peschiera e Dalle Fratte
Hockey
9 ore
Qualche settimana d’assenza per Kostner e Kneubuehler
Contro il Rapperswil i due hanno subito una contusione alla spalla sinistra, rispettivamente un infortunio muscolare al torace
COSE DELL'ALTRO MONDO
10 ore
Mr. Irrilevant, anche gli ultimi hanno il loro giorno di gloria
Scelto quale 262° giocatore al draft 2022, Brock Purdy è salito agli onori della cronaca con San Francisco. Ma nella Nfl la carriera è molto breve
TIRI LIBERI
10 ore
I progetti del basket svizzero sembrano usciti da un incubo
Dall’assurdità di una fase a orologio basata sulla classifica della scorsa stagione a una Coppa Svizzera che produce palestre vuote
CALCIO
11 ore
Fissata la prima amichevole, sabato il Lugano ospita il Monza
La compagine di Serie A a Cornaredo dalle 14. Oggi l’inizio della prevendita (agibili solo tribuna principale e spalti)
Qatar 2022
1 gior
L’arte del pallone: il Brasile non dà scampo alla Corea
Primo tempo a passo di danza in un lunedì senza storia, con la selezione di Tite che liquida la pratica degli ottavi segnando quattro gol
HOCKEY
1 gior
L’ipocrisia dell’ibrido. Mottis: ‘Che formazione sia’
L’inverno rigido di una Swiss League che attende di conoscere il proprio destino dopo aver sopravvalutato se stessa. ‘Quei 400 mila franchi ora mancano’
© Regiopress, All rights reserved