laRegione
24.10.21 - 22:40
Aggiornamento: 25.10.21 - 10:35

È Max Verstappen a brindare nel Gp a stelle e strisce

In testa alla prima curva grazie alla partenza migliore, Hamilton prova a rincorrere l’olandese che lo ripassa grazie alle soste ai box, ma deve desistere

e-max-verstappen-a-brindare-nel-gp-a-stelle-e-strisce
Battaglia accesa sull’asfalto texano (Keystone)

Si anima sin dal via, la corsa sull‘asfalto statunitense di Austin, in Texas, sede del diciassettesimo Gran Premio della stagione. Con Max Verstappen che, scattato dalla ’pole’, è subito costretto a lasciar strada al campione del mondo Lewis Hamilton, che resiste alla pressione del rivale e lo passa all’interno, alla prima curva. Tuttavia, il talento della Red Bull non si dà per vinto, nonostante il britannico guadagna subito parecchio terreno, e all’undicesimo giro decide di anticipare il rientro ai box, prendendo di sorpresa il rivale. Che tergiversa, e quando rientra dal cambio gomme, tre tornate più tardi, si ritrova alle spalle del giovane rivale.

Entrambi in pista con le gomme dure, Verstappen e Hamilton riprendono ben presto la bagarre in vetta, anche perché il ritmo della Mercedes è sensibilmente più alto. L’erosione del vantaggio continua inarrestabile, così al trentesimo giro, dopo una safety car virtuale per permettere agli inservienti di rimuovere dei detriti presenti in pista, il ventiquattrenne olandese decide di fermarsi nuovamente ai box, e quando rientra in pista accusa oltre diciassette secondi di ritardo su Hamilton. Quel disavanzo, naturalmente, comincia a diminuire strada facendo, ma meno di quanto si potrebbe supporre. Quindi dopo la tornata numero 38 Hamilton a sua volta si ferma per il pitstop, e quando rientra si trova a poco meno di nove secondi dal rivale.

A quel punto, Hamilton non ha altra possibilità se non spingere a tutta per provare a rincorrere Verstappen, in un finale di corsa in cui gli suoi pneumatici avranno otto giri di vita in meno: tuttavia, all’inizio del 49esimo giro il vantaggio dell’olandese è inferiore ai due secondi, ma il suo avversario non molla e riesce a difendere la leadership fino al termine. Non solo: la Red Bull piazza sul podio anche la vettura di Sergio Perez, il quale chiude davanti alla Ferrari di Leclerc. Quanto alle due Alfa Romeo Sauber, quella di Raikkonen dopo un testacoda chiude fuori dai punti, tredicesima, due posizioni dietro a quella del collega Giovinazzi.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Qatar 2022
49 min
Shaqiri: ‘Dobbiamo solo chiedere scusa alla gente’
Enorme la delusione rossocrociata al termine di una gara in cui nulla ha funzionato come ci si attendeva
gallery
Qatar 2022
2 ore
Che umiliazione
La Svizzera non è pervenuta e con il Portogallo viene rispedita a casa con un pesantissimo 6-1
QATAR 2022
4 ore
I rigori mandano il Marocco in Paradiso e la Spagna a casa
Gli africani per la prima volta ai quarti di finale dopo una partita difensiva. Gli iberici deludenti e senza idee sbagliano tre volte dal dischetto
Angolo Bocce
8 ore
Alessandro Eichenberger e Aramis Gianinazzi vincono in Austria
La giovane coppia dell’Ideal di Coldrerio si è imposta nel torneo internazionale di Hard, contro i chiassesi Peschiera e Dalle Fratte
Hockey
8 ore
Qualche settimana d’assenza per Kostner e Kneubuehler
Contro il Rapperswil i due hanno subito una contusione alla spalla sinistra, rispettivamente un infortunio muscolare al torace
COSE DELL'ALTRO MONDO
9 ore
Mr. Irrilevant, anche gli ultimi hanno il loro giorno di gloria
Scelto quale 262° giocatore al draft 2022, Brock Purdy è salito agli onori della cronaca con San Francisco. Ma nella Nfl la carriera è molto breve
TIRI LIBERI
9 ore
I progetti del basket svizzero sembrano usciti da un incubo
Dall’assurdità di una fase a orologio basata sulla classifica della scorsa stagione a una Coppa Svizzera che produce palestre vuote
CALCIO
11 ore
Fissata la prima amichevole, sabato il Lugano ospita il Monza
La compagine di Serie A a Cornaredo dalle 14. Oggi l’inizio della prevendita (agibili solo tribuna principale e spalti)
Qatar 2022
1 gior
L’arte del pallone: il Brasile non dà scampo alla Corea
Primo tempo a passo di danza in un lunedì senza storia, con la selezione di Tite che liquida la pratica degli ottavi segnando quattro gol
HOCKEY
1 gior
L’ipocrisia dell’ibrido. Mottis: ‘Che formazione sia’
L’inverno rigido di una Swiss League che attende di conoscere il proprio destino dopo aver sopravvalutato se stessa. ‘Quei 400 mila franchi ora mancano’
© Regiopress, All rights reserved